McFIT festeggia il suo ventennale inaugurando il secondo club di Torino

McFIT Torino
Autore: 
Redazione
Lunedì, Febbraio 27, 2017
La catena low cost tedesca ha recentemente inaugurato il suo secondo club del capoluogo piemontese, il 25° in Italia, caratterizzato dal nuovo design

Il primo fitness club McFIT d‘Italia realizzato secondo il nuovo concept, caratterizzato da un design completamente rinnovato, è stato inaugurato a Torino lo scorso 14 gennaio, nel quartiere Aurora, che sta vivendo un’importante opera di riqualificazione. L’edificio che ospita il neonato centro, il venticinquesimo nel nostro Paese e il secondo del capoluogo piemontese, è la Casa Aurora, opera realizzata nel 1987 su progetto del celebre architetto Aldo Rossi.

«Con questa nuova apertura, che rientra nell’ampio piano di espansione della nostra catena sul territorio italiano, offriamo a tutti i torinesi un’entusiasmante avventura urbana. I diversi moduli di allenamento consentono di raggiungere ogni obiettivo e di soddisfare ogni esigenza: dal functional training ai corsi di gruppo, passando per i circuiti pensati per chi ha poco tempo per allenarsi ma non intende rinunciare all’esercizio fisico». Sono parole Pierre Geisensetter, portavoce di McFIT.

Area cardio McFIT Torino

Il neonato club, situato all’angolo tra corso Giulio Cesare e corso Emilia, si sviluppa su una superficie di quasi 1.900 metri quadri suddivisi in diversi moduli di allenamento. Per quanto concerne il group fuitness, gli abbonati possono scegliere tra 30 diversi corsi Cyberobics® distribuito su una programmazione settimanale di oltre 500 lezioni, tenute da trainer di fama mondiale proiettati su megaschermi LCD. A tutto ciò si aggiunge l’area dedicata al functional training e la grande zona dotata di attrezzi cardiovascolari, isotonici e pesi liberi.

Ingresso McFIT Torino

Il design che caratterizza il club piemontese crea un’atmosfera coinvolgente e dal sapore esotico, realizzata facendo ricorso a un mix di stili che abbraccia la street art, gli elementi etnici e l’arte moderna. Gli ambienti sono decorati con elementi di provenienza asiatica e africana, come statue che raffigurano Buddha, grandi maschere e figure di samurai.
Il legame dei nuovi centri McFIT con l’arte è inoltre testimoniata dai graffiti la cui realizzazione è stata affidata a giovani writer locali, tra i quali figura l’artista colombiano, da anni residente a Torino, Jair Martinez. Un modo insolito, e accattivante, per stabilire un rapporto speciale tra il club e la città che lo ospita.

Per celebrare il suo ventennale, McFIT ha recentemente lanciato, su scala europea, un’importante campagna di comunicazione che ruota intorno alle emozioni e allo spirito di appartenenza a una grande comunità del fitness (che oggi conta 1.400.000 abbonati in tutta Europa), sintetizzata dallo slogan “Proud to be McFIT”, abbinato all’hashtag #proudtobemcfit.

Pesi Liberi McFIT Torino

www.mcfit.com 
 

Share

LEGGI ANCHE

Più  corsi ibridi e soluzioni multiservizio, è il fitness del futuro

Nonostante la pandemia abbia cambiato radicalmente le nostre abitudini quotidiane, privandoci di spazi come palestre, piscine e cinema per rinchiuderci in casa, 9 persone su 10 non intendono rinunciare all’attività fisica.

Ragazza sorridente in palestra

Pensare positivo per sentirsi meglio e rimanere ‘puri’. È’ il credo di un nuovo stile di vita nato, come spesso accade, negli Stati Uniti e dilagato in poco tempo in mezzo mondo, Italia compresa. Come funziona?

Studio Coldiretti

Che durante il lockdown di marzo il cibo avesse sostituito in larga parte quella socialità che, in una lontana epoca pre-Covid, ci teneva impegnati nelle ore extra-lavorative ce n’eravamo accorti: tutto d’un tratto, spaghetti e ciambelloni avevan

Londra

Le palestre avrebbero dovuto restare aperte nel Regno Unito.

Berlino

Un’azione legale collettiva contro il lockdown di un mese e la conseguente chiusura di palestre, piscine e attività ludiche.

Ragazza in palestra

La decisione presa con l’ultimo DPCM riguardo a palestre e piscine, e di fatto rinviata alla prossima settimana, ha creato una frattura all’interno del Comitato Tecnico Scientifico, segno – commenta Fiorenza Sarzanini nell’