Mercato globale del fitness: andamento positivo per i club europei

Manubri
Autore: 
Rita Cesarini
Lunedì, Dicembre 14, 2015
L'andamento relativo ai club europei, all'interno del mercato globale del fitness, si conferma essere positivo. In cima alla classifica si posizionano la Germania e il Regno Unito, ma anche i dati relativi all'Italia risultano essere incoraggianti.

I paesi europei rientrano tra quelli più affermati del mercato globale del fitness e del wellness e l’edizione 2015 del Global Report effettuato dall’IHRSA non ha potuto che confermarne l’andamento positivo, registrato nel corso di tutto il 2014.

L’Europa si posiziona in cima alla classifica mondiale per quanto riguarda il suo fatturato annuo, che tocca i 35 miliardi di dollari (il giro d'affari annuale complessivo del mercato globale del fitness supera di poco gli 84 miliardi di dollari). Sul territorio europeo sono dislocati ben 51.299 club (a livello globale le strutture sono 183.919), verso i quali confluiscono quotidianamente i quasi 48 milioni di iscritti (a livello globale la totalità dei soci sfiora quasi i 145 milioni).

Andando a osservare nello specifico i dati relativi ai singoli paesi europei, si nota facilmente come le nazioni con l’andamento migliore siano la Germania e il Regno Unito. La Germania, secondo il Deutscher Sportstudio Verband, vanta 9 milioni di iscritti, 8.026 club e un fatturato annuale di oltre 6 miliardi di dollari. Il Regno Unito, invece, secondo la Leisure Database Company, vanta poco più di 8 milioni di iscritti, 6.112 club e un fatturato annuale di quasi 7 miliardi di dollari.

Per quanto riguarda il Regno Unito, gli ultimi anni non sono stati facili, ma i club britannici hanno cercato di risollevarsi e in alcuni casi sono stati lanciati progetti ambiziosi. Un esempio è quello di Fitness First che, tra il 2010 e il 2011, ha venduto 91 centri fitness europei e ha deciso di modernizzare le proprie strutture per aprirsi a un target di clienti più elevato. Un’ulteriore testimonianza è quella della Virgin Active, la quale ha venduto 9 club e ha annunciato di voler realizzare un investimento di 165 milioni di dollari nei prossimi tre anni al fine di rinnovare il target dei propri centri.

E l’Italia? L’Italia, nella classifica dei paesi europei, si piazza al secondo posto (quindi davanti al Regno Unito) per quanto riguarda il numero dei club dislocati lungo tutta la penisola, che nello specifico risultano essere 6.500. Per quanto riguarda il fatturato, corrispondente a poco meno di 3 miliardi di dollari annui, e il numero di iscritti, corrispondente a poco più di 4 milioni di soci, l’Italia si piazza invece al quinto posto della classifica europea.

 

Articoli correlati:
Mercato globale del fitness: il primato degli USA
Mercato globale del fitness: le potenzialità dell’America Latina
Mercato globale del fitness: un futuro brillante per l’Asia

Share

LEGGI ANCHE

Acquafitness

Allenarsi in piscina è di estrema utilità, perché oltre a dare forma e tonicità al corpo permette di drenare e depurare l’organismo, agendo in maniera efficace anche sul sistema cardiocircolatorio.

Scimpanzè

La sedentarietà è forse la peggiore e la più diffusa tra le cattive abitudini della società odierna ed è una delle principali cause di disturbi e patologie all’apparato cardiocircolatorio. Ciò potrebbe dipendere dall’incompatibilità tra la forma del nostro cuore e le nostre abitudini.

Sportivi che corrono

Uno studio coordinato dai ricercatori dell’Unità di Disfunzioni Neuromuscolari dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri IRCCS con il supporto di AIRC e Fondazione Cariplo, recentemente pubblicato sulla rivista scienti

Depressione

Negli ultimi anni si è cercato di scoprire se il livello di attività fisica fornisca effettivamente informazioni utili alla diagnosi del disturbo bipolare, per giungere a una diagnosi precoce.

Game face

Comunemente chiamata game face, la faccia da competizione è l’espressione concentrata e seria che spesso esibiscono gli atleti prima di un importante match sportivo.

Pasticche

Le indagin, coordinate dai Nas di Firenze, avevano avuto inizio dopo il sequestro, avvenuto a Figline Valdarno, in provincia di Firenze, di sostanze dopanti e stupefacenti proveniente dalla Polonia e spacciate su tutto il territorio nazionale.