Camminare di più per dormire meglio

Autore: 
A cura della Redazione
Giovedì, Novembre 14, 2019
Uno studio dimostra che basta qualche minuto di camminata in più al giorno per migliore la qualità del sonno.

Per dormire meglio basta incrementare l’attività fisica giornaliera. A dimostrarlo sono i risultati di uno studio condotto negli Stati Uniti, da un team di ricercatori della Brandeis University, con sede a Waltham, nel Massachusetts,
successivamente pubblicato sulla rivista Sleep Health: secondo la ricerca, infatti, è sufficiente camminare per qualche minuto in più ogni giorno per migliorare la qualità del sonno.

Per comprendere una eventuale correlazione tra i due fattori - attività fisica e riposo - i ricercatori hanno studiato un campione di 59 persone, in prevalenza donne, con problemi di gestione del sonno. Alla metà dei partecipanti allo studio, quindi, i ricercatori hanno chiesto di aumentare la propria attività fisica giornaliera per un periodo di quattro settimane. Dai risultati della ricerca è emerso che i soggetti più attivi hanno visto un miglioramento del sonno direttamente proporzionale al tempo dedicato all’attività fisica.

Inoltre, i dati emersi dallo studio hanno dimostrato che, ad essere influenzata dal movimento, è esclusivamente la qualità del sonno. Per quanto riguarda, invece, la durata del riposo notturno, dall'indagine è emerso che gli effetti sono più visibili sulle donne che sugli uomini.

Leggi lo studio

 

 

Share

LEGGI ANCHE

Più  corsi ibridi e soluzioni multiservizio, è il fitness del futuro

Nonostante la pandemia abbia cambiato radicalmente le nostre abitudini quotidiane, privandoci di spazi come palestre, piscine e cinema per rinchiuderci in casa, 9 persone su 10 non intendono rinunciare all’attività fisica.

Ragazza sorridente in palestra

Pensare positivo per sentirsi meglio e rimanere ‘puri’. È’ il credo di un nuovo stile di vita nato, come spesso accade, negli Stati Uniti e dilagato in poco tempo in mezzo mondo, Italia compresa. Come funziona?

Studio Coldiretti

Che durante il lockdown di marzo il cibo avesse sostituito in larga parte quella socialità che, in una lontana epoca pre-Covid, ci teneva impegnati nelle ore extra-lavorative ce n’eravamo accorti: tutto d’un tratto, spaghetti e ciambelloni avevan

Londra

Le palestre avrebbero dovuto restare aperte nel Regno Unito.

Berlino

Un’azione legale collettiva contro il lockdown di un mese e la conseguente chiusura di palestre, piscine e attività ludiche.

Ragazza in palestra

La decisione presa con l’ultimo DPCM riguardo a palestre e piscine, e di fatto rinviata alla prossima settimana, ha creato una frattura all’interno del Comitato Tecnico Scientifico, segno – commenta Fiorenza Sarzanini nell’