EuropeActive: finanziamenti dall’Unione Europea per i suoi progetti

Ragazze fanno push up
Autore: 
Redazione
Mercoledì, Novembre 6, 2019
Finalizzati alla diffusione dei valori dell’Unione Europea, alla cooperazione internazionale e alla promozione di sani stili di vita, tre progetti di EuropeActive verranno finanziati dall’UE.

EuropeActive ha reso noto che tutti e tre i suoi progetti sottoposti al vaglio dell’Unione Europea nel 2019 hanno sufficientemente soddisfatto i criteri di valutazione e sono stati ufficialmente finanziati. I progetti sostengono le politiche chiave di EuropeActive nella promozione e nella protezione del settore fitness, come nello sviluppo di collaborazioni internazionali.

Il progetto National Fitness Day for Europe sarà co-finanziato dalla Commissione Europea a partire dal gennaio 2020, con l’obiettivo di promuovere la Settimana Europea dello Sport in tutta Europa e non solo. NFD for Europe – che supporta i principali obiettivi di EuropeActive attraverso l’hashtag #LetsBEACTIVE – unirà i Paesi facenti parte dell’Unione Europea e non, così come qualunque altro ente interessato e le organizzazioni sportive, nel sostegno dei valori dell’Unione Europea attraverso il fitness e lo sport. Il progetto si estende anche al di fuori dell’Unione Europea per collaborare con altri paesi del Partenariato orientale e dei Balcani occidentali.

 

National Fitness Day

 

Forum for Anti-Doping in Recreational Sport+ (FAIR+) prosegue il lavoro già intrapreso dal progetto FAIR nel controllo del doping negli sport ricreativi e negli alimenti/integratori per gli sportivi. Un’interessante opportunità per sviluppare un network tutto europeo il cui fine è definire buone prassi e sviluppare nuovi metodi preventivi con l’aiuto di rinomati esperti in materia di doping, come l’Agenzia mondiale antidoping, le università e i centri di ricerca. Il progetto FAIR+ propone inoltre il primo studio paneuropeo sull’uso del doping negli sport ricreativi.

 

Antidoping

 

Il progetto Fitness on the Move intende stabilire un sistema di interscambio tra l’Unione Europea, gli stakeholder e i professionisti del fitness indiani, al fine di favorire lo scambio di competenze, idee e buone abitudini, per promuovere uno stile di vita sano e moltiplicare le opportunità di business, migliorando al tempo stesso le capacità professionali e la cultura di settore. Un modo, questo, per accrescere l’occupabilità e la mobilità lavorativa tra gli stakeholder europei e indiani appartenenti all’industria del fitness. Il progetto offre altresì la possibilità di dar vita a collaborazioni politiche nell’ambito dei vari programmi nazionali finalizzati alla promozione l’attività fisica, come le campagne European Week of Sport e India Fit.

 

Share

LEGGI ANCHE

Vincenzo Spadafora

Due giorni fa, il ministro per le Politiche giovanili e lo Sport Vincenzo Spadafora ha nuovamente commentato, nel corso di una lunga diretta Facebook, il Testo unico di riforma dello sport – che come noto dovrà essere approvato entro novembre – s

European Week of Sport 2019

Anche quest’anno, nonostante le difficoltà create dalla pandemia, si terrà la European Week of Sport, promossa dalla Commissione Europea e sostenuta e gestita da EuropeActive.

Mappamondo

Alla fine di giugno, l’IHRSA ha presentato l’edizione 2020 del Global Report, il resoconto dello studio con il quale, ogni anno, fotografa il mercato del fitness a livello mondiale, fornendo dati e tendenze del

Congresso ForumClub

La ventunesima edizione di ForumClub, l’unico evento congressuale ed espositivo del 2020 riservato esclusivamente agli operatori di fitness-wellness club e centri sportivi, si terrà sabato 21 e domenica 22 novembre all’interno del Palazzo

Banner Funzioni in Azione

L’edizione 2020 di  Funzioni in Azione, l’evento italiano dedicato al mondo del personal e dello small group training, si terrà sabato 5 e domenica 6 settembre all'interno dell’Hotel Bologna Fiera

Centro fitness

Da un recente studio condotto da ukactive, e presentato dalla rivista britannica HCM, emerge che le palestre del Regno Unito sono ambienti a rischio pressoché zero per quanto concerne il COVID-19, con un ‘inciden