Obesità infantile: non è tutta colpa delle merendine

Bambino in sovrappeso
Autore: 
Redazione
Venerdì, Maggio 20, 2016
I dati raccolti da IRI e Istituto Superiore della Sanità dimostrano che la percentuale maggiore di bambini obesi e in sovrappeso si registra nelle regioni italiane in cui è minore il consumo di snack confezionati prodotti industrialmente. L’insufficiente attività motoria sarebbe dunque la prima causa di questo grave problema sociale e sanitario

Le cosiddette “merendine”, ovvero gli snack confezionati prodotti industrialmente, sono da parecchio tempo sotto accusa, additati come i principali responsabili del sovrappeso e dell’obesità di tantissimi bambi anche in Italia.

AIDEPI, l’associazione dell’industria dolciaria italiana, non ci sta e va al contrattacco, presentando i dati IRI sui consumi di prodotti da forno nel 2014, incrociandoli con quelli di Okkio alla salute 2014, l’osservatorio sul sovrappeso dell’Istituto Superiore della Sanità. Dati dai quali emerge una realtà sotto certi versi sorprendente: in Italia settentrionale, dove il consumo annuo di questi prodotti è il più elevato a livello nazionale (2,2 chili pro capite), il numero di giovanissimi obesi e in sovrappeso (25% dei soggetti tra i 7 e i 10 anni) è inferiore rispetto al Centro e al Sud. In Meridione, dove si mangiano meno merendine (1,6 chili pro capite annui) la percentuale di bambini “oversize” sale al 38% del totale.

ADEIPI ritiene che a fare realmente la differenza sia l’attività fisica associata a una buona cultura alimentare. Persino il nutrizionista Michelangelo Giampietro ha “difeso” questi prodotti alimentari: «Demonizzarle – ha detto –, additandole come responsabili di sovrappeso e obesità infantile è sbagliato. Non esistono cibi buoni e cattivi, tutto dipende dalle quantità consumate e soprattutto dagli stili di vita».

Dai dati raccolti da Okkio alla salute emerge che la maggior concentrazione di bambini tra i 6 e i 10 anni normopeso e in salute si trova nelle regioni del Nord, in cui più di 2,2 milioni di giovanissimi praticano uno sport o svolgono regolarmente attività fisica. Nelle regioni settentrionali il 70 per cento dei bambini fa sport, mentre al Sud e nelle Isole questa percentuale si abbassa al 45%. E lo stesso discorso vale per quanto concerne il consumo quotidiano di frutta e verdura: al Nord ne fanno regolare consumo circa l’80% dei bambini (l’eccellenza è il Trentino, dove si raggiunge l’86%). Anche queste percentuali crollano al Sud (il picco negativo si registra in Calabria, con il 63,5%).
 

Share

LEGGI ANCHE

Roberto Bresci

 

Locandina Web Conference

Fitness Trend propone la web conference

Acqua

Per quanto riguarda la sicurezza dell'acqua, l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha pubblicato un

Gazzetta Ufficiale

La Gazzetta Ufficiale n. 70 del 17.03.2020 ha pubblicato il decreto legge 17 marzo 2020 n. 18 di cui in questi giorni si è parlato molto.

Congresso ForumClub

L’organizzazione di ForumClub ha riprogrammato l'edizione 2020 dell'evento, rinviandola a sabato 21 e domenica 22 novembre, sempre al Palazzo

Esercizio con i kettlebell

Fitness club, boutique, personal trainer, in Italia come in tanti altri paesi, stanno rispondendo alla chiusura imposta dall'emergenza sanitaria causata dal Covid-19 offrendo gratuitamente la propria competenza e professio