La gamification del fitness

Ragazza svolge videogioco
Autore: 
Redazione
Giovedì, Luglio 26, 2018
Un recente studio condotto negli Stati Uniti e durato sei mesi ha mostrato che gli "exergames", i videogiochi basati sul movimento, sono un efficace strumento per indurre bambini e a svolgere attività fisica con regolarità

Uno dei rimedi alla diffusa sedentarietà infantile e adolescenziale può venire, paradossalmente, dalla tecnologia, più precisamente dai videogiochi di ultima generazione, che consentono di giocare muovendosi.

La gamification del fitness potrebbe dunque essere la leva per convincere i giovanissimi a fare moto. Un recente studio coordinato dall'Università della Louisiana, stato in cui quasi il 50% dei bambini è in sovrappeso o addirittura obeso, ha osservato un campione di bambini di età compresa tra 10 e 12 anni, in sovrappeso e fortemente attratti dai videogiochi, ai quali è stata messa a disposizione, per  6 mesi, l'ultimo modello della console Xbox, dotata di periferica Kinect e dei quattro giochi "exergames", ovvero basati sul movimento, Your Shape: Fitness Evolved 2012, Just Dance 3, Disneyland Adventures e Kinect Sports Season 2.

È stato chiesto loro di dedicare al gioco un'ora al giorno, sfidando on-line gli amici e condividendo i risultati, e la loro attività è stata costantemente monitorata dalla famiglia e dai ricercatori. Grazie agli exergames, i bambini coinvolti hanno svolto, di buon grado, il compito loro assegnato, ovvero un'ora di attività fisica al giorno per ben sei mesi.

Istruttori del fitness e personal trainer potranno in futuro utilizzare strumento on-line, e ovviamente il gioco, per motivare e seguire i propri assistiti, anche di giovanissima età

 

 

 

Share

LEGGI ANCHE

Yoga, terme, massaggi e natura.

Bambina fa yoga

In alcune scuole primarie di Bologna è stato introdotto, a partire dall’anno scolastico appena conclusosi, lo yoga.

“Svegliati presto e, invece di iniziare la giornata in palestra, cominciala in discoteca”. Sembra un paradosso, e invece è l’ultimo, popolarissimo trend del fitness: il Daybreaker, che trasforma la sala da ballo in un luogo di salute e benessere.

Un recente studio dell'Università di Harvard condotto dalla professoressa Amy Cuddy ha individuato una nuova patologia legata all'uso e all'abuso del telefono cellulare.

Nel cervello adulto dei mammiferi esistono aree in cui si originano nuovi neuroni a partire da cellule staminali neurali. Una di queste è denominata zona sottoventricolare (Svz) e rappresenta la principale fonte di nuovi neuroni del cervello dei topi adulti.

Vedere atleti che sfidano ogni limite e riscrivono qualsiasi record, cimentandosi in gare destinate a passare alla storia e in prodezze capaci di incantare il mondo intero, è la norma oggi, nella società ipercomunicativa 4.0 dove tutto sembra essere esasperato, elevato e poi diffuso ai massimi li