Fare sport da piccoli mantiene il cuore sano

Autore: 
A cura della Redazione
Mercoledì, Giugno 12, 2019
Secondo uno studio condotto da un'università canadese, iniziare a fare attività fisica fin da bambini aiuta ad avere una salute cardiovascolare a lungo termine, fino all'età adulta.

Fare attività fisica sin da bambini aiuta a crescere con un cuore sano, mantenendolo efficiente anche nell'età adulta. Sono queste le conclusioni di uno studio condotto in Canada dall'Università di McMaster, pubblicato sulla rivista Pediatrics. I ricercatori hanno oservato un campione composto da oltre 400 bambini di età compresa tra i 3 e i 5 anni, monitorandoo i loro livelli quotidiani di attività fisica, facendo loro indossare un 'accelerometro', una sorta di contapassi molto preciso utile a misurare il movimento giornaliero effettuato.

Attraverso diversi esami clinici, sono quindi stati misurati i parametri cardiovascolari e dai dati rilevati è emerso che i bimbi più attivi hanno una migliore forma cardiovascolare, una migliore circolazione sanguigna e una più salutare funzionalità cardiaca. Indicatori, questi, di una futura  buona salute cardiovascolare a lungo termine. I ricercatori analizzeranno nuovamente questo campione di bambini quando saranno adulti per comprendere se effettivamente i benefici fiisici misurati rimarranno costanti nel tempo.

Share

LEGGI ANCHE

Lezione di yoga

Ideato negli anni Novanta dalla psicologa e insegnante di yoga brasiliana Dinah Rodrigues, la Hormone Yoga Therapy, ovvero lo yoga ormonale, continua a riscuotere molti consensi negli Stati Uniti e in Canada per i tanti benefici effetti

Yoga, terme, massaggi e natura.

Bambina fa yoga

In alcune scuole primarie di Bologna è stato introdotto, a partire dall’anno scolastico appena conclusosi, lo yoga.

“Svegliati presto e, invece di iniziare la giornata in palestra, cominciala in discoteca”. Sembra un paradosso, e invece è l’ultimo, popolarissimo trend del fitness: il Daybreaker, che trasforma la sala da ballo in un luogo di salute e benessere.

Un recente studio dell'Università di Harvard condotto dalla professoressa Amy Cuddy ha individuato una nuova patologia legata all'uso e all'abuso del telefono cellulare.

Nel cervello adulto dei mammiferi esistono aree in cui si originano nuovi neuroni a partire da cellule staminali neurali. Una di queste è denominata zona sottoventricolare (Svz) e rappresenta la principale fonte di nuovi neuroni del cervello dei topi adulti.