Barry’s Bootcamp apre il primo studio italiano a Milano

Insegna Barry's Bootcamp
Autore: 
Redazione
Mercoledì, Maggio 10, 2017
La catena statunitense di boutique del fitness che propone un allenamento sfidante orientato ai risultati il prossimo giugno aprirà il suo primo studio italiano a Milano

Barry’s Bootcamp, marchio creato dallo statunitense Barry Jay Stich nel 1998, oggi identifica 25 boutique del fitness negli Stati Uniti e quasi una decina oltre confine: 3 a Londra, 4 in Norvegia, 1 a Dubai e dal prossimo giugno anche uno in Italia, che aprirà i battenti a Milano, in via Senato 36.

L'istruttrice Nina Agdal

La neonata struttura, sviluppata su una superficie di circa 400 metri quadrati, offrirà alla clientela l’innovativa concezione di fitness che ha sancito il successo di questo effervescente brand, ovvero un allenamento full body coinvolgenti ed efficace. Ogni sessione prevede circa mezz’ora di attività cardiovascolare svolta su tapis roulant e altri 25-30 minuti di esercizi per la forza svolti con pesi liberi, bande di resistenza e altri dispositivi.

Istruttrice con cliente

L’allenamento firmato Barry’s Bootcamp è orientato ai risultati e incoraggia i partecipanti a superare i propri limiti, sia fisici sia mentali. Ogni sessione – che consente di bruciare fino a 1.000 calorie e liberarsi dallo stress della frenetica vita quotidiana – è aperta a un massimo di 42 partecipanti, costa 28 euro e non sono previsti abbonamenti, bensì l’acquisto di pacchetti il cui prezzo è inversamente proporzionale al numero di lezioni contenute. I clienti possono prenotare e acquistare le proprie sedute d’allenamento direttamente nel sito web di Barry’s Bootcamp, senza dover arrivare in anticipo per scegliersi il posto.

Il primo studio italiano venderà inoltre l’abbigliamento sportivo, il merchandising, gli smoothies e le barrette ad alto contenuto proteico firmati Barry’s Bootcamp.

 

Share

LEGGI ANCHE

Fitness outdoor

Nel biennio 2022-23, gli adulti “fisicamente attivi” in Italia tra i 18 e i 69 anni sono risultati essere il 48% (poco meno di uno su due), i “parzialmente attivi” il 24%, e i “sedentari” il 28%.

Sagoma ragazza che fa yoga

Un recente sondaggio condotto dai Centers for Disease Control and Prevention svela che negli

Group fitness in un club PureGym

PureGym

Logo Sport Civico

Sport Civico”, progetto nazionale Uisp sostenuto dal Dipartimento per lo Sport<

Yoga in spiaggia

Proclamata dall’ONU con una risoluzione del dicembre 2014, la giornata mondiale dello yoga si celebra come sempre il 21 giugno per promuo

Guido Martinelli

La Fondazione Sport City ha presentato la prima edizione