L’attività fisica protegge i muscoli dall’atrofia da cancro

Sportivi che corrono
Autore: 
Redazione
Giovedì, Dicembre 19, 2019
Una proteina, musclin, agisce attraverso l’attività aerobica alla rigenerazione muscolare: uno studio che dà una speranza ai pazienti oncologici.

Uno studio coordinato dai ricercatori dell’Unità di Disfunzioni Neuromuscolari dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri IRCCS con il supporto di AIRC e Fondazione Cariplo, recentemente pubblicato sulla rivista scientifica Cancers, ha individuato una proteina, chiamata proteina musclin, che si rigenera con l’attività aerobica, proteggendo i muscoli dei pazienti oncologici dalla cachessia, ovvero l’atrofia da cancro dei muscoli, in alcuni casi letale.

In caso di tumore – spiega Rosanna Piccirillo, capo dell’Unità di Disfunzioni Neuromuscolari ed esperta di cachessia tumorale – l’esercizio fisico aerobico comporta una ridotta perdita della massa muscolare con un recupero della presenza della proteina musclin nel muscolo e nel plasma, indicando come musclin sia un fattore importante nella protezione della cachessia tramite esercizio fisico. In caso di mancanza della proteina musclin, è evidente una maggiore perdita muscolare a seguito di crescita tumorale”.

La nostra ricerca – aggiunge Andrea David Re Cecconi, primo autore dello studio – è partita dall’ipotesi che l'esercizio aerobico potesse contrastare la cachessia tramite la secrezione di sostanze chiamate miochine da parte dei muscoli. Interessante notare che la proteina musclin non viene generata nel muscolo a seguito di esercizio fisico anaerobico (come il sollevamento pesi) ma solo aerobico”.

Negli ultimi anni, infatti, è stata dimostrata la capacità da parte del muscolo scheletrico di secernere miochine che agiscono a breve e lunga distanza sul muscolo stesso o su altri tessuti, con un impatto sul metabolismo generale del corpo, e alcune di esse sembrano indotte da specifici esercizi aerobici, come la corsa, andando quindi a preservare i muscoli dall’atrofia da cancro.

Rosanna Piccirillo conclude: “Questa evidenza apre nuovi orizzonti per una nuova, possibile terapia per contrastare la cachessia e allungare la vita dei pazienti oncologici. Tramite infusione, infatti, musclin potrebbe risultare benefico per i malati di cancro che non possono praticare esercizio fisico aerobico”.

Una svolta, dunque, che potrebbe allungare la vita ai malati di cancro con una terapia specificatamente volta alla rigenerazione della proteina e alla lotta alla cachessia, che colpisce circa l’85% dei pazienti ed è letale per il 25% di essi. Ora si cerca di capire se oltre a musclin anche altre miochine possono avere un ruolo sull’atrofia muscolare indotta dal tumore.

 

Per saperne di più, qui lo studio completo

Share

LEGGI ANCHE

Acquafitness

Allenarsi in piscina è di estrema utilità, perché oltre a dare forma e tonicità al corpo permette di drenare e depurare l’organismo, agendo in maniera efficace anche sul sistema cardiocircolatorio.

Scimpanzè

La sedentarietà è forse la peggiore e la più diffusa tra le cattive abitudini della società odierna ed è una delle principali cause di disturbi e patologie all’apparato cardiocircolatorio. Ciò potrebbe dipendere dall’incompatibilità tra la forma del nostro cuore e le nostre abitudini.

Depressione

Negli ultimi anni si è cercato di scoprire se il livello di attività fisica fornisca effettivamente informazioni utili alla diagnosi del disturbo bipolare, per giungere a una diagnosi precoce.

Game face

Comunemente chiamata game face, la faccia da competizione è l’espressione concentrata e seria che spesso esibiscono gli atleti prima di un importante match sportivo.

Pasticche

Le indagin, coordinate dai Nas di Firenze, avevano avuto inizio dopo il sequestro, avvenuto a Figline Valdarno, in provincia di Firenze, di sostanze dopanti e stupefacenti proveniente dalla Polonia e spacciate su tutto il territorio nazionale.

Ingresso stabilimento termale

A seguito dell’ennesima campagna pubblicitaria, attuata da un operatore commerciale, che utilizza in modo equivoco la parolaterme”, affiancandola a servizi di natura del tutto estranei alle cure e alle prestazioni termali definite dalla Legge 323/2000