Il “Decreto del fare” elimina l'obbligo di certificazione sanitaria per lo sport amatoriale recentemente introdotto dal “Decreto Balduzzi”

Il "Decreto del fare" elimina l'obbligo di certificazione sanitaria per lo sport amatoriale recentemente introdotto dal "Decreto Balduzzi" big
L’emendamento dei senatori Francesca Puglisi e Stefano Vaccari, approvato lo scorso 9 agosto, abroga l’obbligo di certificazione per l’attività ludico-motoria e amatoriale previsto dall’art.7, comma 11, del DL 158 del 2012

Il “Decreto del fare”, approvato il 9 agosto in via definitiva dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il 20 agosto scorso, ha eliminato l’obbligo della certificazione sanitaria per le attività amatoriali e ludico-motorie introdotto dal Decreto Balduzzi. Di fatto si ritorna alla disciplina previgente in materia di certificazione per le attività sportive. Permane l’obbligo della dotazione, entro trenta mesi, del defibrillatore.

«Abbiamo eliminato tutti gli effetti perversi del Decreto Balduzzi sullo sport con il Decreto del fare» ha commentato Filippo Fossati, deputato del Partito Democratico ed ex presidente dell’Unione italiana sport per tutti (Uisp) al termine della conferenza stampa di presentazione, tenutasi a Montecitorio, della proposta di legge che prevede semplificazioni burocratiche e un particolare regime fiscale per le associazioni sportive.

Grazie all’emendamento dei senatori PD Francesca Puglisi (Capogruppo PD VII Commissione Senato) e Stefano Vaccari è stato abrogato l’obbligo di certificazione per l’attività ludico-motoria e amatoriale previsto dall’art.7, comm 11, del DL 158 del 2012.

Di seguito lo stralcio dell'art. 42 bis (Ulteriore soppressione di certificazione sanitaria):

1 - A fine di salvaguardare la salute dei cittadini promuovendo la pratica sportiva, per non gravare cittadini e Servizio Sanitario Nazionale di ulteriori e onerosi accertamenti e certificazioni, è soppresso l’obbligo di certificazione per l'attività ludico-motoria, giovanile e amatoriale prevista dall'art. 7 comma 11 del DL 13 settembre 2012 n. 158 convertito con modificazioni, dalla Legge 8 novembre 2012 n. 189 e dal Decreto del Ministero della Salute 24 aprile 2013 (Legge Balduzzi), pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 169 del 20 luglio 2013.

2- Rimane l'obbligo di certificazione presso il medico o pediatra di base per l'attività sportiva non agonistica. Sono i medici o i pediatri di base attualmente a stabilire dopo anamnesi e visita se i pazienti necessitano di ulteriori accertamenti come l'elettrocardiogramma.

Share

LEGGI ANCHE

Locandina European Week of Sport 2019

La European Week of Sport,  iniziativa promossa dalla Commissione Europea, promuove da anni l’attività fisica in tutto il Vecchio Continente, esortandone la popolazione, con numerose iniziative, essere attiva,

IHRSA European Congress 2018

L’ edizione 2019 dell’IHRSA European Congress, la 19^,  si terrà a Dublino, dal 14 al 17 ottobre prossimi, all’interno del Clayton Hotel Burlington Road.

Skyline New York

La trentaseiesima edizione di Profiles of Success, il resoconto dello studio annuale con il quale l’IHRSA analizza il mercato statunitense dei fitness-wellenss club, fotografa un settore dinamico che, nel corso del 2017, ha registrato una crescita

La sedentarietà non fa bene alla salute, ma non sarebbe causa di mal di schiena. Secondo uno studio condotto in Australia, infatti, si esclude ogni associazione fra la prolungata posizione seduta e il dolore lombare.

Nel 2018 gli italiani hanno speso 17,5 miliardi per la sana alimentazione, mentre 10,2 miliardi sono stati destinati alla cura del corpo e 8,6 miliardi all’attività fisica.

Fitness club

La norma volontaria UNI-EN 17229:2019, pu