Cresce il mercato delle app dedicate a fitness e salute

Cresce il mercato delle app dedicate a fitness e salute big
Il giro d'affari generato dalle applicazioni dedicate a esercizio fisico, salute e benessere ha fatto registrare, nella prima metà del 2014, una crescita pari al 62%. Un trend positivo destinato a rafforzarsi ulteriormente

Le applicazioni per dispositivi “mobile” come smartphone e tablet, ovvero le app, sono entrate ormai in ogni ambito della nostra vita e fitness, salute e benessere non fanno certo eccezione. Nel 2013 il mercato delle app dedicate alla cura di sé ha fatto registrare una crescita pari al 29%, una percentuale importante, ma pur sempre modesta se paragonata alla crescita registrata da questo mercato nel suo complesso (115%). A metà del 2014, però, questa percentuale è salita al di sopra del 60% e il trend di crescita non sembra arrestarsi.

Flurry, partner delle aziende che investono nella comunicazione su mobile, ha monitorato l'andamento di 6.800 applicazioni per iPhone e iPad catalogate nella sezione fitness e salute, riscontrando una crescita del 62% e, soprattutto, un trend di sviluppo molto più sostenuto rispetto a quello che interessa altre tipologie di applicazioni. Un fenomeno che si spiega con la maggiore disponibilità di accessori e applicazioni per un utilizzo quotidiano, l’innovazione continua e l'integrazione tra ambienti applicativi diversi, anche tramite i social network.

 

Share

LEGGI ANCHE

Vanessa Ferrari

Con l'hashtag la #iorestoacasa, anche la Federazione Ginnastica d'Italia invitata tutti a restare a casa, continuando però a fare esercizio, a mantene

FIBO 2019

L'edizione 2020 di FIBO, il principale evento espositivo dedicato al settore fitness e wellness a livello mondiale, era in programma alla fiera di Colonia

Basta jogging nei parchi, basta partitelle tra amici nel cortile di casa: AiCS rappresenta un milione di sportivi in Italia, a loro chiedo di stare in casa.

Un milione di euro ai reparti di terapia intensiva degli ospedali della Romagna, per l’acquisto urgente di postazioni e macchinari.

L'Università di Bologna non si ferma e dopo aver portato in modalità a distanza didattica, esami, lauree e i servizi all’utenza, da domani sbarca sui social con alcuni appuntamenti culturali e sportivi.

Con il decreto della Presidenza del Consiglio dei ministri del 9 marzo scorso, il Governo guidato dal premier Giuseppe Conte ha esteso la 'zona rossa' a tutta l'Italia, nel tentativo di contenere e contrastare la diffusione del Coronavirus.