Sweatcoin, l’app che paga chi si muove

Schermata Sweatcoin
Autore: 
Redazione
Lunedì, Febbraio 5, 2018
L'applicazione per smartphone creata da una startup russa con sede a Londra ricompensa economicamente chi fa attività fisica, in collaborazione con le assicurazioni sanitarie

Un’app per smartphone che ricompensa economicamente chi fa attività fisica, scaricabile gratuitamente. È questa l’idea alla base di Sweatcoin, applicazione nata nel Regno Unito che, nel giro di qualche mese, arriverà anche in Italia per incoraggiare lo svolgimento di attività motoria, premiando i più attivi con moneta elettronica. Il principio alla base di Sweatcoin è semplice: un sistema Gps monitora la distanza percorsa correndo o camminando e il raggiungimento dei mille passi viene pagato con moneta elettronica, spendibile all’interno del negozio virtuale di SweatCoin.

Gli utente più motivati e in buona forma possono arrivare a disporre del denaro per acquistare, ad esempio, un televisore da 50 pollici oppure, mentre i meno atletici possono facilmente regalarsi un rasoio da 15 monete, un libro di cucina dietetica da 10 monete, scarpe da jogging, buoni regalo e altro ancora. E i più generosi hanno anche la possibilità di fare beneficenza: in quel caso, la moneta elettronica diverrà moneta reale.

L’obiettivo dei creatori di Sweatcoin - gli imprenditori russi Oleg Fomenko, Anton Derlyatka, Danil Perushev e Egor Khmelev, la cui startup ha sede a Londra - è incoraggiare il maggio numero possibile di persone a essere fisicamente attive, collaborando con le grandi assicurazioni sanitarie, interessate alla salute sei propri clienti.

 

Per maggiori informazioni: https://sweatco.in

Share

LEGGI ANCHE

Ragazza svolge videogioco

Uno dei rimedi alla diffusa sedentarietà infantile e adolescenziale può venire, paradossalmente, dalla tecnologia, più precisamente dai videogiochi di ultima generazione, che consentono di giocare muovendosi.

Giampaolo Duregon

Abbimao chiesto al Presidente di ANIF-Eurowellness Giampaolo Duregon (nella foto) di esprimere la posizione dell'Associazione di riferimento per gli operatori di fitness-wellness club e centri sportiv

Cervelli

Un'équipe di ricercatori del Centro studi e ricerca in Neuroscienze Cognitive dell’Università di Bologna (Dipartimento di Psicologia - Campus di Cesena) ha messo a punto una nuova tecnica non invasiva che consente di alterare le connessioni tra diverse ar

Gli operatori del fitness e dello sport del Regno Unito hanno fatto quadrato nell'ambito della prima edizione dell'iniziativa Active Uprising, letteralmente "Insurrezione Attiva", organizzata da ukactive

KAB Kataklò Aerial Barre

Giulia Staccioli, finalista olimpica a Los Angeles 1984 e Seoul 1988 nella ginnastica ritmica, ex membro della nota compagnia teatrale di ballerini-acrobati Momix, dal 1995 dirige Kataklò, compagnia rinomata in ambito internazion

Foto di gruppo workshop "Train Clean to Feel Good"

L'utilizzo di sostanze illegali, molto pericolose per la salute, è molto diffuso anche tra i non professionisti del fitness e dello sport che fanno ricorso al doping per essere più forti, più muscolosi, più asciutti.