Beer Yoga, il piacere della birra rinfresca lo yoga

Lezione di beer yoga
Autore: 
Redazione
Lunedì, Gennaio 23, 2017
Nata in Australia, lo yoga svolto sorseggiando birra e utilizzando la bottiglia come piccolo attrezzo è già un tendenza a Berlino e potrebbe diffondersi sulla scena internazionale

Una nuova “moda” si sta diffondendo a Berlino, tra le pieghe della cultura hipster della capitale tedesca: fare yoga bevendo birra, ovvero Beer Yoga. In realtà l’idea ha origini geografiche più lontane, ossia l’Australia, altro paese in cui la bevanda a base di malto è protagonista indiscussa del costume locale.

Lezione di beer yoga

Questa nuova “disciplina fuori ordinanza” è stata ideata per massimizzare il rilassamento e lo stato di trascendenza assicurarti dallo yoga e, al tempo stesso, costituisce una piccola trasgressione ai più rigidi precetti salutistici che vieterebbero un’associazione così ravvicinata tra alcol ed esercizio fisico.

Nella terra dei canguri lo Beer Yoga incomincia ad assumere una certa notorietà e popolarità, con numerosi corsi frequentati da decine di praticanti. Lo svolgimento della lezione è molto semplice: le diverse posizioni vengono assunte con l’ausilio di una bottiglia di birra che funge da piccolo attrezzo, utile, ad esempio, per migliorare l’equilibrio posizionandola sulla testa. E ovviamente sono concessi sorsi che gratificano la mente e placano la sete.  

L’approccio a questa attività, che intende unire due piaceri fisici e mentali, è assolutamente serio e assicura i grandi benefici dello yoga, tra i quali figura l’autoconsapevolezza.

Lezione di beer yoga

 

Share

LEGGI ANCHE

Positive Thinking

Pensare positivo per sentirsi meglio e rimanere ‘puri’. E’ il credo di un nuovo stile di vita nato – come spesso accade – negli Stati Uniti e dilagato in poco tempo in mezzo mondo, Italia compresa. Come funziona?

Studio Coldiretti

Che durante il lockdown di marzo il cibo avesse sostituito in larga parte quella socialità che, in una lontana epoca pre-Covid, ci teneva impegnati nelle ore extra-lavorative ce n’eravamo accorti: tutto d’un tratto, spaghetti e ciambelloni avevan

Londra

Le palestre avrebbero dovuto restare aperte nel Regno Unito.

Berlino

Un’azione legale collettiva contro il lockdown di un mese e la conseguente chiusura di palestre, piscine e attività ludiche.

Ragazza in palestra

La decisione presa con l’ultimo DPCM riguardo a palestre e piscine, e di fatto rinviata alla prossima settimana, ha creato una frattura all’interno del Comitato Tecnico Scientifico, segno – commenta Fiorenza Sarzanini nell’

Immagine Coronavirus

Durante il periodo di lockdown l’Associazione Polo della Salute ha messo il proprio know how a disposizione del Paese, realizzando il primo studio in Italia che analizza l’impatto della quarantena sulla salute e sulle abitudini degli italiani, in