Artrosi, un'ora di attività fisica intensa la settimana diminuisce rischio di disabilità

Autore: 
A cura della Redazione
Giovedì, Aprile 11, 2019
Un’ora soltanto la settimana. Basta questo, secondo i ricercatori della Feinberg School of Medicine della Northwestern University, negli Stati Uniti, per diminuire il rischio di disabilità legato all’artrosi.

Un’ora soltanto la settimana. Basta questo, secondo i ricercatori della Feinberg School of Medicine della Northwestern University, negli Stati Uniti, per diminuire il rischio di disabilità legato all’artrosi. Certo, come i numerosi studi effettuati per misurare i benefici determinati dall’attività fisica consigliano di ritagliare più tempo per lo sport, una mezz’ora al giorno è l’ideale, tuttavia, secondo quest’ultima ricerca, anche fare poco aiuta a tenere lontana questa malattia degenerativa delle articolazioni, che può portare all'invalidità e a una conseguente perdita di indipendenza nella vita quotidiana.

Come spiega la Fondazione Umberto Veronesi, l’artrosi è una malattia reumatica cronica caratterizzata da lesioni degenerative della cartilagine articolare. Il processo non coinvolge solo la cartilagine, ma colpisce l’intera articolazione, incluso l’osso subcondrale, membrana sinoviale, legamenti, capsula e muscoli peri-articolari. L'artrosi è certamente la più comune delle malattie dell’apparato muscolo scheletrico, e purtroppo a oggi non c’è una terapia risolutiva. Si calcola che, in media, il 15.1% della popolazione degli USA sia affetta da problematiche osteoarticolari classificabili come artrosi, mentre in Italia coinvolge quattro milioni di persone, circa il 12.1% della popolazione. La prevalenza dell'artrosi aumenta con il progredire dell’età, è più alta nelle donne rispetto agli uomini; non vi è differenza fra bianchi e persone di colore, mentre la frequenza è minore fra gli Asiatici. La prevalenza, infine, è maggiore fra i soggetti in sovrappeso e obesi. L’impatto sociale della malattia è molto alto. Si stima che almeno il 3% della popolazione abbia limitazione della propria attività lavorativa conseguente all’impegno articolare in corso di artrosi.

 

 

La ricerca
L’indagine condotta dai ricercatori americani si è focalizzata su pazienti di un’età compresa tra i 48 e gli 83: per capire quale misura di attività fisica fosse necessaria a garantire benefici, i ricercatori hanno selezionato un campione di 1.500 persone affette da dolore e rigidità alle articolazioni inferiori, provenienti dalla Osteoarthritis Initiative, uno studio approfondito sull'osteoartrite del ginocchio, svolto in America tra il 2008 e il 2014. All'inizio della ricerca, tutti i partecipanti non riportavano alcun tipo di disabilità. Dunque, per monitorare i loro livelli di attività, gli scienziati sono ricorsi a accelerometri e successivamente hanno intervistato i partecipanti ogni 2 anni per 4 anni.

I risultati dello studio
Al termine della ricerca, quindi, i ricercatori hanno potuto osservare come i pazienti che svolgevano un minimo di 56 minuti di attività fisica – da moderato a vigoroso – ogni settimana vedevano ridursi il rischio di presentare sintomi di disabilità motoria, cioè di non riuscire a camminare a meno di un metro al secondo di velocità, dell’86%, e di incorrere in difficoltà legate alle attività quotidiane, come lavarsi o vestirsi, del 45%. Inoltre, solo il 4% tra coloro che hanno svolto almeno 56 minuti di attività fisica la settimana, 4 anni dopo l’inizio dello studio ha sviluppato una disabilità, contro il 24% di quelli meno attivi. E solo il 12% tra questo ha dimostrato problemi nello svolgimento delle proprie attività quotidiane, a fronte di un 23% tra i partecipanti più sedentari. Lo studio, ammettono i ricercatori, non è conclusivo e presenta certamente dei limiti, tuttavia i risultati rinforzano un messaggio importante: lo sport giova a tutte le età e aiuta a mantenersi in salute anche invecchiando.

 

 

Share

LEGGI ANCHE

Nel 2018 gli italiani hanno speso 17,5 miliardi per la sana alimentazione, mentre 10,2 miliardi sono stati destinati alla cura del corpo e 8,6 miliardi all’attività fisica.

Fitness club

La norma volontaria UNI-EN 17229:2019, pu

Trainer al lavoro

Alcune organizzazioni sportive – enti di promozione sportiva e Federazioni –  hanno sottoscritto, lo scorso 12 luglio, un Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro con una confederazione sindacale all’interno del quale spicca il riconoscimento, come prestazione lavorativa, d

Tanti nuovi articoli, tutti da non perdere, inseriti in una veste grafica completamente rinnovata, pensata per rendere ancor più gradevole la lettura della rivista.

Smartwatch

I fitness tracker, ovvero i dispositivi indossabili che monitorano l'attività fisica, costituiscono un mercato in forte crescita.

Protezione dati

La nuova norma europea sulla privacy, ovvero il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati (sinteticamente GDPR) è entrato in vigore il 25 maggio 2018 in tutti i paesi dell’Unione Europea.