Europa: i consumatori di fitness sotto la lente

Ragazza in canottiera
Autore: 
A cura della Redazione
Lunedì, Giugno 20, 2022
Lo European Health and Fitness Consumer Survey 2022 ha interpelato 11.000 consumatori di fitness in 19 paesi europei per comprenderne il comportamento inerente l’esercizio fisico.

L’ultimo European Health & Fitness Forum, l’annuale congresso organizzato da EuropeActive in collaborazione con FIBO, svoltosi a Colonia lo scorso 6 aprile, è stata l’occasione per presentare i risultati dell’edizione 2022 dello European Health and Fitness Consumer Survey, condotto da Deloitte e commissionato da EuropeActive. L’indagine ha sondato un campione composto da 11.000 consumatori di fitness in 19 paesi europei per comprendere il loro comportamento inerente l’esercizio fisico. I risultati del sondaggio mostrano che l’ibridizzazione del settore è un dato consolidato, confermato dal fatto che l’odierno consumatore di fitness è attivo con modalità diverse: il 35% del campione sondato si allena in un club, il 16% solo in un club, il 7% in un club e a casa, il 3% in un club e all’aperto, il 9% in un club, in casa e all’aperto.

In 14 paesi su 19 il numero di consumatori che hanno interrotto la loro abitudine ad allenarsi regolarmente dall’esplosione della pandemia è superiore al numero di coloro che hanno incrementato la frequenza con la quale svolgono esercizio fisico, a riprova dell’impatto negativo dei lockdown sui livelli di attività motoria.

Più del 50% dei consumatori ha dichiarato di fare fitness almeno una volta alla settimana e questo dato è correlato al diffuso desiderio di allenarsi con maggiore frequenza, a condizione di farlo in un ambiente sicuro.

Numerosi fattori, riportati di seguito, influenzano il comportamento degli europei in relazione all’esercizio fisico:

  • l’outdoor training, l’home fitness e il fitness svolto nel club sono elementi complementari all’interno dell’abitudine di allenarsi;
  • i Millennial fungono da motore per lo sviluppo del fitness immersivo;
  • l’emergenza coronavirus è stato il fattore negativo più importante sull’abitudine ad allenarsi con regolarità;
  • le attrezzature e l’esperienza sociale sono fattori chiave nell’influenzare la decisone di iscriversi al club;
  • i piccoli attrezzi sono un fattore chiave dell’home fitness;
  • il corporate fitness ha un grande potenziale per avvicinare le persone al fitness e farle appassionare;
  • gli intermediari del fitness (piattaforme) fungono da porta di accesso agli studi/boutique;
  • l’industria del fitness e dell’attività fisica guarda a un futuro più digitale, nonostante la monetizzazione dei contenuti digitali continui a essere una sfida e i fitness club continuino a essere il pilastro degli introiti del settore;
  • la maggioranza delle persone che fanno fitness (54%) prevede di utilizzare un dispositivo indossabile per il monitoraggio entro un anno, indicando un futuro incremento della diffusione di tali strumenti pari al 14%.

 

Il Consumer Research Survey è parte dell’edizione 2022 dello European Health & Fitness Market Report, la cui versione integrale è acquistabile qui a 399 euro + IVA e a 199 euro + IVA per i soci EuropeActive.
 

Potrebbe interessarti anche questa news

 

 

 

 

Share

LEGGI ANCHE