Federterme: guerra alle “finte” terme

Ingresso stabilimento termale
Autore: 
Redazione
Lunedì, Dicembre 2, 2019
L’organizzazione che rappresentata le terme italiane si rivolge nuovamente alle Autorità invitandole a vigilare sull’uso improprio del termine “terme”, tutelato dalla Legge 323/2000.

A seguito dell’ennesima campagna pubblicitaria, attuata da un operatore commerciale, che utilizza in modo equivoco la parolaterme”, affiancandola a servizi di natura del tutto estranei alle cure e alle prestazioni termali definite dalla Legge 323/2000, Federterme, l’organizzazione aderente a Confindustria che rappresentata le terme italiane, si rivolge nuovamente alle Autorità invitandole a vigilare sull’uso improprio del termine “terme”, tutelato dalla sopracitata legge di settore, raccomandando a tutti gli utenti di verificare attentamente che le prestazioni e i servizi termali vengano erogati da soggetti qualificati in possesso dei requisiti di legge.

Federterme ha inoltre espresso la sua preoccupazione nei confronti del diffuso utilizzo di messaggi pubblicitari che promuovono l’attività di strutture che in realtà erogano prestazioni di estetica, parchi acquatici non termali e centri benessere generalisti, facendo un uso improprio della parola “terme”, indebitamente accostata ad altri termini o alla ragione sociale. In questo modo, molte imprese tentano di eludere le norme che regolano l’esercizio e i requisiti di qualità del servizio termale nazionale, creando confusione negli utenti. Per tutelare gli utenti del sistema termale italiano, noto in tutto il mondo per la sua tradizione, la qualità delle acque e la garanzia del servizio, Federterme ricorda loro che la parola “terme” può essere utilizzata esclusivamente da quei centri in possesso delle autorizzazioni, ministeriali e regionali, di cui alla Legge 323 del 2000, verificabili presso ogni centro termale autorizzato.

Share

LEGGI ANCHE

Stralcio Locandina Studio

Il lungo periodo di inattività forzata durante il lockdown imposto dall’emergenza COVID-19 ha esposto le persone a ulteriori rischi per la salute, in particolar modo i soggetti che hanno maggiori possibilità di contrarre patologie cr

Vista aerea di una lezione outdoor Body Studio

I club Body Studio di

Nuotatrice in piscina

Il protocollo di sicurezza elaborato dalla Federazione Italiana Nuoto, intitolato "Emergenza Covid-19.

Mascherina e disinfettante

Si chiama Impresa SIcura l’intervento previsto dal decreto “Cura Italia” (DL 18/2020, articolo 43, comma 1) per sostenere la continuità, in sicurezza, dei processi produttivi delle imprese, di qualunque dimensione e operanti su tutto il territorio nazionale.

Allenamento

Il ministero dello Sport ha pubblicato oggi, lunedì 4 maggio, le linee guida che regolano il graduale ritorno allo svolgimento degli allenamenti individuali degli atleti.

Centro fitness

Sono passati quasi due mesi dalla chiusura di fitness club