Il Coni rischia la sospensione

Sede CONI
Martedì, Gennaio 19, 2021
Il Comitato Olimpico Internazionale potrebbe decidere di sospendere il Comitato Olimpico Nazionale Italiano dallo sport mondiale poiché ha violato l’articolo 27 della Carta Olimpica. La decisione spetta al e l’ultimatum è stato fissato al 27 gennaio 2021.

Il 27 gennaio il Comitato Olimpico Nazionale Italiano potrebbe subire una sospensione temporanea dal Comitato olimpico internazionale se, entro tale data, il governo non avrà risolto l’annosa questione della riforma del settore sportivo, sospesa da tempo.

Il primo effetto di un simile provvedimento lo si riscontrerebbe sulla partecipazione dell’Italia alle Olimpiadi di Tokyo 2020, in programma il prossimo luglio: i nostri atleti non gareggerebbero sotto l’egida della bandiera italiana, non verrebbero celebrati con l’inno di Mameli in caso di vittoria, indosserebbero divise neutre, prive della scritta “Italia” e le medaglie vinte rientrerebbero nel serbatoio IOA, ovvero quello degli “Independent Olympic Athletes”. Inoltre, potrebbero partecipare alle gare solo gli atleti italiani qualificatisi a titolo individuale, escludendo squadre, dirigenti e giornalisti, ,che non potrebbero presenziare all’evento.

Il motivo di tutto ciò va ricercato nella mancanza di autonomia del Coni, svuotato delle proprie competenze dalla legge attuale che, dunque, viola la Carta Olimpica, in particolar modo l’articolo 27, il cui capitolo 6 recita che “i Comitati olimpici nazionali devono preservare la propria autonomia e resistere a pressioni di qualsiasi tipo, incluse quelle politiche, giuridiche, religiose o economiche”.

 

 

Share

LEGGI ANCHE

Pista Feldspar

L’azienda britannica

Percorso fitness Villa Sandi

Una palestra attrezzata tra i vigneti<

Pillole

Antonio Gerace

Fitness outdoor

Nel biennio 2022-23, gli adulti “fisicamente attivi” in Italia tra i 18 e i 69 anni sono risultati essere il 48% (poco meno di uno su due), i “parzialmente attivi” il 24%, e i “sedentari” il 28%.

Sagoma ragazza che fa yoga

Un recente sondaggio condotto dai Centers for Disease Control and Prevention svela che negli

Group fitness in un club PureGym

PureGym