Il futuro sanitario dei fitness tracker

SmartWatch
Autore: 
Redazione
Venerdì, Marzo 17, 2017
Secondo il Global Wellness Institute di Miami, il futuro dei fitness tracker e delle relative app è nell’assistenza sanitaria e non nel fitness, settore nel quale starebbero incontrando grandi difficoltà.

Un segmento del mercato del wellness è in difficoltà: quello composto dai dispositivi tecnologici indossabili, ovvero i fitness tracker e le relative app. A dirlo è il Global Wellness Institute (GWE), organizzazione no profit con sede a Miami, la cui mission è promuovere, tramite la formazione sulla prevenzione rivolta ai settori sia pubblici sia privati, il raggiungimento del benessere psico-fisico in tutto il mondo.

Secondo l’organizzazione statunitense, questo comparto sta perdendo il suo smalto e per sopravvivere deve combattere anche a livello pubblicitario. Alcuni anni fa veniva addirittura considerato il prossimo grande mercato tecnologico (dopo gli smartphone, ovviamente), ma oggi i pionieri e i leader del mercato, come Fitbit e Jawbone, sono in difficoltà e Motorola ha addirittura abbandonato questo settore.

Nel frattempo, sottolinea il Global Wellness Institute, diversi studi scientifici avrebbero mostrato che questi dispositivi hi-tech non inducono le persone ad allenarsi di più. Per perdere peso sarebbe addirittura meglio non utilizzarli in quanto si sarebbero rivelati controproducenti.

Il futuro dei dispositivi tecnologi indossabili – ritengono gli esperti del GWE – è nell’assistenza sanitaria. Startup come snap40 propongono algoritmi in grado di convertire i dati raccolti in informazioni utili per i medici, consentendo loro di concentrarsi sulla cura, evitando di annegare nel mare dei dati. L’utilizzo di questi dispositivi contribuirà a ridurre i costi ospedalieri, a migliorare l’efficienza dell’assistenza sanitaria e ad abbassare lo stress a carico dei medici.

 

Share

LEGGI ANCHE

Fitness outdoor

Nel biennio 2022-23, gli adulti “fisicamente attivi” in Italia tra i 18 e i 69 anni sono risultati essere il 48% (poco meno di uno su due), i “parzialmente attivi” il 24%, e i “sedentari” il 28%.

Sagoma ragazza che fa yoga

Un recente sondaggio condotto dai Centers for Disease Control and Prevention svela che negli

Group fitness in un club PureGym

PureGym

Logo Sport Civico

Sport Civico”, progetto nazionale Uisp sostenuto dal Dipartimento per lo Sport<

Yoga in spiaggia

Proclamata dall’ONU con una risoluzione del dicembre 2014, la giornata mondiale dello yoga si celebra come sempre il 21 giugno per promuo

Guido Martinelli

La Fondazione Sport City ha presentato la prima edizione