Palestre a misura di disabile nel Regno Unito

Palestre a misura di disabile nel Regno Unito big
Sulla scia delle recenti Paralimpiadi, l'Inclusive Fitness Initiative promuove con rinnovato vigore l'attività fisica per tutti

Le recenti Paralimpiadi di Londra, che hanno visto tra i protagonisti l’esordiente Alessandro Zanardi vincitore di ben due medaglie d’oro, hanno ulteriormente sensibilizzato l’opinione pubblica sul rapporto tra sport e disabilità. E proprio nel Regno Unito l’industria del tempo libero sta attuando diverse iniziative per rendere l’attività fisica accessibile a tutti.

Tra queste figura l’Inclusive Fitness Initiative che indica ai centri fitness che intendono abilitarsi le linee guida per soddisfare quattro tipi di utenti disabili: audiolesi, non vedenti, persone con difficoltà di apprendimento e su sedia a rotelle.

In realtà l’Inclusive Fitness Initiative (sinteticamente IFI), esiste da dieci anni e ha accreditato 400 centri fitness della Gran Bretagna. Oggi è gestita dalla English Federation of Disability Sport (EFDS) e il marchio IFI è considerato fondamentale per affrontare il problema della disuguaglianza nell’ambito dell’attività fisica, stimolare i sedentari, diffondere la consapevolezza circa gli straordinari benefici dell’esercizio fisico e allargare la domanda di fitness e sport.

Share

LEGGI ANCHE

Studio Safe Sweat di Vancouver

Il marchio Safe Sweat ha fatto il suo ingresso nel mercato del fitness nordamericano lo scorso 22 agosto a Vancouver

Studio Barry's

Sacerdote durante la messa

Il parroc

Giampaolo Duregon

Il 28 settembre scorso il Consiglio dei

Srealcio copertina 12 Strategie vincenti per Fidelizzare i clienti!

12 Strategie vincenti per Fidelizza

Formatore in aula

Grazie ai