La sottile relazione tra attività giornaliera e depressione

Depressione
Autore: 
Redazione
Lunedì, Dicembre 9, 2019
Un recente studio ha tentato di individuare, attraverso l’analisi dell’attività giornaliera di alcuni pazienti, gli strumenti utili a diagnosticare un disturbo bipolare o una sindrome depressiva e a distinguere le due patologie.

Negli ultimi anni si è cercato di scoprire se il livello di attività fisica fornisca effettivamente informazioni utili alla diagnosi del disturbo bipolare, per giungere a una diagnosi precoce. È noto, infatti, che sia il disturbo bipolare che la sindrome depressiva manifestano sintomi molto simili e distinguibili solo nello stadio più avanzato della malattia. Un recente studio ha tentato di far luce sulla possibile correlazione tra i livelli di attività motoria infragiornaliera degli individui affetti da tali patologie (rilevandone le differenze), con un obiettivo ben preciso: disporre di uno strumento in più per riuscire a distinguere le due patologie il più precocemente possibile.

I pazienti presi in esame dallo studio, ricoverati in una struttura ospedaliera in quanto affetti da sindrome depressiva o da disturbo bipolare, sono stati monitorati per un periodo di 3 settimane attraverso dispositivi indossabili, che hanno tracciato l’attività motoria e le relative variazioni infragiornaliere.

Le variazioni dell’attività giornaliera e infragiornaliera dei pazienti sono state messe in relazione alle diagnosi, scartando le variabili genere e abitudini (tutti i pazienti osservati erano ospedalizzati, quindi soggetti a una routine giornaliera ben precisa e, inoltre, generalmente chi è affetto da disturbi dell’umore tende a svolgere meno attività motoria).

Lo studio ha rivelato che i modelli di attività infragiornaliera dei pazienti affetti da disturbo bipolare sono diversi da quelli dei soggetti affetti da sindrome depressiva, indicando che alcune attività riflettono le differenze delle due patologie e che i soggetti affetti da disturbo bipolare concentrano i momenti di maggiore attività di sera, tra le 19 e le 22, e di minore attività durante il giorno, tra le 13 e le 15. Chi invece soffre di sindrome depressiva ha un andamento meno altalenante, che vede il picco di ipoattività al mattino.

 

Per approfondire l'argomento, qui lo studio

Share

LEGGI ANCHE

Positive Thinking

Pensare positivo per sentirsi meglio e rimanere ‘puri’. E’ il credo di un nuovo stile di vita nato – come spesso accade – negli Stati Uniti e dilagato in poco tempo in mezzo mondo, Italia compresa. Come funziona?

Studio Coldiretti

Che durante il lockdown di marzo il cibo avesse sostituito in larga parte quella socialità che, in una lontana epoca pre-Covid, ci teneva impegnati nelle ore extra-lavorative ce n’eravamo accorti: tutto d’un tratto, spaghetti e ciambelloni avevan

Londra

Le palestre avrebbero dovuto restare aperte nel Regno Unito.

Berlino

Un’azione legale collettiva contro il lockdown di un mese e la conseguente chiusura di palestre, piscine e attività ludiche.

Ragazza in palestra

La decisione presa con l’ultimo DPCM riguardo a palestre e piscine, e di fatto rinviata alla prossima settimana, ha creato una frattura all’interno del Comitato Tecnico Scientifico, segno – commenta Fiorenza Sarzanini nell’

Immagine Coronavirus

Durante il periodo di lockdown l’Associazione Polo della Salute ha messo il proprio know how a disposizione del Paese, realizzando il primo studio in Italia che analizza l’impatto della quarantena sulla salute e sulle abitudini degli italiani, in