Green fitness, un bell'esempio dal Regno Unito

Green fitness, un bell'esempio dal Regno Unito big
L'azienda britannica TGO ha realizzato più di 250 aree per l'allenamento outdoor dotate di attrezzi che raccolgono l'energia cinetica trasformandola in energia elettrica. L'iniziativa, il cui fine è anche facilitare l'accesso all'esercizio fisico, ha già ottenuto l'adesione di una città dello Yorkshire e il sostegno del Ministero della Salute britannico

The Great Outdoor Gym Company, azienda britannica sinteticamente nota come TGO e specializzata nella produzione di attrezzature per l’esercizio fisico svolto all’aperto, ha recentemente realizzato più di 250 aree per l’allenamento outdoor dotate di attrezzi robusti e resistenti ad acqua e umidità e, soprattutto, in grado di raccogliere l’energia cinetica prodotta da chi si allena e trasformarla in energia elettrica.

Queste installazioni rientrano nell’iniziativa pilota TGO Green Heart che ha ottenuto l’adesione di Kingston upon Hull, città dello Yorkshire, e il sostegno del Ministero della Salute britannico. L’obiettivo è installare un centinaio di palestre all’aperto all’anno per cinque anni affinché ognuna serva una comunità composta da circa 5.000 persone, favorendo l’accesso gratuito all’esercizio fisico. Una sorta di “patto di responsabilità” stimolato da quanto emerso da alcuni studi indipendenti che hanno evidenziato l’importanza delle palestre outdoor per consentire a tutti di avere accesso all’esercizio fisico, anche e soprattutto a persone svantaggiate dal punto di vista reddituale, culturale e del tempo a disposizione.

«Abbiamo deciso di attuare questa iniziativa – ha detto Georgie Delaney, direttrice creativa di TGO – per sfruttare la grande quantità di energia che le persone producono allenandosi, in un momento in cui il mondo sta affrontando una crisi energetica. Le Green Gym sono un ottimo modo per tenersi in forma e aiutare il pianeta»

La palestra allestita nel parco Shaw, polmone verde di Kingston upon Hull, è stata dotata degli strumenti per la misurazione dell’altezza e del peso e la configurazione della scheda d’allenamento, così come del Power Display Wall che, oltre a riportare le linee guida dello UK Chief Medical Officer in merito ai livelli di attività fisica, mostra l’energia prodotta dalla struttura che al momento è sufficiente per illuminare la palestra a cielo aperto dopo il tramonto. L’energia elettrica prodotta verrà presto convogliata nei vicini caseggiati o addirittura alla National Grid, multinazionale che gestisce l’erogazione di gas ed elettricità. Questa “open air gym” è dotata di cross trainer, biciclette di ogni tipo, strumenti per la misurazione dell’indice di massa corporea e tutto ciò che serve per incoraggiare la comunità ad assumere uno stile di vita attivo, improntato alla salute.

Per raggiungere l’obiettivo di servire circa 5.000 persone bisognerà produrre 1 Kilowatt al giorno. Una bella sfida per produrre energia pulita e benefica per tutti.

Share

LEGGI ANCHE

Un club Retro Fitness

Fondato nel 2004 dall’imprenditore Eric Casaburi, il franchising statunitense Retro Fitness si è sviluppato velocemente: oggi conta 150 bandierine in 15 stati dell’Unione e i piani di sviluppo prevedono l’apertura di altri 200 club nel prossimo biennio, per la pr

Paris Navigating Gym

Il progetto “Paris Navigating Gym”, realizzato dallo studio d’architettura torinese Carlo Ratti Associati in collaborazione con Technogym, Terreform ONE e URBEM e presentato lo scorso novembre, è stato ideato app

John Reed

Oltre agli attrezzi e ai materassini c’è la consolle del dj, perché al John Reed Fitness Music Club ci si allena al ritmo della musica live.

Twerkout

Tre anni fa Miley Cyrus, dal palcoscenico degli MTV Video Music Awards, l’aveva lanciata come moda globale, inducendo donne e uomini di ogni etnia e religione a muovere i fianchi a un ritmo forsennato, in una parola a twerkare

Pubblico congresso

Organizzato dallo Studio Cassinis, dal 1973 specializzato in diritto sportivo e sponsorizzazioni, il convegno intitolato “Nuove opportunità per la gestione dei centri sportivi a seguito della nuo

Studio Cassinis

Lo Studio Cassinis, dal 1973 specializzato in diritto sportivo e sponsorizzazioni, è l’organizzatore del convegno, a partecipazione gratuita, intitolato “Nuove opportunità per la gestione dei centri sportivi a se