Cassazione: il gestore della piscina è sempre responsabile

Cassazione piscine
Autore: 
Redazione
Lunedì, Ottobre 8, 2018
Una recente sentenza del Tribunale supremo sancisce che, in caso di incidenti in una piscina a uso pubblico, il gestore ne risponde civilmente e penalmente in quanto garante della sicurezza

Nel settore delle piscine a uso pubblico, l’estate 2018 si è conclusa portando con sé un drammatico carico di incidenti. Si è conclusa tragicamente la storia che ha visto una bambina di soli 13 anni morire per annegamento, dopo essere stata risucchiata da un bocchettone all’interno di una piscina a Sperlonga, in provincia di Latina. A Morlupo, in provincia di Roma, un bambino di 4 anni ha rischiato di affogare dopo essere accidentalmente caduto in acqua, mentre purtroppo non si è salvato il bambino di 7 anni in vacanza con la famiglia ad Orosei, in provincia di Nuoro, risucchiato dal bocchettone della piscina.

Questi incidenti, inevitabilmente, hanno chiamato in causa la giustizia e lo scorso 29 agosto, la Corte di Cassazione, quarta sezione penale, ha decretato che ogni responsabilità deve essere attribuita al gestore. La dichiarazione è stata emessa una volta accertato il caso della bambina deceduta dopo essere rimasta sott’acqua, tra i 3 e i 10 minuti, in una piscina alta 1,60 metri, probabilmente a causa di una congestione che le avrebbe causato un indebolimento permanente delle facoltà di deambulazione e la menomazione delle facoltà cognitivo-mnesiche e comportamentali. Precedentemente, il Tribunale aveva confermato la sentenza di primo grado, sulle scia della pena proposta dal Giudice di Pace (900 euro di multa, oltre al risarcimento dei danni morali e materiali).

Il gestore è stato accusato di negligenza, imperizia e imprudenza in quanto ha deciso di predisporre una sola persona all’assistenza dei bagnanti, priva di divisa riconoscibile, a cui era stata affidata anche la gestione degli ombrelloni e dei lettini, attività che gli ha impedito di assolvere, in modo adeguato, al prioritario compito di assistenza e salvataggio. Pur appellandosi alla condotta della vittima, tuffatasi senza rispettare i tempi di digestione, il gestore ha visto negarsi la possibilità di ricorso: la Corte lo ha condannato al pagamento delle spese processuali e al pagamento, in favore della Cassa delle ammende, di 2.000 euro a titolo di sanzione pecuniaria. In aggiunta, i Giudici di legittimità hanno ribadito che il gestore deve essere garante della sicurezza, eludendo potenziali eventi lesivi. In caso di minori, è senz’altro vero che resta raccomandabile la supervisione genitoriale ma, di fatto, una piscina aperta al pubblico prevede delle norme e una manutenzione a cui ottemperare senza leggerezze.

 

Share

LEGGI ANCHE

Sessione di EMS Training

Il Bundesrat, il Consiglio federale tedesco, ha recentemente aggiornato l’ordinanza sulla protezione dalle radiazioni che disciplina l'utilizzo dei dispositivi EMS.

Bimba che corre

Meno smartphone, tablet e tv, più attività fisica.

La pigrizia ha un’età: 7 anni. E’ questo, secondo uno studio condotto dall’Università di Jyväskylä e da LIKES Research Centre for Physical Activity and Health, il momento in cui i bambini iniziano a mostrare segni di malavoglia.

Simbolo Unione Europea

Il mercato europeo dei fitness club continua a crescere a ritmo costante. È quanto emerge dall'ultima edizione dello European Health & Fitness Market Report, l'annuale studio condotto da Deloitte in collaborazione con EuropeActive.

Un’ora soltanto la settimana. Basta questo, secondo i ricercatori della Feinberg School of Medicine della Northwestern University, negli Stati Uniti, per diminuire il rischio di disabilità legato all’artrosi.