La responsabilità per gli infortuni in piscina è del gestore

La responsabilità per gli infortuni in piscina è del gestore big
Una recente sentenza del Tribunale di Bari stabilisce che se l’assistente bagnanti dimostra che il compito affidatogli era oltremodo difficile da svolgere, può evitare la responsabilità, che ricade sul gestore dell’impianto

Una recente sentenza del Tribunale di Bari, inerente gli infortuni in piscina, ha sancito che se un utente si fa male a risponderne sia civilmente, per il risarcimento del danno, sia penalmente è sempre il gestore dell’impianto, anche se a bordo vasca c’è il bagnino. Il gestore è infatti tenuto a garantire l’incolumità fisica degli utenti con un’idonea organizzazione, un’adeguata vigilanza e il rispetto delle norme sulla sicurezza, mentre la responsabilità dell’assistente bagnanti non è automatica, bensì subordinata al fatto che potesse materialmente intervenire.

Un po’ di tempo fa, la Cassazione aveva stabilito che l’assistente bagnante può rispondere di omicidio colposo nel coso in cui un utente accidentalmente anneghi in quanto è il primo a essere obbligato ad attivarsi per scongiurare disgrazie che possano verificarsi sotto i suoi occhi. Essendogli stata affidata la supervisione dell’impianto, ha una posizione di garanzia e non può sostenere, a sua discolpa, si non essere regolarmente assunto. Rilevante è infatti la sua presenza “di fatto” all’interno della struttura. Ma il recente verdetto del tribunale di Bari pone un’eccezione. «Il bagnino – si legge nella sentenza – non è responsabile se non è posto nelle condizioni ottimali per il servizio di salvamento». Nel caso di specie, infatti, l’assistente bagnante doveva sorvegliare ben due piscine su una superficie complessiva superiore al limite massimo di 500 metri quadrati e dalla sua postazione non aveva una visuale ottimale su entrambe. In casi come questo, nei quali il compito di sorveglianza diventa molto difficoltoso, può essere assolto dal reato.

Share

LEGGI ANCHE

Vanessa Ferrari

Con l'hashtag la #iorestoacasa, anche la Federazione Ginnastica d'Italia invitata tutti a restare a casa, continuando però a fare esercizio, a mantene

FIBO 2019

L'edizione 2020 di FIBO, il principale evento espositivo dedicato al settore fitness e wellness a livello mondiale, era in programma alla fiera di Colonia

Basta jogging nei parchi, basta partitelle tra amici nel cortile di casa: AiCS rappresenta un milione di sportivi in Italia, a loro chiedo di stare in casa.

Un milione di euro ai reparti di terapia intensiva degli ospedali della Romagna, per l’acquisto urgente di postazioni e macchinari.

L'Università di Bologna non si ferma e dopo aver portato in modalità a distanza didattica, esami, lauree e i servizi all’utenza, da domani sbarca sui social con alcuni appuntamenti culturali e sportivi.

Con il decreto della Presidenza del Consiglio dei ministri del 9 marzo scorso, il Governo guidato dal premier Giuseppe Conte ha esteso la 'zona rossa' a tutta l'Italia, nel tentativo di contenere e contrastare la diffusione del Coronavirus.