Salute, l'obesità fa male al cervello

Autore: 
A cura della Redazione
Mercoledì, Settembre 9, 2020
Uno studio condotto dalla Johns Hopkins University e dalla University of California spiega come l'obesità incida negativamente sul funzionamento del cervello: maggiore è il sovrappeso, minore è l’attività mentale e l’afflusso di sangue che irrora il cervello.

Corpore sano per una mens sana. A ribaltare Ia locuzione latina è uno studio condotto dalla Johns Hopkins University e la University of California, secondo cui i chili in eccesso incidono negativamente sul funzionamento del cervello: maggiore è il sovrappeso, minore è l’attività mentale e l’afflusso di sangue che irrora il cervello, il che potrebbe spiegare perché l'obesità è legata al rischio di Alzheimer.

La ricerca, pubblicata sul ‘Journal of Alzheimer's Disease’,ha coinvolto 17.721 persone di un’età compresa tra i 18 e i 94 anni, sottoposte a oltre 35mila scansioni cerebrali per misurare l’attività e il flusso sanguigno al cervello. Dallo studio e dall’analisi dei dati raccolti, i ricercatori hanno scoperto che, all’aumentare del peso corporeo, il flusso sanguigno al cervello si riduce, e così l’attività cerebrale, in particolar modo nelle aree critiche associate a memoria e apprendimento, come ippocampo e lobi parietali. Un campo, conclude lo studio, da approfondire, sia per interventi volti al benessere dell’individuo, sia per campagne di prevenzione legate all’Alzheimer.

Share

LEGGI ANCHE

Mondo digitale

Pablo Foncillas Diaz-Plaja, esperto di marketing, autore, consulente e docente di fama internazionale, sarà protagonista del webinar, tenuto in lingua inglese, intitolato “How marketing leads the digital transformation: ideas, examples and trends”, proposto da

Sace Simest, la società di Cassa Depositi e Prestiti, sostiene la partecipazione di tutte le piccole e medie imprese, in forma singola o aggregata, a MidCap e grandi aziende a fiere, mostre, missioni di sistema e eventi promozionali, anche virtuali, per promuover

Fitness app

Fitness club e centri sportivi stanno affrontando la cosiddetta Fase 3 dell'emergenza Coronavirus, profondamente influenzata dalla digitalizzazione.

Ragazza che gioca a Padel

Tra gli sport che hanno ottenuto maggior successo dopo il lockdown figura sicuramente il Padel, inventato negli ani Sessanta da Enrique Corcuera, svolto utilizzando una racchetta corta più facile da maneggiare, risultando dinamico e reattivo.

Chuck Runyon e Dave Mortensen

Dopo le ultime aperture – avvenute a Rho, in provincia di Milano, a Francavilla, in provincia di Chieti, e a Verona – Anytime Fitness ha reso noto che aprirà altri 9 club nel nostro Paese entro la fine dell’anno, raggiungendo così quota 35.

Migliora l'umore, rafforza la motivazione e trasmette energia. In una parola: musica.