Negli Stati Uniti crescono i centri fitness riservati alle taglie forti

Negli Stati Uniti crescono i centri fitness riservati alle taglie forti big
Oltreoceano le palestre per persone obese o seriamente in sovrappeso costituiscono un trend emergente

Downsize Fitness, i club aperti nell’autunno del 2011 a Las Vegas e all’inizio del 2012 a Chicago (di cui abbiamo già scritto qui) offrono alle tante persone che devono smaltire i chili di troppo un ambiente riservato e amichevole e un’assistenza personalizzata – anche dal punto di vista psicologico – per quanto concerne esercizio fisico e alimentazione.

Altri operatori del mercato del fitness a stelle e strisce hanno abbracciato questo nuovo concept per conquistare il grande mercato extra large. A New York, ad esempio, da qualche anno va forte Buddha Body Yoga, il centro yoga dedicato a chi ha una corporatura da Buddha. Il fondatore, Michael Hayes, ha deciso di aprire il centro di Union Square perché stanco di essere la persona più corpulenta di ogni lezione yoga alla quale partecipava. Buddha Body Yoga, che propone anche lezioni private a domicilio e organizza master class per insegnanti, si basa su un adattamento delle posture classiche dello yoga per consentire alle persone in grande sovrappeso, e più in generale con limitazioni fisiche, di trarre tutti i benefici di questa intramontabile disciplina.

L’impiego di accessori quali cuscini, mattoncini, cinghie posturali e physioball consentono ai partecipanti di migliorare in modo graduale il tono muscolare, l’equilibrio, la flessibilità e l’allineamento posturale. Hayes si è imbarcato in questa impresa perché consapevole del disagio che provano le persone extra large nel fare yoga di fianco a “modelle ventiduenni” e soprattutto perché la maggior parte delle lezioni di questa disciplina – anche quelle rivolte ai neofiti – non tengono n considerazione le esigenze dei corpi extra large.

Nel Midwest statunitense, invece, si stanno diffondendo gli Square One Fitness Club, fondati da un ex concorrente del popolare docureality The biggest Loser (trasmesso in Italia da Cielo e Sky Uno), i cui partecipanti si sfidano cercando di perdere la maggiore percentuale di peso possibile. Questi club sono davvero speciali in quanto dotati di tapis roulant di dimensioni maggiorate rispetto alla norma, cyclette in grado di sopportare pesi massimi e pareti prive degli specchi che tradizionalmente sono presenti nei centri fitness.

Non ci stupiremo, dunque, se anche in Italia faranno la loro comparsa club di questo tipo, adottando, come spesso accade in molteplici settori, un modello di business affermatosi negli States.

Share

LEGGI ANCHE

Vista aerea di una lezione outdoor Body Studio

I club Body Studio di

Nuotatrice in piscina

Il protocollo di sicurezza elaborato dalla Federazione Italiana Nuoto, intitolato "Emergenza Covid-19.

Mascherina e disinfettante

Si chiama Impresa SIcura l’intervento previsto dal decreto “Cura Italia” (DL 18/2020, articolo 43, comma 1) per sostenere la continuità, in sicurezza, dei processi produttivi delle imprese, di qualunque dimensione e operanti su tutto il territorio nazionale.

Allenamento

Il ministero dello Sport ha pubblicato oggi, lunedì 4 maggio, le linee guida che regolano il graduale ritorno allo svolgimento degli allenamenti individuali degli atleti.

Centro fitness

Sono passati quasi due mesi dalla chiusura di fitness club

Vanessa Ferrari

Con l'hashtag la #iorestoacasa, anche la Federazione Ginnastica d'Italia invitata tutti a restare a casa, continuando però a fare esercizio, a mantene