Fitness e wellness crescono in Lombardia

fitness a corpo libero
Autore: 
Redazione
Lunedì, Settembre 5, 2016
Dalla Camera di commercio di Milano si viene a sapere che il settore del fitness e del benessere è cresciuto, in termini di nuove imprese, del 2% (197 aperture) nel primo trimestre del 2016 rispetto alo steso periodo del 2015

Da una recente elaborazione – effettuata dalla Camera di commercio di Milano – dei dati del registro imprese riguardanti il primo trimestre del 2016 e del 2015 emerge che il settore del fitness e del benessere è cresciuto, in termini di nuove imprese, del 2%, con 197 aperture.  

In Lombardia sono circa 11.000 le attività legate all’estetica e al benessere (quasi a un quarto del totale a livello nazionale) che riguardano esercizio fisico, consulenza nutrizionale, cosmetica, manicure e massaggi.

Gli istituti di bellezza guidano la graduatoria numerica con 5.826 unità, seguiti da profumerie ed erboristerie (1.693) e negozi di biciclette e articoli sportivi (1.163).

Manicure e pedicure hanno fatto registrare una crescita pari all’11,3%, passando dalle 293 unità del marzo 2015 alle 326 del marzo 2016.

Gli esercizi che vendono prodotti macrobiotici e dietetici hanno fatto registrare un +7,5%, raggiungendo le 187 unità, mentre i centri fitness sono cresciuti del 3,6% raggiungendo le 802 unità nel primo trimestre 2016.

895 imprese (più di una su otto) sono guidate da un imprenditore straniero. A guidare questa singolare graduatoria sono i cinesi (456), seguita dai romeni (39) e svizzeri (28).

Share

LEGGI ANCHE

Più  corsi ibridi e soluzioni multiservizio, è il fitness del futuro

Nonostante la pandemia abbia cambiato radicalmente le nostre abitudini quotidiane, privandoci di spazi come palestre, piscine e cinema per rinchiuderci in casa, 9 persone su 10 non intendono rinunciare all’attività fisica.

Ragazza sorridente in palestra

Pensare positivo per sentirsi meglio e rimanere ‘puri’. È’ il credo di un nuovo stile di vita nato, come spesso accade, negli Stati Uniti e dilagato in poco tempo in mezzo mondo, Italia compresa. Come funziona?

Studio Coldiretti

Che durante il lockdown di marzo il cibo avesse sostituito in larga parte quella socialità che, in una lontana epoca pre-Covid, ci teneva impegnati nelle ore extra-lavorative ce n’eravamo accorti: tutto d’un tratto, spaghetti e ciambelloni avevan

Londra

Le palestre avrebbero dovuto restare aperte nel Regno Unito.

Berlino

Un’azione legale collettiva contro il lockdown di un mese e la conseguente chiusura di palestre, piscine e attività ludiche.

Ragazza in palestra

La decisione presa con l’ultimo DPCM riguardo a palestre e piscine, e di fatto rinviata alla prossima settimana, ha creato una frattura all’interno del Comitato Tecnico Scientifico, segno – commenta Fiorenza Sarzanini nell’