Il “Decreto del fare” elimina l'obbligo di certificazione sanitaria per lo sport amatoriale recentemente introdotto dal “Decreto Balduzzi”

Il "Decreto del fare" elimina l'obbligo di certificazione sanitaria per lo sport amatoriale recentemente introdotto dal "Decreto Balduzzi" big
L’emendamento dei senatori Francesca Puglisi e Stefano Vaccari, approvato lo scorso 9 agosto, abroga l’obbligo di certificazione per l’attività ludico-motoria e amatoriale previsto dall’art.7, comma 11, del DL 158 del 2012

Il “Decreto del fare”, approvato il 9 agosto in via definitiva dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il 20 agosto scorso, ha eliminato l’obbligo della certificazione sanitaria per le attività amatoriali e ludico-motorie introdotto dal Decreto Balduzzi. Di fatto si ritorna alla disciplina previgente in materia di certificazione per le attività sportive. Permane l’obbligo della dotazione, entro trenta mesi, del defibrillatore.

«Abbiamo eliminato tutti gli effetti perversi del Decreto Balduzzi sullo sport con il Decreto del fare» ha commentato Filippo Fossati, deputato del Partito Democratico ed ex presidente dell’Unione italiana sport per tutti (Uisp) al termine della conferenza stampa di presentazione, tenutasi a Montecitorio, della proposta di legge che prevede semplificazioni burocratiche e un particolare regime fiscale per le associazioni sportive.

Grazie all’emendamento dei senatori PD Francesca Puglisi (Capogruppo PD VII Commissione Senato) e Stefano Vaccari è stato abrogato l’obbligo di certificazione per l’attività ludico-motoria e amatoriale previsto dall’art.7, comm 11, del DL 158 del 2012.

Di seguito lo stralcio dell'art. 42 bis (Ulteriore soppressione di certificazione sanitaria):

1 - A fine di salvaguardare la salute dei cittadini promuovendo la pratica sportiva, per non gravare cittadini e Servizio Sanitario Nazionale di ulteriori e onerosi accertamenti e certificazioni, è soppresso l’obbligo di certificazione per l'attività ludico-motoria, giovanile e amatoriale prevista dall'art. 7 comma 11 del DL 13 settembre 2012 n. 158 convertito con modificazioni, dalla Legge 8 novembre 2012 n. 189 e dal Decreto del Ministero della Salute 24 aprile 2013 (Legge Balduzzi), pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 169 del 20 luglio 2013.

2- Rimane l'obbligo di certificazione presso il medico o pediatra di base per l'attività sportiva non agonistica. Sono i medici o i pediatri di base attualmente a stabilire dopo anamnesi e visita se i pazienti necessitano di ulteriori accertamenti come l'elettrocardiogramma.

Share

LEGGI ANCHE

Vincenzo Spadafora

Ieri, con un messaggio su Facebook, il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora ha annunciato di aver inviato la bozza del Testo unico dello sport al Governo e alle forze politic

Giorgia D'Autorio

Editrice Il Campo, sotto l'egida della rivista Il Nuovo Club e dell'evento congressuale e

Edoardo Cognonato

Organizzata da Editrice Il Campo sotto l'egida della rivista

COVID-19

L’emergenza Coronavirus ha effetti importanti anche sulle imprese che, in ottemperanza delle misure vigenti, sono tenute a riconfigurare la propria struttura organizzativa e la gestione delle prestazioni lavorative per assicurare la tutela della salute de

Centro sportivo

Nonostante difficile situazione attuale, le iniziative a tasso zero a sostegno dell’impiantistica sportiva degli Enti Territoriali sono ripartite a pieno regime.

Bambino con i gunatoni

Questa pandemia ha mostrato, con drammatica evidenza, l'importanza assoluta della salute, un bene senza il quale tutto il resto perde valore e significato.