Infezioni in piscina: l’importanza dell’igiene

Piscina
Autore: 
A cura della Redazione
Lunedì, Maggio 9, 2022
Uno studio condotto alcuni anni fa in 6 piscine ricreative del Regno Unito evidenzia l’importanza delle campagne di sensibilizzazione sull’igiene dei bagnanti.

Il Cryptosporidium è una delle principali cause di epidemie di diarrea lega­te all’utilizzo delle piscine, ma si sa po­co sulla frequenza della con­taminazione. Per conoscere meglio questo fenomeno, un gruppo di ricercatori britannici ha condotto lo studio intitolato “Presenza di oocisti di Cryptosporidium nelle piscine per il tempo li­bero nel Regno Unito e modellazione degli even­ti di contaminazione delle oo­cisti”, finanziato dal Po­ol Water Treatment Adviso­ry Group. L’obiettivo principa­le dell’indagine è stato analizzare e misurare la presenza e la concentra­zione, attraverso campiona­menti e misurazioni, di oo­cisti di Cryptosporidium nel­le piscine a uso ricreativo e, al tempo stesso, confrontare i rilevamenti con i parametri operativi per fornire orientamenti basati su dati probanti e migliorare la capacità di campionamen­to e interpretazione per le in­dagini sulla salute pubbli­ca. Sono stati campiona­ti fino a 1.000 litri di acqua di piscina durante varie ses­sioni di nuoto, una volta alla settimana, per 10 settimane, dall’8 agosto 2017. Il tutto, in sei piscine che si sono offer­te volontarie come campione di analisi. Le oocisti, eviden­zia l’indagine, sono state ri­levate al microscopio in 12 campioni d’acqua di pisci­na su 59 (20%) e almeno una volta in ciascun impianto. 8 rilevamenti su 12 (66%) sono avve­nuti ad agosto, quando il numero di bagnanti era più ele­vato e in 3 piscine su 6 è stato campionato settima­nalmente un controlavaggio del filtro, da 1 litro, e sono state rilevate oocisti in 2 campioni su 29 (7%), a seguito del­le misurazioni effettuate sui campioni d’acqua.

Dallo studio è dunque emerso che le probabilità che un bagnante contaminasse la piscina variava da 1 su 1.000 a oltre 1 su 10.000. L’analisi, svolta con il metodo Monte Carlo (un’am­pia classe di metodi compu­tazionali basati sul campio­namento casuale per otte­nere risultati numerici), ha inoltre mostrato che quando un numero elevato di bagnan­ti causava una contaminazio­ne per oltre il 70% dei giorni, più eventi al giorno erano più probabili dei singoli eventi. Queste piscine per il tem­po libero, generalmente ben gestite, hanno dimostrato che il rischio di Crypto­sporidium è correlato all’elevato numero di bagnanti. I ricercatori hanno quindi concluso che le campagne di sensibilizzazio­ne dell’opinione pubblica sull’igiene dei bagnanti, e sul ri­spetto delle linee guida relative agli incidenti fecali per gli opera­tori, dovrebbero essere attuate in anticipo rispetto all’alta stagione.

 

 

 

Share

LEGGI ANCHE

La sessione di Sophie Lawler al 23° ForumClub

La sezione videocorsi di Edit

Può sembrare scontato, ma ora c’è anche la prova scientifica: trasco

L’esercizio fisico, lo sport, e più i generale l’attività motoria, sono una medicina naturale dagli straordinari effetti benèfici. Le prove scientifiche al riguardo sono sempre più numerose.

Attività fisica adattata

Il bonus attività fisica adattata

Nuotatore in piscina

A

Esterno club Planet Fitness di North Attleboro