Il “Decreto del fare” elimina l'obbligo di certificazione sanitaria per lo sport amatoriale recentemente introdotto dal “Decreto Balduzzi”

Il "Decreto del fare" elimina l'obbligo di certificazione sanitaria per lo sport amatoriale recentemente introdotto dal "Decreto Balduzzi" big
L’emendamento dei senatori Francesca Puglisi e Stefano Vaccari, approvato lo scorso 9 agosto, abroga l’obbligo di certificazione per l’attività ludico-motoria e amatoriale previsto dall’art.7, comma 11, del DL 158 del 2012

Il “Decreto del fare”, approvato il 9 agosto in via definitiva dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il 20 agosto scorso, ha eliminato l’obbligo della certificazione sanitaria per le attività amatoriali e ludico-motorie introdotto dal Decreto Balduzzi. Di fatto si ritorna alla disciplina previgente in materia di certificazione per le attività sportive. Permane l’obbligo della dotazione, entro trenta mesi, del defibrillatore.

«Abbiamo eliminato tutti gli effetti perversi del Decreto Balduzzi sullo sport con il Decreto del fare» ha commentato Filippo Fossati, deputato del Partito Democratico ed ex presidente dell’Unione italiana sport per tutti (Uisp) al termine della conferenza stampa di presentazione, tenutasi a Montecitorio, della proposta di legge che prevede semplificazioni burocratiche e un particolare regime fiscale per le associazioni sportive.

Grazie all’emendamento dei senatori PD Francesca Puglisi (Capogruppo PD VII Commissione Senato) e Stefano Vaccari è stato abrogato l’obbligo di certificazione per l’attività ludico-motoria e amatoriale previsto dall’art.7, comm 11, del DL 158 del 2012.

Di seguito lo stralcio dell'art. 42 bis (Ulteriore soppressione di certificazione sanitaria):

1 - A fine di salvaguardare la salute dei cittadini promuovendo la pratica sportiva, per non gravare cittadini e Servizio Sanitario Nazionale di ulteriori e onerosi accertamenti e certificazioni, è soppresso l’obbligo di certificazione per l'attività ludico-motoria, giovanile e amatoriale prevista dall'art. 7 comma 11 del DL 13 settembre 2012 n. 158 convertito con modificazioni, dalla Legge 8 novembre 2012 n. 189 e dal Decreto del Ministero della Salute 24 aprile 2013 (Legge Balduzzi), pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 169 del 20 luglio 2013.

2- Rimane l'obbligo di certificazione presso il medico o pediatra di base per l'attività sportiva non agonistica. Sono i medici o i pediatri di base attualmente a stabilire dopo anamnesi e visita se i pazienti necessitano di ulteriori accertamenti come l'elettrocardiogramma.

Share

LEGGI ANCHE

Istruttore Anytime Fitness

Lo scorso aprile, a partire da lunedì 12, giorno della riapertura dei fitness club in Inghilterra, alla quale hanno fatto seguito le riaperture in Scozia e Irlanda del

ForumPiscine e Anci insieme per la ripartenza degli impianti natatori

ForumPiscine Anci, l’Associazione Nazionale Comuni Italiani, hanno condiviso e reso disponibili per tutti i Comuni le Linee guida per il riequilibrio economico-finanziario delle concessio

Disegno distanziamento in palestra

La Presidenza del Consiglio dei Ministri, tramite il

Ragazze in palestra

Fitness club, centri sportivi e piscine coperte dovrebbero riaprire il 1° giugno, data a partire dalla quale gli iscritti potranno utilizzare i voucher a compensazione dei mesi d'iscrizione non f

Team lavorativo

Il videocorso Come costruire e gestire una squadra vincente - La guida completa per gestire al meglio, e valorizzare, i collaboratori di fitness club, centri sportivi e piscine fornisce ai titolari e ai manager di fitness club, centri sportivi

Stralcio locandina webinar

"Il ruolo e le competenze del Tecnico della Prevenzione nelle attività svolte presso gli impianti natatori" è il titolo del webinar di UNPISI (Associazione Tecnici della Prevenzione nell'Ambient