L’industria del nuoto britannica sotto la lente

Nuotatore in piscina
Autore: 
A cura della Redazione
Giovedì, Dicembre 15, 2022
L’edizione 2022 di “The State of the UK Swimming Industry Report” di Leisure DB illustra lo stato dell’arte del settore oltremanica.

Anche nel Regno Unito, esattamente come in Ita­lia, gli operatori di piscine e centri sportivi si sono rimboccati le maniche per riportare i frequentatori nelle loro strutture raggiungere i livelli di affluenza pre–pandemici. L’edizione 2022 di “The State of the UK Swimming Industry Report” di Leisure DB illustra lo stato dell’arte del settore oltremanica.

«Non c’è dubbio – ha commentato Da­vid Minton, fondatore e direttore di Leisure DB, società specializzata in ricerche di mercato nel settore del fitness, dell’intrattenimento e del tempo libero – che il Co­vid-19 abbia avuto un impatto drammatico anche sull’in­dustria britannica del nuo­to. Da apri­le 2019 a oggi, 192 impianti acquatici hanno chiuso con­tro gli appena 65 che han­no aperto e a mar­zo 2022 il ca­lo registrato del numero di impianti natatori ammontava al 5,1%. Il settore pubblico ha subìto una perdita inferiore a quella registrata nel comparto privato, la strada da percorrere per tornare ai livelli pre-pandemia è ancora lunga».

Nel settore privato – svela il resoconto dello studio –, nel 2022 sono stati aperti 1.344 centri sportivi e fitness club con piscina contro 1.468 del 2019, mentre il numero di impianti natatori a sé stanti è sceso da 1.801 a 1.672. In tre anni, il numero di fitness club è calato dell’8,4%, quello delle piscine del 7,2%. Nel settore pubblico, inve­ce, è stato registrato un -2,2% per quanto concerne il numero dei centri acquati­ci e un -1,6% per quanto con­cerne complessivamente le piscine. Oggi, nel Regno Unito, si contano 1.664 centri sportivi pub­blici con piscina (1.702 nel 2019).

Questa tendenza negativa innescata dall’emergenza sanitaria deve essere invertita velocemente perché il nuo­to è sport, benessere e soprattutto salute per la popolazione.

 

Share

LEGGI ANCHE

La sessione di Sophie Lawler al 23° ForumClub

La sezione videocorsi di Edit

Può sembrare scontato, ma ora c’è anche la prova scientifica: trasco

L’esercizio fisico, lo sport, e più i generale l’attività motoria, sono una medicina naturale dagli straordinari effetti benèfici. Le prove scientifiche al riguardo sono sempre più numerose.

Attività fisica adattata

Il bonus attività fisica adattata

Esterno club Planet Fitness di North Attleboro
Studio Safe Sweat di Vancouver

Il marchio Safe Sweat ha fatto il suo ingresso nel mercato del fitness nordamericano lo scorso 22 agosto a Vancouver