Guerra alla sedentarietà!

Allenamento Marines
Autore: 
Redazione
Lunedì, Agosto 29, 2016
La rivista medico-scientifica The Lancet ha recentemente pubblicato i risultati di alcuni studi sugli effetti negativi della sedentarietà e su quelli positivi dell’attività motoria, evidenziando che c’è ancora molto da fare, a livello mondiale, per promuovere uno stile di vita attivo e salutare

Per neutralizzare gli effetti negativi di 8 ore giornaliere di sedentarietà, e abbassare significativamente il rischio di morire a causa di una patologia cronica, è sufficiente un’ora di camminata veloce o di pedalata. È quanto emerge da uno degli studi presentatati dal rapporto intitolato “Attività fisica 2016: progressi e sfide” recentemente pubblicato dalla rivista medico-scientifica britannica The Lancet. Si tratta di un quadro generale sugli effetti negativi, per la salute e l’economia, dell’inattività fisica e di converso sull’importanza delle politiche attuate a livello nazionale per contrastare la sedentarietà.

Uno degli studi ha ad esempio valutato gli effetti del tempo trascorso quotidianamente davanti alla televisione, stabilendo che restare seduti in modo continuativo per più di tre ore al giorno fa salire il rischio di decesso tra i soggetti che non svolgono alcun tipo di attività fisica. I ricercatori hanno inoltre sottolineano che molte ore passate quotidianamente davanti alla tv sono associate a un rischio di decesso molto più elevato rispetto a quello riconducibile alla sola sedentarietà. Ciò sarebbe dovuto a una combinazione di fattori: più televisione si guarda e meno si è propensi a svolgere attività fisica; l’abitudine, molto diffusa, di stare davanti al piccolo schermo dopo cena può avere ripercussioni negative sul metabolismo; guardando la tv si è più propensi a consumare cibo.

Un altro studio presentato rende invece noto che la sedentarietà, a livello mondiale, ha un costo annuale superiore a 67 miliardi di dollari, spesi in cure sanitarie e perdita di produttività, con effetti negativi che variano da nazione a nazione. Nei paesi ad alto reddito la sedentarietà è responsabile dell’80,8% dei costi sanitari e del 60,4% dei costi indiretti (tra i quali il calo di produttività), mentre nelle nazioni a basso e medio reddito è responsabile del 75% del carico globale di malattia. Questa stima è stata effettuata considerando solo 5 malattie associate all’inattività fisica, ossia patologie coronarica, ictus, diabete di tipo 2, cancro al seno e cancro al colon. Dunque i costi sono sicuramente più elevati.  

L’approfondito rapporto ha inoltre reso noto che tra il 2010 e il 2015 molte nazione hanno attuato politiche per favorire la diffusione di uno stile di vita più salutare, ma nonostante ciò nel 2015 il 23% della popolazione adulta mondiale e l’80% degli adolescenti che frequentano la scuola non si sono attenuti alle raccomandazioni Oms sui livelli di attività fisica settimanale (150 minuti di attività ad intensità moderata). Urgono, dunque, ulteriori interventi.

Questa interessante e utile pubblicazione ha infine ricordato che per far crescere i livelli di attività motoria tra la popolazione è necessaria la collaborazione tra diversi settori, ovvero scuola, urbanistica, trasporti, attività sportive e ricreative. Sottolinea, inoltre, che bisogna intensificare gli sforzi per monitorare l’attività fisica nella pratica clinica, considerandolo un fattore di rischio per alcune malattie.

 

Share

LEGGI ANCHE

Dai bambini agli anziani, bisogna fare più attività fisica

Incrementare il numero delle persone fisicamente attive del 30%, per quanto riguarda gli adulti, e del 15%, gli over 64.

Convegno ANIF ForumClub 2019

Il Convegno nazionale ANIF Eurowellness, il primo del 2019, si è svoltosi lo scorso 15 febbraio nel corso del 20° ForumClub e dell'11° Forum

Trofei Club Award

La cerimonia di premiazione della tredicesima edizione del Club Award, il premio istituito dalla rivista Il Nuovo Club, è avvenut

McFIT

Da fitness club a centro sportivo del futuro è il titolo della general session che si terrà mercoledì 13 febbraio 2019 nella sala Italia del Palazzo dei Congressi dalle 14.30 alle 15.30, nell'ambito d

Max Calderan

Nell'ambito della ventesima edizione di ForumClub, Max Calderan, esploratore estremo detentore di dodici record mondiali - insignito della Medaglia al Valore civile dal Presidente della Re

Bambini giocano a calcio

Un nuovo disegno di legge in materia di sport è stato presentato al Senato il 30 gennaio scorso e tra i fautori figura il Senatore Caudio Barbaro (nella foto sotto), Senatore della Lega e presidente dell’Ente di Promozione Sportiva