Camminare di più per dormire meglio

Autore: 
A cura della Redazione
Giovedì, Novembre 14, 2019
Uno studio dimostra che basta qualche minuto di camminata in più al giorno per migliore la qualità del sonno.

Per dormire meglio basta incrementare l’attività fisica giornaliera. A dimostrarlo sono i risultati di uno studio condotto negli Stati Uniti, da un team di ricercatori della Brandeis University, con sede a Waltham, nel Massachusetts,
successivamente pubblicato sulla rivista Sleep Health: secondo la ricerca, infatti, è sufficiente camminare per qualche minuto in più ogni giorno per migliorare la qualità del sonno.

Per comprendere una eventuale correlazione tra i due fattori - attività fisica e riposo - i ricercatori hanno studiato un campione di 59 persone, in prevalenza donne, con problemi di gestione del sonno. Alla metà dei partecipanti allo studio, quindi, i ricercatori hanno chiesto di aumentare la propria attività fisica giornaliera per un periodo di quattro settimane. Dai risultati della ricerca è emerso che i soggetti più attivi hanno visto un miglioramento del sonno direttamente proporzionale al tempo dedicato all’attività fisica.

Inoltre, i dati emersi dallo studio hanno dimostrato che, ad essere influenzata dal movimento, è esclusivamente la qualità del sonno. Per quanto riguarda, invece, la durata del riposo notturno, dall'indagine è emerso che gli effetti sono più visibili sulle donne che sugli uomini.

Leggi lo studio

 

 

Share

LEGGI ANCHE

Acquafitness

Allenarsi in piscina è di estrema utilità, perché oltre a dare forma e tonicità al corpo permette di drenare e depurare l’organismo, agendo in maniera efficace anche sul sistema cardiocircolatorio.

Scimpanzè

La sedentarietà è forse la peggiore e la più diffusa tra le cattive abitudini della società odierna ed è una delle principali cause di disturbi e patologie all’apparato cardiocircolatorio. Ciò potrebbe dipendere dall’incompatibilità tra la forma del nostro cuore e le nostre abitudini.

Sportivi che corrono

Uno studio coordinato dai ricercatori dell’Unità di Disfunzioni Neuromuscolari dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri IRCCS con il supporto di AIRC e Fondazione Cariplo, recentemente pubblicato sulla rivista scienti

Depressione

Negli ultimi anni si è cercato di scoprire se il livello di attività fisica fornisca effettivamente informazioni utili alla diagnosi del disturbo bipolare, per giungere a una diagnosi precoce.

Game face

Comunemente chiamata game face, la faccia da competizione è l’espressione concentrata e seria che spesso esibiscono gli atleti prima di un importante match sportivo.

Pasticche

Le indagin, coordinate dai Nas di Firenze, avevano avuto inizio dopo il sequestro, avvenuto a Figline Valdarno, in provincia di Firenze, di sostanze dopanti e stupefacenti proveniente dalla Polonia e spacciate su tutto il territorio nazionale.