Sweatcoin, l’app che paga chi si muove

Schermata Sweatcoin
Autore: 
Redazione
Lunedì, Febbraio 5, 2018
L'applicazione per smartphone creata da una startup russa con sede a Londra ricompensa economicamente chi fa attività fisica, in collaborazione con le assicurazioni sanitarie

Un’app per smartphone che ricompensa economicamente chi fa attività fisica, scaricabile gratuitamente. È questa l’idea alla base di Sweatcoin, applicazione nata nel Regno Unito che, nel giro di qualche mese, arriverà anche in Italia per incoraggiare lo svolgimento di attività motoria, premiando i più attivi con moneta elettronica. Il principio alla base di Sweatcoin è semplice: un sistema Gps monitora la distanza percorsa correndo o camminando e il raggiungimento dei mille passi viene pagato con moneta elettronica, spendibile all’interno del negozio virtuale di SweatCoin.

Gli utente più motivati e in buona forma possono arrivare a disporre del denaro per acquistare, ad esempio, un televisore da 50 pollici oppure, mentre i meno atletici possono facilmente regalarsi un rasoio da 15 monete, un libro di cucina dietetica da 10 monete, scarpe da jogging, buoni regalo e altro ancora. E i più generosi hanno anche la possibilità di fare beneficenza: in quel caso, la moneta elettronica diverrà moneta reale.

L’obiettivo dei creatori di Sweatcoin - gli imprenditori russi Oleg Fomenko, Anton Derlyatka, Danil Perushev e Egor Khmelev, la cui startup ha sede a Londra - è incoraggiare il maggio numero possibile di persone a essere fisicamente attive, collaborando con le grandi assicurazioni sanitarie, interessate alla salute sei propri clienti.

 

Per maggiori informazioni: https://sweatco.in

Share

LEGGI ANCHE

METODO WAL

L’esercizio fisico è un’attività insostituibile per il benessere dell’organismo. Muoversi aiuta a raggiungere l’apice della salute psico-fisica curando corpo e mente.

Congresso IHRSA 2018

La trentottesima edizione dell’Annual International Convention & Trade Show, organizzata dall’IHRSA, avrà luogo, per il secondo anno consecutivo, nella soleggiata San Diego, dal 13 al 16 marzo prossimi.

Sport e cervello

Uno studio condotto alla Deakin University di Melbourne, in Australia, ha confermato che praticare attività fisica durante l’infanzia e l’adolescenza potrebbe prevenire l’insorgenza, in età adulta, di malattie come demenza e morbo di Parkinson.

Cold Yoga

Molte persone definiscono ‘di successo’ un allenamento solo quando entrano in doccia adeguatamente sudate. Il che non rappresenta necessariamente un preconcetto.

Group fitness

Per il tredicesimo anno consecutivo, l'American College of Sports Medicine (ACSM) - una delle massime autorità, a livello mondiale, nell’ambito del fitness e del legame tra esercizio fisico e salute - ha condotto il sondaggio con il quale, intervistando migliaia

IHRSA Passport

L'International Health, Racquet and Sportsclub Association, sinteticamente IHRSA, Associazione di Boston che riunisce e rappresenta migliaia di club a livello internazionale, ha recentemente lanciato la nuova versione del suo Passport Program, ch