Obesità infantile: non è tutta colpa delle merendine

Bambino in sovrappeso
Autore: 
Redazione
Venerdì, Maggio 20, 2016
I dati raccolti da IRI e Istituto Superiore della Sanità dimostrano che la percentuale maggiore di bambini obesi e in sovrappeso si registra nelle regioni italiane in cui è minore il consumo di snack confezionati prodotti industrialmente. L’insufficiente attività motoria sarebbe dunque la prima causa di questo grave problema sociale e sanitario

Le cosiddette “merendine”, ovvero gli snack confezionati prodotti industrialmente, sono da parecchio tempo sotto accusa, additati come i principali responsabili del sovrappeso e dell’obesità di tantissimi bambi anche in Italia.

AIDEPI, l’associazione dell’industria dolciaria italiana, non ci sta e va al contrattacco, presentando i dati IRI sui consumi di prodotti da forno nel 2014, incrociandoli con quelli di Okkio alla salute 2014, l’osservatorio sul sovrappeso dell’Istituto Superiore della Sanità. Dati dai quali emerge una realtà sotto certi versi sorprendente: in Italia settentrionale, dove il consumo annuo di questi prodotti è il più elevato a livello nazionale (2,2 chili pro capite), il numero di giovanissimi obesi e in sovrappeso (25% dei soggetti tra i 7 e i 10 anni) è inferiore rispetto al Centro e al Sud. In Meridione, dove si mangiano meno merendine (1,6 chili pro capite annui) la percentuale di bambini “oversize” sale al 38% del totale.

ADEIPI ritiene che a fare realmente la differenza sia l’attività fisica associata a una buona cultura alimentare. Persino il nutrizionista Michelangelo Giampietro ha “difeso” questi prodotti alimentari: «Demonizzarle – ha detto –, additandole come responsabili di sovrappeso e obesità infantile è sbagliato. Non esistono cibi buoni e cattivi, tutto dipende dalle quantità consumate e soprattutto dagli stili di vita».

Dai dati raccolti da Okkio alla salute emerge che la maggior concentrazione di bambini tra i 6 e i 10 anni normopeso e in salute si trova nelle regioni del Nord, in cui più di 2,2 milioni di giovanissimi praticano uno sport o svolgono regolarmente attività fisica. Nelle regioni settentrionali il 70 per cento dei bambini fa sport, mentre al Sud e nelle Isole questa percentuale si abbassa al 45%. E lo stesso discorso vale per quanto concerne il consumo quotidiano di frutta e verdura: al Nord ne fanno regolare consumo circa l’80% dei bambini (l’eccellenza è il Trentino, dove si raggiunge l’86%). Anche queste percentuali crollano al Sud (il picco negativo si registra in Calabria, con il 63,5%).
 

Share

LEGGI ANCHE

Dai bambini agli anziani, bisogna fare più attività fisica

Incrementare il numero delle persone fisicamente attive del 30%, per quanto riguarda gli adulti, e del 15%, gli over 64.

Convegno ANIF ForumClub 2019

Il Convegno nazionale ANIF Eurowellness, il primo del 2019, si è svoltosi lo scorso 15 febbraio nel corso del 20° ForumClub e dell'11° Forum

Trofei Club Award

La cerimonia di premiazione della tredicesima edizione del Club Award, il premio istituito dalla rivista Il Nuovo Club, è avvenut

McFIT

Da fitness club a centro sportivo del futuro è il titolo della general session che si terrà mercoledì 13 febbraio 2019 nella sala Italia del Palazzo dei Congressi dalle 14.30 alle 15.30, nell'ambito d

Max Calderan

Nell'ambito della ventesima edizione di ForumClub, Max Calderan, esploratore estremo detentore di dodici record mondiali - insignito della Medaglia al Valore civile dal Presidente della Re

Bambini giocano a calcio

Un nuovo disegno di legge in materia di sport è stato presentato al Senato il 30 gennaio scorso e tra i fautori figura il Senatore Caudio Barbaro (nella foto sotto), Senatore della Lega e presidente dell’Ente di Promozione Sportiva