Anabolizzanti in palestra: altri tre arresti a Piacenza

Anabolizzanti in palestra: altri tre arresti a Piacenza big
Arrestati un poliziotto ventottenne, la moglie e un ventiquattrenne macedone implicati nel traffico di sostanze anabolizzanti in alcuni centri fitness piacentini e del milanese

La squadra mobile di Piacenza continua a indagare sul traffico di sostanze anabolizzanti in città dopo aver notificato una nuova ordinanza di custodia cautelare a un poliziotto ventottenne in servizio alla Scuola Allievi.

Con lui sono stati arrestati anche la moglie e un ventiquattrenne di nazionalità macedone che avrebbe consegnato le sostanze dopanti, provenivano dalla Romania, a numerosi clienti di centri fitness piacentini città e del milanese. Il poliziotto è stato arrestato, in flagranza di reato, lo scorso dicembre, mentre ritirava, da un corriere, sette scatole di anabolizzanti.

Share

LEGGI ANCHE

Più  corsi ibridi e soluzioni multiservizio, è il fitness del futuro

Nonostante la pandemia abbia cambiato radicalmente le nostre abitudini quotidiane, privandoci di spazi come palestre, piscine e cinema per rinchiuderci in casa, 9 persone su 10 non intendono rinunciare all’attività fisica.

Ragazza sorridente in palestra

Pensare positivo per sentirsi meglio e rimanere ‘puri’. È’ il credo di un nuovo stile di vita nato, come spesso accade, negli Stati Uniti e dilagato in poco tempo in mezzo mondo, Italia compresa. Come funziona?

Studio Coldiretti

Che durante il lockdown di marzo il cibo avesse sostituito in larga parte quella socialità che, in una lontana epoca pre-Covid, ci teneva impegnati nelle ore extra-lavorative ce n’eravamo accorti: tutto d’un tratto, spaghetti e ciambelloni avevan

Londra

Le palestre avrebbero dovuto restare aperte nel Regno Unito.

Berlino

Un’azione legale collettiva contro il lockdown di un mese e la conseguente chiusura di palestre, piscine e attività ludiche.

Ragazza in palestra

La decisione presa con l’ultimo DPCM riguardo a palestre e piscine, e di fatto rinviata alla prossima settimana, ha creato una frattura all’interno del Comitato Tecnico Scientifico, segno – commenta Fiorenza Sarzanini nell’