Bologna: lo yoga entra nelle scuole primarie

Bambina fa yoga
Autore: 
Redazione
Martedì, Luglio 9, 2019
Dallo scorso febbraio alla fine di maggio, quattro scuole primarie del capoluogo emiliano hanno inserito nella loro programmazione didattica le lezioni di yoga. È la prima volta che succede in Italia e l’inedita iniziativa potrebbe stimolarne altre simili.

In alcune scuole primarie di Bologna è stato introdotto, a partire dall’anno scolastico appena conclusosi, lo yoga. Una novità assoluta per l’Italia che potrebbe fungere da apripista per altre iniziative di questo tipo, frutto del progetto parzialmente finanziato dalla Fondazione del Monte e nato dalla collaborazione tra la scuola di yoga del Centro Natura e l’associazione Arkis.

Un’iniziativa finalizzata al benessere sia fisico sia mentale dei bambini tramite lo svolgimento di un’attività millenaria nota per i benefici che assicura. Questa stimolante idea è venuta a Simona Ramazzotti del Centro Natura che ha coinvolto Anna Bergonzini, pedagogista e insegnate di yoga dell’associazione Ankis. E grazie al sostegno economico dell’associazione del Monte, quello che sembrava un sogno è diventato realtà.  A partire da febbraio 2019, quattro scuole primarie del quartiere Porto-Saragozza hanno inserito nella loro programmazione didattica le lezioni di yoga.  

«Per prima cosa – ha spiegato Anna Bergonzini – abbiamo cercato sul territorio delle scuole di yoga che proponessero già corsi di yoga per bambini, quindi ci siamo rivolte agli istituti comprensivi e ai Quartieri nei quali hanno sede le scuole individuate. Desideriamo incentivare lo svolgimento dello yoga anche al di fuori dell’orario scolastico».

 

Share

LEGGI ANCHE

Positive Thinking

Pensare positivo per sentirsi meglio e rimanere ‘puri’. E’ il credo di un nuovo stile di vita nato – come spesso accade – negli Stati Uniti e dilagato in poco tempo in mezzo mondo, Italia compresa. Come funziona?

Studio Coldiretti

Che durante il lockdown di marzo il cibo avesse sostituito in larga parte quella socialità che, in una lontana epoca pre-Covid, ci teneva impegnati nelle ore extra-lavorative ce n’eravamo accorti: tutto d’un tratto, spaghetti e ciambelloni avevan

Londra

Le palestre avrebbero dovuto restare aperte nel Regno Unito.

Berlino

Un’azione legale collettiva contro il lockdown di un mese e la conseguente chiusura di palestre, piscine e attività ludiche.

Ragazza in palestra

La decisione presa con l’ultimo DPCM riguardo a palestre e piscine, e di fatto rinviata alla prossima settimana, ha creato una frattura all’interno del Comitato Tecnico Scientifico, segno – commenta Fiorenza Sarzanini nell’

Immagine Coronavirus

Durante il periodo di lockdown l’Associazione Polo della Salute ha messo il proprio know how a disposizione del Paese, realizzando il primo studio in Italia che analizza l’impatto della quarantena sulla salute e sulle abitudini degli italiani, in