CTS diviso sulla sorte di palestre e piscine

Ragazza in palestra
Autore: 
reda
Martedì, Ottobre 20, 2020
La decisione presa con l’ultimo DPCM in merito a palestre e piscine, e di fatto rinviata alla prossima settimana, ha creato una frattura all’interno del Comitato Tecnico Scientifico.

La decisione presa con l’ultimo DPCM riguardo a palestre e piscine, e di fatto rinviata alla prossima settimana, ha creato una frattura all’interno del Comitato Tecnico Scientifico, segno – commenta Fiorenza Sarzanini nell’articolo pubblicato oggi nel Corriere della Sera – “di un problema più serio: la divisione tra chi vuole massimo rigore e chi ritiene che non sia ancora il momento di fermare le attività.”

Contrari alla chiusura, oltre al ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, il collega degli Affari regionali, Francesco Boccia, e dell’Agricoltura, Teresa Bellanova; decisamente favorevoli alla serrata di palestre e piscine il Ministro della Salute, Roberto Speranza, e dei Beni culturali, Dario Franceschini.

Il retroscena della Sarzanini fa luce su una seduta animata da posizioni conflittuali che neppure il fronte degli esperti della salute, anch’esso diviso, ha saputo sanare. Questo si traduce in un documento, quello consegnato al Governo, che sancisce l’impossibilità di trovare una posizione univoca. Pur ribadendo «l’importanza dell’attività fisica come determinante di salute», il parere finale mette in evidenza i rischi di spogliatoi e docce  e «dell’attività fisica aerobica svolta in ambiente chiuso senza l’utilizzo della mascherina».

Il seguito è noto a tutti gli operatori del settore.

 

 

Share

LEGGI ANCHE

Positive Thinking

Pensare positivo per sentirsi meglio e rimanere ‘puri’. E’ il credo di un nuovo stile di vita nato – come spesso accade – negli Stati Uniti e dilagato in poco tempo in mezzo mondo, Italia compresa. Come funziona?

Studio Coldiretti

Che durante il lockdown di marzo il cibo avesse sostituito in larga parte quella socialità che, in una lontana epoca pre-Covid, ci teneva impegnati nelle ore extra-lavorative ce n’eravamo accorti: tutto d’un tratto, spaghetti e ciambelloni avevan

Londra

Le palestre avrebbero dovuto restare aperte nel Regno Unito.

Berlino

Un’azione legale collettiva contro il lockdown di un mese e la conseguente chiusura di palestre, piscine e attività ludiche.

Immagine Coronavirus

Durante il periodo di lockdown l’Associazione Polo della Salute ha messo il proprio know how a disposizione del Paese, realizzando il primo studio in Italia che analizza l’impatto della quarantena sulla salute e sulle abitudini degli italiani, in

Scegliere diete sostenibili per migliorare la qualità della vita e, al contempo, proteggere il Pianeta. Lo afferma la Fondazione Barilla, in occasione della Giornata Mondiale dell'Alimentazione, che si svolgerà il 16 ottobre.