La sottile relazione tra attività giornaliera e depressione

Depressione
Autore: 
Redazione
Lunedì, Dicembre 9, 2019
Un recente studio ha tentato di individuare, attraverso l’analisi dell’attività giornaliera di alcuni pazienti, gli strumenti utili a diagnosticare un disturbo bipolare o una sindrome depressiva e a distinguere le due patologie.

Negli ultimi anni si è cercato di scoprire se il livello di attività fisica fornisca effettivamente informazioni utili alla diagnosi del disturbo bipolare, per giungere a una diagnosi precoce. È noto, infatti, che sia il disturbo bipolare che la sindrome depressiva manifestano sintomi molto simili e distinguibili solo nello stadio più avanzato della malattia. Un recente studio ha tentato di far luce sulla possibile correlazione tra i livelli di attività motoria infragiornaliera degli individui affetti da tali patologie (rilevandone le differenze), con un obiettivo ben preciso: disporre di uno strumento in più per riuscire a distinguere le due patologie il più precocemente possibile.

I pazienti presi in esame dallo studio, ricoverati in una struttura ospedaliera in quanto affetti da sindrome depressiva o da disturbo bipolare, sono stati monitorati per un periodo di 3 settimane attraverso dispositivi indossabili, che hanno tracciato l’attività motoria e le relative variazioni infragiornaliere.

Le variazioni dell’attività giornaliera e infragiornaliera dei pazienti sono state messe in relazione alle diagnosi, scartando le variabili genere e abitudini (tutti i pazienti osservati erano ospedalizzati, quindi soggetti a una routine giornaliera ben precisa e, inoltre, generalmente chi è affetto da disturbi dell’umore tende a svolgere meno attività motoria).

Lo studio ha rivelato che i modelli di attività infragiornaliera dei pazienti affetti da disturbo bipolare sono diversi da quelli dei soggetti affetti da sindrome depressiva, indicando che alcune attività riflettono le differenze delle due patologie e che i soggetti affetti da disturbo bipolare concentrano i momenti di maggiore attività di sera, tra le 19 e le 22, e di minore attività durante il giorno, tra le 13 e le 15. Chi invece soffre di sindrome depressiva ha un andamento meno altalenante, che vede il picco di ipoattività al mattino.

 

Per approfondire l'argomento, qui lo studio

Share

LEGGI ANCHE

Acquafitness

Allenarsi in piscina è di estrema utilità, perché oltre a dare forma e tonicità al corpo permette di drenare e depurare l’organismo, agendo in maniera efficace anche sul sistema cardiocircolatorio.

Scimpanzè

La sedentarietà è forse la peggiore e la più diffusa tra le cattive abitudini della società odierna ed è una delle principali cause di disturbi e patologie all’apparato cardiocircolatorio. Ciò potrebbe dipendere dall’incompatibilità tra la forma del nostro cuore e le nostre abitudini.

Sportivi che corrono

Uno studio coordinato dai ricercatori dell’Unità di Disfunzioni Neuromuscolari dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri IRCCS con il supporto di AIRC e Fondazione Cariplo, recentemente pubblicato sulla rivista scienti

Game face

Comunemente chiamata game face, la faccia da competizione è l’espressione concentrata e seria che spesso esibiscono gli atleti prima di un importante match sportivo.

Pasticche

Le indagin, coordinate dai Nas di Firenze, avevano avuto inizio dopo il sequestro, avvenuto a Figline Valdarno, in provincia di Firenze, di sostanze dopanti e stupefacenti proveniente dalla Polonia e spacciate su tutto il territorio nazionale.

Ingresso stabilimento termale

A seguito dell’ennesima campagna pubblicitaria, attuata da un operatore commerciale, che utilizza in modo equivoco la parolaterme”, affiancandola a servizi di natura del tutto estranei alle cure e alle prestazioni termali definite dalla Legge 323/2000