Un settore che lotta per sopravvivere

Centro fitness
Autore: 
Redazione
Giovedì, Aprile 23, 2020
In circa due mesi di chiusura forzata, fitness club, centri sportivi e piscine hanno subìto un danno economico gravissimo che mette a serio rischio la sopravvivenza di tante strutture e tantissimi posti di lavoro.

Sono passati quasi due mesi dalla chiusura di fitness club, centri sportivi e piscine, strutture che nel nostro Paese costituiscono un settore di grande valore sociale ed economico che rischia il collasso se la situazione non evolve positivamente e non vengono messi in campo aiuti consistenti.

P.A.S.B.E.M. (Professionisti Associati Sport, Benessere e Movimento), associazione di Confcommercio professioni, stima che dopo appena due settimane dall’inizio dell’emergenza l’industria dello sport italiana ha registrato una diminuzione di attività pari al 24% rispetto ai giorni precedenti crisi, un calo il cui valore è pari 7 miliardi di euro e che il 7 aprile aveva già raggiunto il 35%.

La Confederazione dello Sport prevede che le perdite registrate a causa della sospensione delle attività imposta dalle misure di contenimento dell'epidemia Coronavirus raggiungeranno almeno 1 miliardo di euro e che saranno non meno di 30mila le associazioni e società sportive dilettantistiche costrette a sciogliersi nei prossimi mesi. E ovviamente saranno pesanti anche le ripercussioni sul mercato immobiliare e sull'occupazione.

Il CONI stima che l'universo sport, nel nostro Paese, vale circa 30 miliardi di euro, una cifra corrispondente all'1,7% per cento del Pil, che raggiunge i 60 miliardi se si considera l'indotto. L'Istat ha rilevato che gli italiani che svolgono un'attività sportiva, a tutti i livelli, sono circa 20 milioni, mentre i tesserati al CONI e agli enti di promozione superano i 12 milioni. Sono più di 5 milioni gli iscritti ai circa 7.500 centri fitness e altri 5 milioni utilizzano le circa 1.500 piscine a uso pubblico presenti sul territorio.

 

 

 

Share

LEGGI ANCHE

Stralcio Locandina Studio

Il lungo periodo di inattività forzata durante il lockdown imposto dall’emergenza COVID-19 ha esposto le persone a ulteriori rischi per la salute, in particolar modo i soggetti che hanno maggiori possibilità di contrarre patologie cr

Vista aerea di una lezione outdoor Body Studio

I club Body Studio di

Nuotatrice in piscina

Il protocollo di sicurezza elaborato dalla Federazione Italiana Nuoto, intitolato "Emergenza Covid-19.

Mascherina e disinfettante

Si chiama Impresa SIcura l’intervento previsto dal decreto “Cura Italia” (DL 18/2020, articolo 43, comma 1) per sostenere la continuità, in sicurezza, dei processi produttivi delle imprese, di qualunque dimensione e operanti su tutto il territorio nazionale.

Allenamento

Il ministero dello Sport ha pubblicato oggi, lunedì 4 maggio, le linee guida che regolano il graduale ritorno allo svolgimento degli allenamenti individuali degli atleti.

Vanessa Ferrari

Con l'hashtag la #iorestoacasa, anche la Federazione Ginnastica d'Italia invitata tutti a restare a casa, continuando però a fare esercizio, a mantene