6 milioni di euro per le start up legate anche allo sport

Bando regionale per le start up
Autore: 
Redazione
Mercoledì, Gennaio 27, 2016
Fino al 30 settembre 2016 sarà possibile partecipare al bando approvato dalla Giunta Regionale dell’Emilia Romagna, che mette a disposizione delle start up oltre 6 milioni di euro.

Venerdì 15 gennaio è stato pubblicato il bando, approvato dalla Giunta Regionale dell’Emilia Romagna, per il sostegno alle start up innovative, il cui obiettivo è quello di “favorire la nascita e la crescita di start up in grado di generare nuove nicchie di mercato attraverso nuovi prodotti, servizi e sistemi di produzione a elevato contenuto innovativo, cogliere le tendenze dominanti e generare opportunità occupazionali”.

Le risorse stanziate saranno diluite nell’arco di tre anni, dal 2016 al 2018 compresi, e ammontano a 6.028.065,87€. Esse sono rivolte alle piccole e micro imprese, regolarmente costituite come società di capitali, che sono in grado di dimostrare di aver elaborato progetti di chiara ricaduta innovativa e di diversificazione.

L’industria della salute e del benessere risulta tra gli ambiti di specializzazione a cui è rivolto il bando. Nello specifico, all’interno della categoria “attività sportive, di intrattenimento e di divertimento”, vengono citate:

  • gestione di impianti sportivi polivalenti;
  • gestione di impianti sportivi nca;
  • gestione di palestre;
  • gestione di piscine;
  • attività di club sportivi.

 

Per avere maggiori informazioni e per approfondire i dettagli del bando, la cui scadenza dei termini di partecipazione è stata fissata per il 30 settembre 2016 alle ore 17.00, vi invitiamo a consultare il sito della Regione Emilia Romagna.

 

Share

LEGGI ANCHE

Umberto Miletto

La 21a edizione di ForumClub, il congresso internazionale ed expo di riferimento per gli operatori del settore fitness e wellness in Italia, si al Palazzo del Ghiaccio di Milano (ne

Adolescente al computer

Gli adolescenti italiani si muovono sempre meno: mediamente, l’81% dei ragazzi tra gli 11 e i 17 anni non svolge la quantità di attività motoria raccomandata, per la salute, dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), ovvero

Ragazza in palestra

In occasione dell’ultima edizione del Global Wellness Summit, tenutosi lo scorso 12 ottobre a Singapore, il Global Wellness Institute

Ragazza al computer

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha recentemente classificato il burn out, ovvero lo stress da lavoro, come sindrome che influenza lo stato di salute.

Ragazze fanno push up

EuropeActive ha reso noto che tutti e tre i suoi progetti sottoposti al vaglio dell’Unione Europea nel 2019 hanno sufficientemente soddisfatto i criteri di valutazione e sono stati ufficialmente finanziati.

Lo abbiamo scritto e non manchiamo di ripeterlo: uno stile di vita sedentario può essere un forte fattore di rischio per la salute, specie nei soggetti colpiti da infarto che, in caso di inattività fisica protratta nel tempo, possono incorrere in seri problemi cardiaci