Il mercato europeo del fitness

Mappamondo Europa
Autore: 
a cura di Davide Venturi
Venerdì, Novembre 30, 2018
L’edizione 2018 dell’annuale studio condotto da EuropeActive e Deloitte analizza i fitness-wellness club delle 28 nazioni dell’Unione Europea e quelli di Norvegia, Russia, Svizzera, Turchia e Ucraina, fornendo dati positivi e utili indicazioni

La quinta edizione dello European Health & Fitness Market Report, l'approfondito resoconto dello studio condotto annualmente da EuropeActive e Deloitte, è una dettagliata e utile fotografia del mercato europeo del fitness, del benessere e della salute nel 2017. Oltre alle 28 nazioni dell'Unione Europea, l'indagine ha puntato la lente su Norvegia, Russia, Svizzera, Turchia e Ucraina.

Nonostante una certa turbolenza economica, politica e sociale abbia interessato alcune aree del Vecchio Continente, la maggioranza dei mercati del fitness e del wellness ha fatto registrare, ancora una volta, una significativa crescita. Uno sviluppo segnato dall'apertura di nuovi club e dalla continua innovazione, da operatori capaci di attrarre milioni di nuovi soci e, al tempo stesso, di catturare l'interesse degli investitori finanziari e strategici. Il 2017 è stato un anno record per quanto concerne il numero di grandi operazioni concluse (20, tra acquisizioni e fusioni). Tra queste figura la quotazione in borsa (Nasdaq di Stoccolma, 7 aprile 2017) dell'operatore svedese Actic, che ha seguito le orme di The Gym Group (quotato a Londra nel 2015), Basic-Fit (Amsterdam, 2016) e del produttore di attrezzi Technogym (Milano, 2016).

 

i numeri del mercato europeo

 

I principali risultati dello studio condotto da EuropeActive e Deloitte sono i seguenti:

il numero degli iscritti ai club presenti in Europa è cresciuto del 4%, raggiungendo quota 60 milioni;

il 7,6% dei 794 milioni di persone che vivono nei paesi dell'Unione Europea, in Norvegia, Russia, Svizzera, Turchia e Ucraina era iscritto a un club, generando un tasso di penetrazione pari al 19,1% (considerando le persone dai 15 anni in su);

gli introiti complessivi ammontavano, alla fine del 2017, a 26,6 miliardi di euro, segnando un incremento del 3,8% (a tassi di cambio costanti);

il numero di club è cresciuto del 3,3%, raggiungendo le 59.055 unità;

i 30 principali operatori hanno registrato una crescita del numero di iscritti ai loro club pari al 9.5%, raggiungendo complessivamente quota 14,1 milioni, corrispondente al 23,5% del totale degli iscritti europei (cresciuti, numericamente, dell'1%);

5 operatori low-cost (McFIT, Basic-Fit, Pure Gym, Fitness World e clever fit) figuravano tra i 10 maggiori operatori per quanto concerne gli introiti e addirittura 7 - tra i quali The Gym Group e FitX - nella top 10 stilata per numero di iscritti;

acquisendo 14 club di Virgin Active, David Lloyd Leisure è diventato il maggiore operatore europeo in termini di introiti (483 milioni di euro);

i maggiori produttori di attrezzi coinvolti nello studio hanno mediamente registrato un incremento degli introiti pari al 2,7%, generando complessivamente un fatturato pari a 2,9 miliardi di euro;

nel corso del 2017, le fusioni e le acquisizioni che hanno interessato gli operatori di club sono state 20 e altre operazioni di questo tipo sono state portate a termine nel comparto attrezzature, dimostrando che gli investitori reputano il fitness un settore nel quale è vantaggioso investire.

 

Ti è piaciuto questo articolo? È un piccolo estratto dell'approfondito resoconto dello studio pubblicato nel n. 165 della rivista Il Nuovo Club.

 

Il rapporto integrale dell'ultima edizione dello studio European Health & Fitness Market Report (179 pagine), può essere ordinato nel sito www.europeactive.eu al prezzo di 149 euro per i soci EuropeActive e 299 euro per i non soci

 

 

 

 

Share

LEGGI ANCHE

Sessione di EMS Training

Il Bundesrat, il Consiglio federale tedesco, ha recentemente aggiornato l’ordinanza sulla protezione dalle radiazioni che disciplina l'utilizzo dei dispositivi EMS.

Bimba che corre

Meno smartphone, tablet e tv, più attività fisica.

La pigrizia ha un’età: 7 anni. E’ questo, secondo uno studio condotto dall’Università di Jyväskylä e da LIKES Research Centre for Physical Activity and Health, il momento in cui i bambini iniziano a mostrare segni di malavoglia.

Simbolo Unione Europea

Il mercato europeo dei fitness club continua a crescere a ritmo costante. È quanto emerge dall'ultima edizione dello European Health & Fitness Market Report, l'annuale studio condotto da Deloitte in collaborazione con EuropeActive.

Un’ora soltanto la settimana. Basta questo, secondo i ricercatori della Feinberg School of Medicine della Northwestern University, negli Stati Uniti, per diminuire il rischio di disabilità legato all’artrosi.