HILIT, la versione gentile dell’HIIT

Piegamenti sulle braccia
Autore: 
Redazione
Venerdì, Febbraio 28, 2020
L’High Intensity Low Impact Training è la nuova interpretazione dell’High Intensity Interval Training ideata per coniugare l’efficacia a un minore sovraccarico per le articolazioni. Guarda il video.

Il workout noto come HIIT, ovvero l’interval training ad alta intensità, riscuote da anni una grande popolarità in virtù della sua efficacia. Chi teme gli effetti collaterali di un’attività tosta anche per le articolazioni può ora optare per la sua versione più gentile, ovvero HILIT, l'allenamento ad alta intensità e a basso impatto che potrebbe diventare in breve tempo un trend capace di lasciare il segno nel mondo del fitness.

Questa nuova tipologia d’allenamento, che assicura un eccellente consumo calorico, l’incremento del metabolismo basale e un miglioramento dell’efficienza cardiaca, si basa sui principi dell’HIIT, dal quale si distingue per il minore stress a carico delle articolazioni, risultando particolarmente adatto anche per i podisti, gli appassionati di CrossFit e, più in generale, per tutti coloro che, dopo anni di attività ad alto impatto per le articolazioni, desiderano svolgere un’attività più soft che risulti però molto efficace.

Ogni seduta d’allenamento dura mediamente 20-30 minuti e prevede esercizi (per la forza e cario) della durata di 20-30 secondi, svolti ad alta intensità e intervallati tra loro da pause di 10-15 secondi. In un lasso di tempo più breve rispetto alla maggior parte dei protocolli d’allenamento, HILIT consente di raggiungere il proprio limite muscolare e il target cardiaco stabilito, risultando una soluzione eccellente dal punto di vista del rapporto tempo/efficacia.

 

Guarda il video che presenta HILIT

 

 

 

Share

LEGGI ANCHE

Positive Thinking

Pensare positivo per sentirsi meglio e rimanere ‘puri’. E’ il credo di un nuovo stile di vita nato – come spesso accade – negli Stati Uniti e dilagato in poco tempo in mezzo mondo, Italia compresa. Come funziona?

Studio Coldiretti

Che durante il lockdown di marzo il cibo avesse sostituito in larga parte quella socialità che, in una lontana epoca pre-Covid, ci teneva impegnati nelle ore extra-lavorative ce n’eravamo accorti: tutto d’un tratto, spaghetti e ciambelloni avevan

Londra

Le palestre avrebbero dovuto restare aperte nel Regno Unito.

Berlino

Un’azione legale collettiva contro il lockdown di un mese e la conseguente chiusura di palestre, piscine e attività ludiche.

Ragazza in palestra

La decisione presa con l’ultimo DPCM riguardo a palestre e piscine, e di fatto rinviata alla prossima settimana, ha creato una frattura all’interno del Comitato Tecnico Scientifico, segno – commenta Fiorenza Sarzanini nell’

Immagine Coronavirus

Durante il periodo di lockdown l’Associazione Polo della Salute ha messo il proprio know how a disposizione del Paese, realizzando il primo studio in Italia che analizza l’impatto della quarantena sulla salute e sulle abitudini degli italiani, in