Il grande ritorno dei soci nei club

Ragazzo in palestra
Autore: 
Redazione
Giovedì, Luglio 30, 2020
Dopo la lunga chiusura imposta dall’emergenza Coronavirus, diversi sondaggi mostrano che numerosi iscritti ai club statunitensi e di altri paesi hanno ripreso a frequentare il proprio club e molti altri si ripropongono di farlo non appena possibile.

Dopo la lunga chiusura imposta dall’emergenza Coronavirus, diversi sondaggi mostrano che un gran numero di iscritti ai club statunitensi e di altri paesi ha ripreso a frequentare il proprio club e molti altri si ripropongono di farlo non appena possibile, mentre altri studi, condotti in quattro diversi mercati del fitness, mostrano che durante il lockdown la quantità di attività motoria svolta è diminuita.

«L’importante ruolo che l’esercizio fisico svolto con regolarità gioca per la salute, il benessere e il rafforzamento del sistema immunitario – ha detto Joe Moore, presidente e CEO dell’IHRSA – è ben documentato e i dati raccolti mostrano che la maggioranza degli iscritti intende riprendere ad allenarsi nel proprio club non appena riapre i battenti».

Negli Stati Uniti, stando a quanto emerso da uno studio condotto da MXM – società specializzata in sondaggi rivolti ai consumatori – su un campione di 150.000 iscritti a club d’Oltreoceano, il 67,5% probabilmente riprenderà a utilizzare il proprio club subito dopo la sua riapertura. Lo studio condotto da ClubIntel su 2.000 iscritti a club ubicati nelle 20 maggiori aree metropolitane degli States fornisce un dato molto simile (65%) e lo stesso vale per altre indagini condotte in altri mercati. In India, stando ai risultati dello studio condotto da India Active, il 60% degli iscritti vorrebbe riprendere a frequentare il proprio club, mentre l’indagine condotta dalla federazione del fitness polacca il 66% degli iscritti intende far ritorno nel proprio club entro un mese dal momento in cui è in grado di assicurare il rigoroso rispetto degli standard di sicurezza previsti per la Fase 2. Il sondaggio condotto in Spagna da Management Around Sports indica che addirittura 9 iscritti su 10 intendono riprendere a utilizzare il proprio centro fitness e un dato pressoché uguale è stato rilevato nel Regno Unito (88%).

 

Share

LEGGI ANCHE

Positive Thinking

Pensare positivo per sentirsi meglio e rimanere ‘puri’. E’ il credo di un nuovo stile di vita nato – come spesso accade – negli Stati Uniti e dilagato in poco tempo in mezzo mondo, Italia compresa. Come funziona?

Studio Coldiretti

Che durante il lockdown di marzo il cibo avesse sostituito in larga parte quella socialità che, in una lontana epoca pre-Covid, ci teneva impegnati nelle ore extra-lavorative ce n’eravamo accorti: tutto d’un tratto, spaghetti e ciambelloni avevan

Londra

Le palestre avrebbero dovuto restare aperte nel Regno Unito.

Berlino

Un’azione legale collettiva contro il lockdown di un mese e la conseguente chiusura di palestre, piscine e attività ludiche.

Ragazza in palestra

La decisione presa con l’ultimo DPCM riguardo a palestre e piscine, e di fatto rinviata alla prossima settimana, ha creato una frattura all’interno del Comitato Tecnico Scientifico, segno – commenta Fiorenza Sarzanini nell’

Immagine Coronavirus

Durante il periodo di lockdown l’Associazione Polo della Salute ha messo il proprio know how a disposizione del Paese, realizzando il primo studio in Italia che analizza l’impatto della quarantena sulla salute e sulle abitudini degli italiani, in