Fase 3, rimettersi in forma con il nuoto

Autore: 
A cura della Redazione
Martedì, Giugno 16, 2020
Rimettersi in forma dopo il lockdown? Il nuoto è la soluzione ideale. Amato da grandi e piccini, ideale per giovani e meno giovani grazie al fatto che l’acqua consente di muoversi al sicuro da cadute e infortuni, il nuoto comporta tanti benefici.

Che nuotare faccia bene lo sanno anche i bambini, ma al termine di una quarantena durata ben più di 40 giorni sembra proprio il momento giusto di tornare in piscina e concedersi qualche bracciata. Al di là del fatto che il cloro rende l’acqua Covid-free, l’isolamento ci ha resi generalmente più stressati, bisognosi di sciogliere i muscoli e magari rimetterci in forma. Amato da grandi e piccini, ideale per giovani e meno giovani grazie al fatto che l’acqua consente di muoversi al sicuro da cadute e infortuni, il nuoto comporta tanti benefici: coinvolge le capacità condizionali come resistenza, forza e flessibilità; migliora la capacità dell’apparato cardiocircolatorio, la funzionalità respiratoria e la pressione sanguigna.

È un’attività total body, interviene sulla resistenza e sulla flessibilità, ed è grande alleato delle articolazioni, bastano 2 o 3 sedute di 30 minuti alla settimana per i primi risultati. Se l’Organizzazione mondiale della sanità raccomanda alle persone di sana costituzione di fare 150 minuti di attività moderata a settimana, un’idea salutare e piacevole, anche per scaricare lo stress a fine giornata, è trascorrere in vasca quel tempo, così trarre giovamento sia nel corpo, sia nella mente. Nuotando, galleggiando e lasciandosi trasportare dall’acqua come fossimo senza peso, infatti, inconsciamente ci riporta a quei 9 mesi vissuti all’interno del ventre materno.

Share

LEGGI ANCHE

Positive Thinking

Pensare positivo per sentirsi meglio e rimanere ‘puri’. E’ il credo di un nuovo stile di vita nato – come spesso accade – negli Stati Uniti e dilagato in poco tempo in mezzo mondo, Italia compresa. Come funziona?

Studio Coldiretti

Che durante il lockdown di marzo il cibo avesse sostituito in larga parte quella socialità che, in una lontana epoca pre-Covid, ci teneva impegnati nelle ore extra-lavorative ce n’eravamo accorti: tutto d’un tratto, spaghetti e ciambelloni avevan

Londra

Le palestre avrebbero dovuto restare aperte nel Regno Unito.

Berlino

Un’azione legale collettiva contro il lockdown di un mese e la conseguente chiusura di palestre, piscine e attività ludiche.

Ragazza in palestra

La decisione presa con l’ultimo DPCM riguardo a palestre e piscine, e di fatto rinviata alla prossima settimana, ha creato una frattura all’interno del Comitato Tecnico Scientifico, segno – commenta Fiorenza Sarzanini nell’

Immagine Coronavirus

Durante il periodo di lockdown l’Associazione Polo della Salute ha messo il proprio know how a disposizione del Paese, realizzando il primo studio in Italia che analizza l’impatto della quarantena sulla salute e sulle abitudini degli italiani, in