Federterme: guerra alle “finte” terme

Ingresso stabilimento termale
Autore: 
Redazione
Lunedì, Dicembre 2, 2019
L’organizzazione che rappresentata le terme italiane si rivolge nuovamente alle Autorità invitandole a vigilare sull’uso improprio del termine “terme”, tutelato dalla Legge 323/2000.

A seguito dell’ennesima campagna pubblicitaria, attuata da un operatore commerciale, che utilizza in modo equivoco la parolaterme”, affiancandola a servizi di natura del tutto estranei alle cure e alle prestazioni termali definite dalla Legge 323/2000, Federterme, l’organizzazione aderente a Confindustria che rappresentata le terme italiane, si rivolge nuovamente alle Autorità invitandole a vigilare sull’uso improprio del termine “terme”, tutelato dalla sopracitata legge di settore, raccomandando a tutti gli utenti di verificare attentamente che le prestazioni e i servizi termali vengano erogati da soggetti qualificati in possesso dei requisiti di legge.

Federterme ha inoltre espresso la sua preoccupazione nei confronti del diffuso utilizzo di messaggi pubblicitari che promuovono l’attività di strutture che in realtà erogano prestazioni di estetica, parchi acquatici non termali e centri benessere generalisti, facendo un uso improprio della parola “terme”, indebitamente accostata ad altri termini o alla ragione sociale. In questo modo, molte imprese tentano di eludere le norme che regolano l’esercizio e i requisiti di qualità del servizio termale nazionale, creando confusione negli utenti. Per tutelare gli utenti del sistema termale italiano, noto in tutto il mondo per la sua tradizione, la qualità delle acque e la garanzia del servizio, Federterme ricorda loro che la parola “terme” può essere utilizzata esclusivamente da quei centri in possesso delle autorizzazioni, ministeriali e regionali, di cui alla Legge 323 del 2000, verificabili presso ogni centro termale autorizzato.

Share

LEGGI ANCHE

Acquafitness

Allenarsi in piscina è di estrema utilità, perché oltre a dare forma e tonicità al corpo permette di drenare e depurare l’organismo, agendo in maniera efficace anche sul sistema cardiocircolatorio.

Scimpanzè

La sedentarietà è forse la peggiore e la più diffusa tra le cattive abitudini della società odierna ed è una delle principali cause di disturbi e patologie all’apparato cardiocircolatorio. Ciò potrebbe dipendere dall’incompatibilità tra la forma del nostro cuore e le nostre abitudini.

Sportivi che corrono

Uno studio coordinato dai ricercatori dell’Unità di Disfunzioni Neuromuscolari dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri IRCCS con il supporto di AIRC e Fondazione Cariplo, recentemente pubblicato sulla rivista scienti

Depressione

Negli ultimi anni si è cercato di scoprire se il livello di attività fisica fornisca effettivamente informazioni utili alla diagnosi del disturbo bipolare, per giungere a una diagnosi precoce.

Game face

Comunemente chiamata game face, la faccia da competizione è l’espressione concentrata e seria che spesso esibiscono gli atleti prima di un importante match sportivo.

Pasticche

Le indagin, coordinate dai Nas di Firenze, avevano avuto inizio dopo il sequestro, avvenuto a Figline Valdarno, in provincia di Firenze, di sostanze dopanti e stupefacenti proveniente dalla Polonia e spacciate su tutto il territorio nazionale.