EuropeActive: finanziamenti dall’Unione Europea per i suoi progetti

Ragazze fanno push up
Autore: 
Redazione
Mercoledì, Novembre 6, 2019
Finalizzati alla diffusione dei valori dell’Unione Europea, alla cooperazione internazionale e alla promozione di sani stili di vita, tre progetti di EuropeActive verranno finanziati dall’UE.

EuropeActive ha reso noto che tutti e tre i suoi progetti sottoposti al vaglio dell’Unione Europea nel 2019 hanno sufficientemente soddisfatto i criteri di valutazione e sono stati ufficialmente finanziati. I progetti sostengono le politiche chiave di EuropeActive nella promozione e nella protezione del settore fitness, come nello sviluppo di collaborazioni internazionali.

Il progetto National Fitness Day for Europe sarà co-finanziato dalla Commissione Europea a partire dal gennaio 2020, con l’obiettivo di promuovere la Settimana Europea dello Sport in tutta Europa e non solo. NFD for Europe – che supporta i principali obiettivi di EuropeActive attraverso l’hashtag #LetsBEACTIVE – unirà i Paesi facenti parte dell’Unione Europea e non, così come qualunque altro ente interessato e le organizzazioni sportive, nel sostegno dei valori dell’Unione Europea attraverso il fitness e lo sport. Il progetto si estende anche al di fuori dell’Unione Europea per collaborare con altri paesi del Partenariato orientale e dei Balcani occidentali.

 

National Fitness Day

 

Forum for Anti-Doping in Recreational Sport+ (FAIR+) prosegue il lavoro già intrapreso dal progetto FAIR nel controllo del doping negli sport ricreativi e negli alimenti/integratori per gli sportivi. Un’interessante opportunità per sviluppare un network tutto europeo il cui fine è definire buone prassi e sviluppare nuovi metodi preventivi con l’aiuto di rinomati esperti in materia di doping, come l’Agenzia mondiale antidoping, le università e i centri di ricerca. Il progetto FAIR+ propone inoltre il primo studio paneuropeo sull’uso del doping negli sport ricreativi.

 

Antidoping

 

Il progetto Fitness on the Move intende stabilire un sistema di interscambio tra l’Unione Europea, gli stakeholder e i professionisti del fitness indiani, al fine di favorire lo scambio di competenze, idee e buone abitudini, per promuovere uno stile di vita sano e moltiplicare le opportunità di business, migliorando al tempo stesso le capacità professionali e la cultura di settore. Un modo, questo, per accrescere l’occupabilità e la mobilità lavorativa tra gli stakeholder europei e indiani appartenenti all’industria del fitness. Il progetto offre altresì la possibilità di dar vita a collaborazioni politiche nell’ambito dei vari programmi nazionali finalizzati alla promozione l’attività fisica, come le campagne European Week of Sport e India Fit.

 

Share

LEGGI ANCHE

Umberto Miletto

La 21a edizione di ForumClub, il congresso internazionale ed expo di riferimento per gli operatori del settore fitness e wellness in Italia, si al Palazzo del Ghiaccio di Milano (ne

Adolescente al computer

Gli adolescenti italiani si muovono sempre meno: mediamente, l’81% dei ragazzi tra gli 11 e i 17 anni non svolge la quantità di attività motoria raccomandata, per la salute, dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), ovvero

Ragazza in palestra

In occasione dell’ultima edizione del Global Wellness Summit, tenutosi lo scorso 12 ottobre a Singapore, il Global Wellness Institute

Ragazza al computer

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha recentemente classificato il burn out, ovvero lo stress da lavoro, come sindrome che influenza lo stato di salute.

Lo abbiamo scritto e non manchiamo di ripeterlo: uno stile di vita sedentario può essere un forte fattore di rischio per la salute, specie nei soggetti colpiti da infarto che, in caso di inattività fisica protratta nel tempo, possono incorrere in seri problemi cardiaci

Locandina Let’s#BeActive

Anche quest’anno ANIF - Eurowellness, Associazione Impianti Sport e Fitness, promuove Let’s#BeActive, il progetto lanciato lo scorso anno da