Coregasm, quando allenarsi è un vero piacere

Coreogasm
Autore: 
Redazione
Giovedì, Giugno 14, 2018
A inventare il Coregasm è stata la sessuologa e docente dell’Università dell’Indiana Debby Herbenic che ha studiato, per 10 anni, il comportamento in palestra di quasi 400 donne, per poi spiegare in che modo molte di loro siano riuscite a raggiungere l'orgasmo durante un allenamento.

No, non è uno scherzo. Il workout che contribuisce a migliorare la vita sessuale esiste davvero e si chiama Coregasm. A inventarlo, e poi a esportarlo dagli Stati Uniti, patria di alcuni dei più insoliti – e divertenti – workout, è stata la sessuologa e docente dell’Università dell’Indiana Debby Herbenick, autrice di The Coregasm Workout. Una guida, cioè, già popolarissima tra le americane, che offre consigli tecnici per provare piacere attraverso il fitness.

Harbenick, infatti, ha studiato il comportamento in palestra di oltre 400 donne per un lasso di tempo lungo 10 anni, dopo di che la sessuologa è riuscita a spiegare in che modo la maggior parte di loro – il suo campione, insomma – sia riuscita ad avere un orgasmo durante il training. Combinando, cioè, nel modo giusto cardio, aerobica e respirazione, seguendo un ordine ben preciso volto a stimolare i muscoli pelvici e i nervi. Il Coreogasm, precisa Harbenick, non discrimina per genere: funziona sia negli uomini, sia nelle donne. E sì, insomma: provare per credere.

 

Guarda il video dedicato al Coregasm di Julia Buckley su YouTube

 

I

 

Share

LEGGI ANCHE

Più  corsi ibridi e soluzioni multiservizio, è il fitness del futuro

Nonostante la pandemia abbia cambiato radicalmente le nostre abitudini quotidiane, privandoci di spazi come palestre, piscine e cinema per rinchiuderci in casa, 9 persone su 10 non intendono rinunciare all’attività fisica.

Ragazza sorridente in palestra

Pensare positivo per sentirsi meglio e rimanere ‘puri’. È’ il credo di un nuovo stile di vita nato, come spesso accade, negli Stati Uniti e dilagato in poco tempo in mezzo mondo, Italia compresa. Come funziona?

Studio Coldiretti

Che durante il lockdown di marzo il cibo avesse sostituito in larga parte quella socialità che, in una lontana epoca pre-Covid, ci teneva impegnati nelle ore extra-lavorative ce n’eravamo accorti: tutto d’un tratto, spaghetti e ciambelloni avevan

Londra

Le palestre avrebbero dovuto restare aperte nel Regno Unito.

Berlino

Un’azione legale collettiva contro il lockdown di un mese e la conseguente chiusura di palestre, piscine e attività ludiche.

Ragazza in palestra

La decisione presa con l’ultimo DPCM riguardo a palestre e piscine, e di fatto rinviata alla prossima settimana, ha creato una frattura all’interno del Comitato Tecnico Scientifico, segno – commenta Fiorenza Sarzanini nell’