La criptovaluta nel mercato del fitness

Bitcoin
Autore: 
A cura della Redazione
Lunedì, Agosto 30, 2021
Il marchio britannico TRIB3, attivo con 11 boutique del fitness ubicate nel Regno Unito, in Spagna, Russia, Finlandia e Cina, ha incassato una fee d’ingresso al suo franchising in Bitcoin. A quanto si sa, è la prima volta che accade nel nostro settore.

TRIB3, marchio britannico che attualmente  identifica 11 boutique del fitness (6 nel Regno Unito, 3 a Madrid e 1 rispettivamente a Mosca, Helsinki e Guangzhou, in Cina) è recentemente salito agli onori della cronaca per un fatto curioso: ha incassato la fee d’ingresso da un franchisee che aprirà il quarto studio di Madrid in Bitcoin. A quanto si sa, è la prima volta che nel settore del fitness una transazione avviene in criptovaluta.

 

Studio TRIB3

 

Il direttore finanziario di TRIB3, Thomas Moran, ha così commentato l’inedita operazione: «Il nostro brand è noto per il suo impegno nel rendere i propri servizi quanto più accessibili e quando si à verificata la possibilità di acquisire un nuovo franchisee incassando la fee in Bitcoin, abbiamo collaborato con i nuovi partner affinché questa opportunità si realizzasse. Molti altri brand di primaria importanza – ha aggiunto Moran – sono pronti ad accettare i pagamenti anche in criptovaluta e sicuramente anche noi gestiremo in futuro altre operazioni di questo tipo».

 

Share

LEGGI ANCHE

La sessione di Sophie Lawler al 23° ForumClub

La sezione videocorsi di Edit

Può sembrare scontato, ma ora c’è anche la prova scientifica: trasco

L’esercizio fisico, lo sport, e più i generale l’attività motoria, sono una medicina naturale dagli straordinari effetti benèfici. Le prove scientifiche al riguardo sono sempre più numerose.

Attività fisica adattata

Il bonus attività fisica adattata

Nuotatore in piscina

A

Esterno club Planet Fitness di North Attleboro