Acquafitness: il benessere alla portata di tutti

Acquafitness
Autore: 
Redazione
Lunedì, Gennaio 13, 2020
Buona parte degli allenamenti prima svolti esclusivamente in palestra ora hanno luogo anche in piscina. Gli esercizi in acqua garantiscono benefici complementari a quelli svolti a terra grazie all’assenza di gravità e alla resistenza dell’acqua.

Allenarsi in piscina è di estrema utilità, perché oltre a dare forma e tonicità al corpo permette di drenare e depurare l’organismo, agendo in maniera efficace anche sul sistema cardiocircolatorio. L’acquafitness – così viene definita l’ampia gamma di attività aerobiche svolte in piscina – è consigliato anche perché sfruttando la resistenza dell’acqua si bruciano molte più calorie rispetto che a terra: anche da fermi è necessario esercitare della forza per mantenere l’equilibrio e restare in posizione, ad esempio.

Sono numerosissime le discipline terrestri che hanno una propria versione in piscina, per via soprattutto del potenziale inclusivo dell’allenamento in acqua. L’assenza di gravità permette di svolgere gli esercizi senza gravare sulle articolazioni, rendendo in questo modo accessibili a tutti anche quegli sport più faticosi o impegnativi. Inoltre, per quelle discipline che lo prevedono, restare in apnea dinamica – ovvero mentre ci si muove – aumenta notevolmente la capacità polmonare. Non a caso, l’apnea agonistica è una vera e propria disciplina sportiva.

Sono piuttosto in voga, e non solo di maggiore efficacia, gli allenamenti a ritmo di musica come l’Acquazumba e l’Idrobike, evoluzioni delle rispettive Zumba e indoor cycling.

Tra gli sport più noti figura anche il Boxing splash, un programma di acquafitness che si compone di una serie di esercizi in stile combat: una molla tiene ancorato al fondo lo sparringball, una palla da prendere a pugni spesso a ritmo di musica, esattamente come in alcuni allenamenti di kickboxing. I benefici della kickboxing, misti a quelli dell’esercizio in acqua, permettono di snellire il corpo e tonificare braccia, spalle, addome e gambe simultaneamente, letteralmente step by step. Secondo una stima generale le calorie bruciate in un’ora di Boxing splash sono decisamente di più rispetto al corrispettivo terrestre: circa 600 in un’ora, da aggiungersi all’effetto linfodrenante dovuto al continuo movimento in acqua.

Share

LEGGI ANCHE

Scimpanzè

La sedentarietà è forse la peggiore e la più diffusa tra le cattive abitudini della società odierna ed è una delle principali cause di disturbi e patologie all’apparato cardiocircolatorio. Ciò potrebbe dipendere dall’incompatibilità tra la forma del nostro cuore e le nostre abitudini.

Sportivi che corrono

Uno studio coordinato dai ricercatori dell’Unità di Disfunzioni Neuromuscolari dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri IRCCS con il supporto di AIRC e Fondazione Cariplo, recentemente pubblicato sulla rivista scienti

Depressione

Negli ultimi anni si è cercato di scoprire se il livello di attività fisica fornisca effettivamente informazioni utili alla diagnosi del disturbo bipolare, per giungere a una diagnosi precoce.

Game face

Comunemente chiamata game face, la faccia da competizione è l’espressione concentrata e seria che spesso esibiscono gli atleti prima di un importante match sportivo.

Pasticche

Le indagin, coordinate dai Nas di Firenze, avevano avuto inizio dopo il sequestro, avvenuto a Figline Valdarno, in provincia di Firenze, di sostanze dopanti e stupefacenti proveniente dalla Polonia e spacciate su tutto il territorio nazionale.

Ingresso stabilimento termale

A seguito dell’ennesima campagna pubblicitaria, attuata da un operatore commerciale, che utilizza in modo equivoco la parolaterme”, affiancandola a servizi di natura del tutto estranei alle cure e alle prestazioni termali definite dalla Legge 323/2000