La digitalizzazione del fitness e dello sport

Fitness app
Autore: 
Redazione
Martedì, Settembre 8, 2020
Un recente studio condotto dall’Osservatorio di Sportclubby fa luce sull’impatto che gli strumenti digitali hanno su fitness club e centri sportivi.

Fitness club e centri sportivi stanno affrontando la cosiddetta Fase 3 dell'emergenza Coronavirus, profondamente influenzata dalla digitalizzazione. Il numero di operatori che si affidano a sistemi e app per gestire le proprie attività in sicurezza raddoppia, 8 giovani su 10, di età inferiore ai 20 anni, affermano che l’uso di piattaforme per accedere a strutture e corsi ha migliorato notevolmente la loro fruizione di sport e fitness e più della metà di loro (53%) fa sapere di trovarsi meglio nel proprio club di riferimento da quando è possibile pagare da mobile. Il ritorno alla normalità ha però sottratto tempo agli allenamenti e i club hanno registrato un calo di prenotazioni stimato intorno al 29%, nonostante la riapertura. È quanto emerge dal recente studio condotto dall’Osservatorio di Sportclubby, la piattaforma per prenotare corsi, campi e servizi dedicati a fitness e qualsiasi tipo di sport, che monitora più di 650 realtà, tra strutture e trainer, e oltre 250.000 utenti attivi in Italia.

 

App SportClubby

 

Un’altra indagine condotta su 680 sportivi italiani attivi sulla piattaforma ha consentito di analizzare i principali benefici dell’evoluzione tecnologica che il settore ha vissuto negli ultimi mesi. Tra metà di giugno e metà luglio scorsi, la necessità di garantire la sicurezza degli utenti e monitorare gli accessi alle strutture ha fatto raddoppiare (+95% rispetto allo stesso periodo del 2019) il numero di realtà che hanno digitalizzato i propri servizi e pagamenti tramite Sportclubby. E anche le prenotazioni nei singoli centri sono cresciute del 70% rispetto allo scorso anno. Un trend che aveva iniziato a manifestarsi durante il lockdown, con una crescita di nuovi club “digitali” pari al +130% tra aprile e maggio 2020. Due persone su 3 ritengono che con il digitale sia notevolmente migliorata la comunicazione dei club ed è più facile restare sempre aggiornati sulle attività che propongono. Ad apprezzare il nuovo approccio sono soprattutto i giovani tra i 20 e 35 anni (71%), da sempre abituati a informarsi prevalentemente online, e con l'utilizzo dell'app da parte dei club è migliorato anche l'accesso ai corsi, alle attività e alla prenotazione dei campi: lo afferma il 66% degli intervistati, tra i quali pesa soprattutto il cluster composto dagli under 20 (80%). Un altro plus molto apprezzato dagli utenti è la fruizione mobile di promozioni, eventi e lezioni online, un servizio che piace a più della metà del campione (52%), soprattutto dai giovani non ancora ventenni (68%) e “abbastanza” da un ulteriore 34%. La gestione tramite app di abbonamenti e tesseramenti ha accolto il favore di più della metà degli utenti (53%) ed è piuttosto apprezzata anche da un ulteriore 30% e a trovarsi meglio con le tessere digitali sono i giovani appartenenti alla fascia generazionale 20-35 anni (59%).

 

App SportClubby

 

Stando ai dati rilevati da Sportclubby, il pagamento tramite dispositivo mobile, esploso durante la quarantena, sarebbe definitivamente entrato a far parte della quotidianità degli utenti del fitness e dello sport: dopo il boom registrato durante il lockdown, ha fatto registrare un lieve calo (-9%) imputabile alla diminuzione “fisiologica” di corsi proposti via web. Le transazioni hanno comunque fatto registrare un vero e proprio boom, passando dalle poche decine di euro del giugno 2019 alle centinaia di migliaia di euro del giugno 2020. Dall'indagine emerge inoltre che quasi la metà (46%) degli utenti che ha pagato tramite app per la prima volta nel proprio club dopo la riapertura considera questo servizio molto utile e comodo. Un 23% resta  però scettico e pare non apprezzarlo, soprattutto composto da persone di età compresa tra i 36 e i 55 anni (il 26% di questo cluster si dichiara poco soddisfatto).

Durante il lockdown, il numero di uomini che si allenava svolgendo i corsi trasmessi in streaming era molto inferiore rispetto al numero di donne (circa un terzo), ma dopo la riapertura dei club il divario si è ridotto notevolmente, fino quasi a scomparire: è addirittura il pubblico maschile a manifestare maggiormente l'esigenza di svolgere esercizio fisico. Dopo le riaperture, il numero di utenti di sesso maschile è più che raddoppiati (+107%), mentre quello femminile ha fatto registrare un +49%.

Durante il lockdown, le persone si allenavano in modo omogeneo nel corso di tutta la settimana (fatta eccezione per i weekend) con concentrazioni maggiori tra il martedì e il giovedì. Dopo la riapertura, gli iscritti tendono a utilizzare i club a giorni alterni, preferendo le giornate di lunedì, mercoledì e venerdì. La fascia oraria che registra la maggiore affluenza è rimasta invariata: tra le 18 e le 20, con il picco massimo tra le 19 e le 20. Al mattino, la fascia di punta si è spostata dalle 10-12 alle 9-11, al pomeriggio alle 13-14.

Share

LEGGI ANCHE

Mondo digitale

Pablo Foncillas Diaz-Plaja, esperto di marketing, autore, consulente e docente di fama internazionale, sarà protagonista del webinar, tenuto in lingua inglese, intitolato “How marketing leads the digital transformation: ideas, examples and trends”, proposto da

Sace Simest, la società di Cassa Depositi e Prestiti, sostiene la partecipazione di tutte le piccole e medie imprese, in forma singola o aggregata, a MidCap e grandi aziende a fiere, mostre, missioni di sistema e eventi promozionali, anche virtuali, per promuover

Corpore sano per una mens sana.

Ragazza che gioca a Padel

Tra gli sport che hanno ottenuto maggior successo dopo il lockdown figura sicuramente il Padel, inventato negli ani Sessanta da Enrique Corcuera, svolto utilizzando una racchetta corta più facile da maneggiare, risultando dinamico e reattivo.

Chuck Runyon e Dave Mortensen

Dopo le ultime aperture – avvenute a Rho, in provincia di Milano, a Francavilla, in provincia di Chieti, e a Verona – Anytime Fitness ha reso noto che aprirà altri 9 club nel nostro Paese entro la fine dell’anno, raggiungendo così quota 35.

Migliora l'umore, rafforza la motivazione e trasmette energia. In una parola: musica.