Istanbul capitale europea dello sport

Istanbul capitale europea dello sport big
Premiata a Bruxelles la capitale turca per le sue politiche di promozione dello sport

Pochi giorni fa, a Bruxelles, nella sala del Parlamento Europeo dedicata ad Alcide De Gasperi, si è svolta la consueta cerimonia annuale con la quale l’Associazione delle Capitali e delle Città Europee per lo Sport assegna ufficialmente il titolo di “Capitale Europea dello Sport dell’Anno”. Erano presenti più di 400 persone, tra cui i parlamentari europei e i commissari dell’Unione Europea, nonché ministri, sindaci e assessori provenienti da tutto il Vecchio Continente.

Il titolo di Capitale Europea dello Sport 2012 è andato a Istanbul e Cristobal Grau, assessore allo sport di Valencia, Capitale Europea dello Sport 2011, ha completato la cerimonia passando il testimone al sindaco della capitale turca Kadir Topbas. Questo importante riconoscimento implica un impegno esemplare nella promozione dello sport e dei suoi benefici in termini di benessere psicofisico, aggregazione e integrazione sociale e, di conseguenza, qualità della vita. Istanbul capitale dello sport 2012

Concretamente assegna all’amministrazione della città vincitrice un incentivo economico che consenta di attuare politiche per lo sviluppo dello sport, realizzare infrastrutture e implementare progetti che favoriscano l’integrazione in ambiti sociali problematici o deboli (disabili, anziani, adolescenti in situazioni a rischio e immigrati).

Share

LEGGI ANCHE

Più  corsi ibridi e soluzioni multiservizio, è il fitness del futuro

Nonostante la pandemia abbia cambiato radicalmente le nostre abitudini quotidiane, privandoci di spazi come palestre, piscine e cinema per rinchiuderci in casa, 9 persone su 10 non intendono rinunciare all’attività fisica.

Ragazza sorridente in palestra

Pensare positivo per sentirsi meglio e rimanere ‘puri’. È’ il credo di un nuovo stile di vita nato, come spesso accade, negli Stati Uniti e dilagato in poco tempo in mezzo mondo, Italia compresa. Come funziona?

Studio Coldiretti

Che durante il lockdown di marzo il cibo avesse sostituito in larga parte quella socialità che, in una lontana epoca pre-Covid, ci teneva impegnati nelle ore extra-lavorative ce n’eravamo accorti: tutto d’un tratto, spaghetti e ciambelloni avevan

Londra

Le palestre avrebbero dovuto restare aperte nel Regno Unito.

Berlino

Un’azione legale collettiva contro il lockdown di un mese e la conseguente chiusura di palestre, piscine e attività ludiche.

Ragazza in palestra

La decisione presa con l’ultimo DPCM riguardo a palestre e piscine, e di fatto rinviata alla prossima settimana, ha creato una frattura all’interno del Comitato Tecnico Scientifico, segno – commenta Fiorenza Sarzanini nell’