Il fitness club che cambia e migliora la vita

Il fitness club che cambia e migliora la vita big
Il mantenimento della salute, anche e soprattutto tramite la prevenzione, ha bisogno di strutture adeguate che non sono certo gli ospedali

Di prevenzione tramite lo stile di vita, dunque attraverso il giusto esercizio fisico e la corretta alimentazione ne parlò, già alcuni decenni fa, addirittura il professor Christiaan Barnard, il grande chirurgo sudafricano scomparso nel 2001 e noto in tutto il mondo per aver eseguito il primo trapianto di cuore nella storia della medicina. «Se mi fossi occupato prima di prevenzione, invece di salvare 150 persone, avrei potuto salvarne 150 milioni». A ricordarlo è il dottor Giuseppe Zampogna, specialista in Medicina dello Sport di Delta Medica (www.deltamedica.net), centro medico polispecialistico con diverse sedi sul territorio milanese.

Il dottor Zampogna ricorda che l’importanza di quelle parole, assolutamente “rivoluzionarie” solo qualche decennio fa, sono oggi parte del patrimonio culturale di chi si occupa, a vario titolo, della salute delle persone. Oggi il fitness club gioca un ruolo chiave per il benessere e la salute della società contemporanea e ha il compito di fornire a ogni individuo programmi e percorsi su misura che consentano di ottenere il massimo dei benefici con il minimo dei rischi. E l’alimentazione, anche alla luce dei grandi progressi compiuti dalla scienza della nutrizione negli ultimi anni, gioca un ruolo altrettanto importante, sinergico con l’attività fisica e il giusto atteggiamento mentale. Sono queste le “medicine” per tutelare la salute e come tali vanno prescritte con attenzione, indicando dosi e frequenza.

Zampogna sottolinea inoltre che i club al passo con i tempi, in grado di raccogliere le sfide e le grandi opportunità offerte da un futuro che è già presente, hanno già incominciato a interagire in modo sinergico con il comparto medico. Da uno studio recentemente condotto dal Dipartimento della Salute degli Stati Uniti è emerso che l’85% del campione sondato, composto da persone adulte, è convinto che il consiglio di un medico fornirebbe un’importante motivazione a impegnarsi maggiormente nello svolgimento regolare di attività fisica.

Dunque nel fitness club ideale gli istruttori, il personale addetto all’area spa/relax e chi si occupa di consulenza nutrizionale dovrebbe dare ai soci gli stessi consigli del medico e magari confrontarsi periodicamente con uno specialista in medicina dello sport in modo che tutto lo staff del club applichi un approccio alla salute condiviso.

In un centro fitness gestito come si deve – sottolinea infine Zampogna – l’iscritto può ottenere risultati preziosi per la sua salute. Qualche esempio? L’abbassamento della pressione, l’incremento della forza e della resistenza muscolare, l’abbassamento del livello di colesterolo e trigliceridi, la diminuzione della percentuale di grasso corporeo e il mantenimento o addirittura l’aumento della massa muscolare, nonché la regolarizzazione del sonno, la riduzione del livello di stress e l’instaurazione di nuove relazioni sociali.

Share

LEGGI ANCHE

Locandina European Week of Sport 2019

La European Week of Sport,  iniziativa promossa dalla Commissione Europea, promuove da anni l’attività fisica in tutto il Vecchio Continente, esortandone la popolazione, con numerose iniziative, essere attiva,

IHRSA European Congress 2018

L’ edizione 2019 dell’IHRSA European Congress, la 19^,  si terrà a Dublino, dal 14 al 17 ottobre prossimi, all’interno del Clayton Hotel Burlington Road.

Skyline New York

La trentaseiesima edizione di Profiles of Success, il resoconto dello studio annuale con il quale l’IHRSA analizza il mercato statunitense dei fitness-wellenss club, fotografa un settore dinamico che, nel corso del 2017, ha registrato una crescita

La sedentarietà non fa bene alla salute, ma non sarebbe causa di mal di schiena. Secondo uno studio condotto in Australia, infatti, si esclude ogni associazione fra la prolungata posizione seduta e il dolore lombare.

Nel 2018 gli italiani hanno speso 17,5 miliardi per la sana alimentazione, mentre 10,2 miliardi sono stati destinati alla cura del corpo e 8,6 miliardi all’attività fisica.

Fitness club

La norma volontaria UNI-EN 17229:2019, pu