Al via il progetto 'Palestre Verona'

Al via il progetto 'Palestre Verona' big
È stata recentemente presentata ufficialmente l'iniziativa il cui obiettivo è creare una rete di enti e strutture sportive la cui collaborazione incentivi lo svolgimento di attività fisica e al tempo stesso elevi la qualità dell'offerta di servizi e attività rivolti a persone con patologie di vario tipo

Il progetto “Palestre Verona”, scaturito da una deliberazione del consiglio comunale della città scaligera e dalla costituzione di un tavolo tecnico, è stato presentato all’inizio di luglio dal sindaco Flavio Tosi e dall’assessore allo Sport Marco Giorlo. Obiettivo del’iniziativa &eegrave; creare una rete di enti e strutture sportive la cui collaborazione possa incentivare lo svolgimento di attività fisica e al tempo stesso elevare la qualità dell’offerta di servizi e attività rivolti a persone con patologie di vario tipo.

Oltre al Comune e all’Unità Sanitaria Locale, il progetto coinvolge la Facoltà di Scienze Motorie, la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Verona, l’Associazione Dottori in Scienze Motorie, i fitness club e i centri sportivi del territorio, nonché le farmacie e il centro polifunzionale Don Calabria.

«Quando si affrontano argomenti quali la qualità della vita e la salute dei cittadini – ha detto Tosi al termine dell’incontro – diventa fondamentale la collaborazione tra il mondo della scienza e le istituzioni, non solo per garantire la qualità di progetti come quello presentato oggi, ma anche per renderne attuabili e concreti i contenuti. Nella nostra città, negli ultimi anni sono stati sostenuti diversi investimenti per gli per lo sport e l’ambiente, interventi che hanno consentito di iniziare a creare una mentalità attenta agli stili di vita più sani».

L’assessore  Giorlo ha invece ringraziato tutti coloro che hanno contribuito alla configurazione di questo importante progetto che darà delle garanzie, sulla qualità delle strutture e la professionalità degli operatori, agli utenti dei centri sportivi e delle palestre, in special modo ai soggetti con patologie. Il progetto “Palestre Verona” si basa su una concezione ben precisa dell’attività motoria, intesa come valido strumento di promozione della salute, di prevenzione e cura di patologie cronico-degenerative, nonché di promozione e valorizzazione di corretti stili di vita. I fitness club e centri sportivi che aderiranno all’iniziativa riceveranno un logo da esporre, dovranno sottoscrivere un protocollo di qualità delle attività esercitate (che saranno periodicamente controllate) e un codice etico.

È inoltre previsto un rapporto costante con i medici curanti e una collaborazione con i medici di base e le farmacie che avranno il compito di indirizzare i pazienti verso strutture sicure in cui svolgere esercizio fisico.

 

 

Share

LEGGI ANCHE

Vanessa Ferrari

Con l'hashtag la #iorestoacasa, anche la Federazione Ginnastica d'Italia invitata tutti a restare a casa, continuando però a fare esercizio, a mantene

FIBO 2019

L'edizione 2020 di FIBO, il principale evento espositivo dedicato al settore fitness e wellness a livello mondiale, era in programma alla fiera di Colonia

Basta jogging nei parchi, basta partitelle tra amici nel cortile di casa: AiCS rappresenta un milione di sportivi in Italia, a loro chiedo di stare in casa.

Un milione di euro ai reparti di terapia intensiva degli ospedali della Romagna, per l’acquisto urgente di postazioni e macchinari.

L'Università di Bologna non si ferma e dopo aver portato in modalità a distanza didattica, esami, lauree e i servizi all’utenza, da domani sbarca sui social con alcuni appuntamenti culturali e sportivi.

Con il decreto della Presidenza del Consiglio dei ministri del 9 marzo scorso, il Governo guidato dal premier Giuseppe Conte ha esteso la 'zona rossa' a tutta l'Italia, nel tentativo di contenere e contrastare la diffusione del Coronavirus.