Nuovo studio europeo: le palestre sono sicure

Ragazza in palestra
Martedì, Novembre 3, 2020
Dall’indagine SafeACTiVE, commissionata da EuropeActive, emerge che nel mese di ottobre i casi di positività al coronavirus rilevati nelle palestre di 14 paesi europei sono stati appena 487 a fronte di 62 milioni di visite, pari a 0,78 casi su 100.000 visite.

Dall'ultimo studio condotto per misurare i tassi di infezione da Covis-19 nei centri fitness in Europa emerge che il valore medio è pari ad appena 0,78 casi su 100.000 visite.

L'analisi dei dati relativi a 62 milioni di visite alle palestre europee nel mese di ottobre appena conclusosi, effettuata dall'Università Re Juan Carlos in Spagna e dalla Sheffield Hallam University, nel Regno Unito, mostra che sono stati registrati appena 487 casi di positività al coronavirus.

Questo importante studio, denominato SafeACTiVE e commissionato dal centro di ricerca THINK Active di  EuropeActive, ha analizzato i dati relativi agli operatori di club di 14 paesi, ovvero Germania, Francia, Svezia, Belgio, Olanda, Spagna, Portogallo, Norvegia, Svizzera, Repubblica Ceca, Polonia, Danimarca, Lussemburgo e Regno Unito. I risultati emersi dovrebbero contribuire in modo significativo mitigare le preoccupazioni dei consumatori di fitness in quanto confermano che i fitness club sono luoghi sicuri, nei quali il rischio di infezione da Covid-19 è molto basso.

Il professor Alfonso Jimenez, direttore di THINK Active, ha detto: «Un rischio d'infezione così basso all'interno dei centri fitness rinforza il messaggio che il fitness, e l'attività fisica in generale, costituiscono una componente fondamentale della soluzione alla pandemia Covid-19 in quanto favoriscono il rafforzamento del sistema immunitario, riducendo così il rischio di contrarre patologie virali».

 

 

 

Share

LEGGI ANCHE

Positive Thinking

Pensare positivo per sentirsi meglio e rimanere ‘puri’. E’ il credo di un nuovo stile di vita nato – come spesso accade – negli Stati Uniti e dilagato in poco tempo in mezzo mondo, Italia compresa. Come funziona?

Studio Coldiretti

Che durante il lockdown di marzo il cibo avesse sostituito in larga parte quella socialità che, in una lontana epoca pre-Covid, ci teneva impegnati nelle ore extra-lavorative ce n’eravamo accorti: tutto d’un tratto, spaghetti e ciambelloni avevan

Londra

Le palestre avrebbero dovuto restare aperte nel Regno Unito.

Berlino

Un’azione legale collettiva contro il lockdown di un mese e la conseguente chiusura di palestre, piscine e attività ludiche.

Ragazza in palestra

La decisione presa con l’ultimo DPCM riguardo a palestre e piscine, e di fatto rinviata alla prossima settimana, ha creato una frattura all’interno del Comitato Tecnico Scientifico, segno – commenta Fiorenza Sarzanini nell’

Immagine Coronavirus

Durante il periodo di lockdown l’Associazione Polo della Salute ha messo il proprio know how a disposizione del Paese, realizzando il primo studio in Italia che analizza l’impatto della quarantena sulla salute e sulle abitudini degli italiani, in