Bambini e adolescenti italiani troppo sedentari

Bambina con smartphone
Autore: 
Redazione
Martedì, Maggio 22, 2018
I dati diffusi dal Ministero della Salute e dall’Istituto Superiore di Sanità sugli stili di vita dei bambini della scuola primaria e sui comportamenti a rischio nella pre-adolescenza e nell’adolescenza continuano a essere allarmanti per quanto attiene a sedentarietà e sovrappeso

I sistemi di sorveglianza OKkio alla Salute e Health Behaviour in School-aged Children (Hbsc), promossi e finanziati dal Ministero della Salute e coordinati dall’Istituto Superiore di Sanità, forniscono indicazioni sugli stili di vita dei bambini della scuola primaria e sui comportamenti a rischio nella pre-adolescenza e nell’adolescenza.

I risultati dell’edizione 2016 dell'indagine condotta da OKkio alla Salute confermano che i bambini italiani tendenzialmente svolgono poca attività fisica: il 34% dedica al massimo un giorno alla settimana (almeno 1 ora) allo svolgimento di attività fisica strutturata e quasi 1 bambino su 4 dedica al massimo un giorno alla settimana (almeno 1 ora) allo svolgimento di giochi di movimento. Nelle Regioni del Sud i più piccoli sono meno attivi rispetto ai loro coetanei che vivono nelle Regioni del Nord e le femmine risultano più sedentarie dei maschi.

È bene ricordare che l'Oms e la comunità scientifica raccomandano di limitare il tempo che i bambini trascorrono davanti allo schermo (televisione, computer, videogiochi, smartphone e tablet) a un massimo di 2 ore al giorno anche perché questa attività può indurre a un maggior consumo di spuntini a elevato contenuto calorico e può interferire con il sonno, la cui carenza è un noto fattore di rischio per l'obesità.

Per quanto concerne i comportamenti che favoriscono la sedentarietà, lo studio rivela che in Italia il 44% dei bambini ha la TV nella propria camera da letto e il 41% trascorre più di 2 ore al giorno davanti a uno schermo (TV, videogiochi, tablet, smartphone). Questo comportamento, che favorisce la sedentarietà, è più diffuso tra i bambini che vivono al Sud, nei maschi e in coloro i cui genitori hanno un basso livello di scolarizzazione.

OKkio alla Salute svela inoltre dati allarmanti inerenti sovrappeso e obesità, condizioni di rischio per la salute. Tra i bambini di 8-9 anni, 1 su 3 è in sovrappeso o adirittura obeso, rispettivamente il 21,3% e il 9,3%. Le femmine sono meno obese dei maschi (8,8% vs 9,7%) e le Regioni del Sud e del Centro registrano un tasso di sovrappeso e obesità infantili più elevato. Nonostante nel corso degli anni i bambini in eccesso ponderale siano diminuiti (dal 35,2% della prima rilevazione del 2008-2009 al 30,6% della quinta rilevazione), tra i Paesi europei aderenti alla "sorveglianza Cosi" (Childhood Obesity Surveillance Initiative), l’Italia continua a presentare valori elevati in tale ambito.

I fitness-welness club e i centri sportivi italiani possono giocare un ruolo importante nella battaglia alla sedentarietà e al sovrappeso dei giovanissimi, avviandoli all'attività motoria costante e alimentando la loro motivazione.

 

Potrebbe interessarti anche questo articolo

 

Share

LEGGI ANCHE

Campo da gioco polifunzionale

L’articolo 13 del decreto n.

Di Maio, Conte, Giorgetti

 

Bambino in piscina

All’inizio della scorsa estate, Mauro Migliorini, sindaco del piccolo comune di Asolo - poco più di 9.000 abitanti, sulle colline bellunesi - ha conquistato titoli e pagine sui principali quotidiani nazionali per via di un divieto che ci ha fatto fare un balzo sulla sedia.

The Mirai

Rainer Schaller (nella foto sotto), fondatore, socio unico e CEO di McFIT, network internazionale di club low cost presente anche in Italia, ha recentemente ceduto la gestione operativa del core business aziendale al COO Vito Scavo.

Palestra flessibile

Aperta 24 ore su 24, 7 giorni su 7. In una parola: flessibile. È questa la palestra del futuro, o per meglio dire, del presente.

Persone che fanno fitness

Un progetto dell’Unione Europea, promosso da EuropeActive in collaborazione con ANIF e