Il club del dimagrimento

Il club del dimagrimento big
Il marchio Downsize Fitness ha fatto il suo debutto lo scorso autunno a Chicago e Las Vegas per offrire un ambiente riservato e amichevole a chi è sovrappeso

Un club realizzato ad hoc per le persone in sovrappeso che non si sentono a proprio agio nei centri fitness tradizionali e desiderano allenarsi al riparo da occhi in discreti e dal giudizio altrui.

Il marchio Downsize Fitness ha fatto il suo debutto lo scorso autunno a Chicago e Las Vegas per offrire un ambiente riservato e amichevole, ideale per chi ha bisogno di un’attenzione personalizzata per quanto concerne esercizio fisico e alimentazione.

A rendere davvero unica questa realtà, le cui finestre sono smerigliate e la porta d’ingresso è chiusa ai non iscritti, è il fatto che possa essere frequentata esclusivamante da persone che devono perdere almeno 50 libbre di peso (circa 23 chili), alle quali viene data la possibilità di partecipare alla Weight Loss Challenge 2012, concorso che premia con 25.000 dollari il socio che perde la maggiore percentuale di peso corporeo nel periodo compreso tra gennaio e luglio 2012.

Agli abbonati viene inoltre offerta una consulenza gratuita che consiste in un colloquio con un personal trainer specializzato in problemi legati al sovrappeso e un’analisi funzionale che prevede una serie di test tra i quali figurano la misurazione della composizione corporea, delle circonferenze, dell’indice di massa corporea e valutazioni biomeccaniche.

Il programma dall’allenamento comprende esercizi per lo sviluppo della forza muscolare, attività cardio-respiratoria ed esercizi finalizzati al miglioramento della flessibilità e dell’equilibrio. Ogni iscritto è sempre assistito da un personal trainer – in sedute sia individuali sia in gruppi composti da un massimo di cinque persone – che fornisce anche un prezioso sostegno motivazionale.

La consulenza nutrizionale, invece, non si traduce in una dieta, bensì nell’insegnamento del concetto di “alimentazione equilibrata”, consapevole dei valori nutrizionali del cibo.

Share

LEGGI ANCHE

Più  corsi ibridi e soluzioni multiservizio, è il fitness del futuro

Nonostante la pandemia abbia cambiato radicalmente le nostre abitudini quotidiane, privandoci di spazi come palestre, piscine e cinema per rinchiuderci in casa, 9 persone su 10 non intendono rinunciare all’attività fisica.

Ragazza sorridente in palestra

Pensare positivo per sentirsi meglio e rimanere ‘puri’. È’ il credo di un nuovo stile di vita nato, come spesso accade, negli Stati Uniti e dilagato in poco tempo in mezzo mondo, Italia compresa. Come funziona?

Studio Coldiretti

Che durante il lockdown di marzo il cibo avesse sostituito in larga parte quella socialità che, in una lontana epoca pre-Covid, ci teneva impegnati nelle ore extra-lavorative ce n’eravamo accorti: tutto d’un tratto, spaghetti e ciambelloni avevan

Londra

Le palestre avrebbero dovuto restare aperte nel Regno Unito.

Berlino

Un’azione legale collettiva contro il lockdown di un mese e la conseguente chiusura di palestre, piscine e attività ludiche.

Ragazza in palestra

La decisione presa con l’ultimo DPCM riguardo a palestre e piscine, e di fatto rinviata alla prossima settimana, ha creato una frattura all’interno del Comitato Tecnico Scientifico, segno – commenta Fiorenza Sarzanini nell’