Technogym quotata in borsa

Pierluigi e Nerio Alessandri
Autore: 
Redazione
Venerdì, Maggio 6, 2016
L’azienda guidata da Nerio Alessandri ha fatto il suo debutto a Piazza Affari il 3 maggio scorso. Un traguardo importante per un marchio noto a livello mondiale che dà lustro, anche nell’ambito del fitness, al made in Italy

La cerimonia di quotazione in borsa di Technogym si è svolta lo scorso 3 maggio a Piazza Affari, di fronte a una folta platea che comprendeva numerosi personaggi del mondo imprenditoriale e finanziario e tante celebrità dello sport.

Nerio Alessandri, Presidente e amministratore delegato dell’azienda romagnola, ha tenuto la scena affiancato da Fiorello, raccontando la storia che ha conquistato fondi e asset manager, inducendoli ad acquistare azioni, soprattutto negli Stati Uniti. È la storia, ormai nota anche al di fuori del settore, dell’imprenditore che, partendo dal garage di casa, nella provincia romagnola, nel 1983 ha fondato un’impresa che oggi vale oltre 720 milioni e rappresenta quel made in Italy molto apprezzato dagli investitori stranieri di lungo termine che, non a caso, si sono assicurati i due terzi delle azioni messe in vendita.

«Il wellness – ha detto Alessandri – è un nuovo grande trend economico mondiale e al tempo stesso un’opportunità sociale per governi, imprese e cittadini per promuovere la salute e la prevenzione. La quotazione di Technogym rappresenta solo una tappa storica e non solo per la nostra azienda, bensì per tutto il settore del fitness e del wellness».

Guarda il video della Cerimonia di Quotazione in Borsa di Technogym

 

 

Share

LEGGI ANCHE

Ragazza sorridente in palestra

Pensare positivo per sentirsi meglio e rimanere ‘puri’. È’ il credo di un nuovo stile di vita nato, come spesso accade, negli Stati Uniti e dilagato in poco tempo in mezzo mondo, Italia compresa. Come funziona?

Studio Coldiretti

Che durante il lockdown di marzo il cibo avesse sostituito in larga parte quella socialità che, in una lontana epoca pre-Covid, ci teneva impegnati nelle ore extra-lavorative ce n’eravamo accorti: tutto d’un tratto, spaghetti e ciambelloni avevan

Londra

Le palestre avrebbero dovuto restare aperte nel Regno Unito.

Berlino

Un’azione legale collettiva contro il lockdown di un mese e la conseguente chiusura di palestre, piscine e attività ludiche.

Ragazza in palestra

La decisione presa con l’ultimo DPCM riguardo a palestre e piscine, e di fatto rinviata alla prossima settimana, ha creato una frattura all’interno del Comitato Tecnico Scientifico, segno – commenta Fiorenza Sarzanini nell’

Immagine Coronavirus

Durante il periodo di lockdown l’Associazione Polo della Salute ha messo il proprio know how a disposizione del Paese, realizzando il primo studio in Italia che analizza l’impatto della quarantena sulla salute e sulle abitudini degli italiani, in