The dark side of… fitness

Donna bendata
Autore: 
Redazione
Venerdì, Novembre 29, 2019
Svolgere esercizi a corpo libero a occhi bendati è un ottimo modo per minimizzare distrazioni e inibizioni e ascoltare maggiormente il proprio corpo.

Il senso della vista ci fornisce ben l’80% delle informazioni che quotidianamente utilizziamo per orientarci e muoverci nel mondo. Chiudere gli occhi durante un allenamento e affidarsi agli altri sensi, in particolare udito e tatto, è un ottimo metodo per ridurre al minimo le distrazioni e modificare le proprie capacità percettive e fi ascolto del proprio corpo.

Il fitness al buio, oltre a permettere di percepire il proprio corpo in una dimensione completamente diversa, amplia la conoscenza nei confronti delle nostre potenzialità fisiche e mentali e, soprattutto, la capacità di assumere e mantenere una posizione in equilibrio sfruttando il sistema propriocettivo. Svolgendo allenamento di gruppo a occhi bendati ci si orienta nello spazio condiviso e il fatto di non vedere gli altri partecipanti attenua le potenziali inibizioni.

Per ottenere i maggiori benefici da questa attività, è consigliabile affrontarla in modo graduale, ovvero indossando inizialmente la maschera per pochi minuti, aumentando progressivamente la durata delle fasi al buio, in modo da abituarsi all’assenza di stimoli visivi senza troppe difficoltà, preparando gli altri sensi al lavoro supplementare ai quali sono chiamati. Una volta abituatisi a mantenersi in equilibrio anche al buio, è possibile incrementare la durata delle sessioni, ridurre le pause, compiere una varietà maggiore di esercizi e, al tempo stesso. elevarne la complessità. In genere, si comincia con esercizi da seduti per poi passare a quelli in quadrupedia e, infine, arrivare a eseguire l’allenamento in posizione eretta.

Share

LEGGI ANCHE

Acquafitness

Allenarsi in piscina è di estrema utilità, perché oltre a dare forma e tonicità al corpo permette di drenare e depurare l’organismo, agendo in maniera efficace anche sul sistema cardiocircolatorio.

Scimpanzè

La sedentarietà è forse la peggiore e la più diffusa tra le cattive abitudini della società odierna ed è una delle principali cause di disturbi e patologie all’apparato cardiocircolatorio. Ciò potrebbe dipendere dall’incompatibilità tra la forma del nostro cuore e le nostre abitudini.

Sportivi che corrono

Uno studio coordinato dai ricercatori dell’Unità di Disfunzioni Neuromuscolari dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri IRCCS con il supporto di AIRC e Fondazione Cariplo, recentemente pubblicato sulla rivista scienti

Depressione

Negli ultimi anni si è cercato di scoprire se il livello di attività fisica fornisca effettivamente informazioni utili alla diagnosi del disturbo bipolare, per giungere a una diagnosi precoce.

Game face

Comunemente chiamata game face, la faccia da competizione è l’espressione concentrata e seria che spesso esibiscono gli atleti prima di un importante match sportivo.

Pasticche

Le indagin, coordinate dai Nas di Firenze, avevano avuto inizio dopo il sequestro, avvenuto a Figline Valdarno, in provincia di Firenze, di sostanze dopanti e stupefacenti proveniente dalla Polonia e spacciate su tutto il territorio nazionale.