La responsabilità per gli infortuni in piscina è del gestore

La responsabilità per gli infortuni in piscina è del gestore big
Una recente sentenza del Tribunale di Bari stabilisce che se l’assistente bagnanti dimostra che il compito affidatogli era oltremodo difficile da svolgere, può evitare la responsabilità, che ricade sul gestore dell’impianto

Una recente sentenza del Tribunale di Bari, inerente gli infortuni in piscina, ha sancito che se un utente si fa male a risponderne sia civilmente, per il risarcimento del danno, sia penalmente è sempre il gestore dell’impianto, anche se a bordo vasca c’è il bagnino. Il gestore è infatti tenuto a garantire l’incolumità fisica degli utenti con un’idonea organizzazione, un’adeguata vigilanza e il rispetto delle norme sulla sicurezza, mentre la responsabilità dell’assistente bagnanti non è automatica, bensì subordinata al fatto che potesse materialmente intervenire.

Un po’ di tempo fa, la Cassazione aveva stabilito che l’assistente bagnante può rispondere di omicidio colposo nel coso in cui un utente accidentalmente anneghi in quanto è il primo a essere obbligato ad attivarsi per scongiurare disgrazie che possano verificarsi sotto i suoi occhi. Essendogli stata affidata la supervisione dell’impianto, ha una posizione di garanzia e non può sostenere, a sua discolpa, si non essere regolarmente assunto. Rilevante è infatti la sua presenza “di fatto” all’interno della struttura. Ma il recente verdetto del tribunale di Bari pone un’eccezione. «Il bagnino – si legge nella sentenza – non è responsabile se non è posto nelle condizioni ottimali per il servizio di salvamento». Nel caso di specie, infatti, l’assistente bagnante doveva sorvegliare ben due piscine su una superficie complessiva superiore al limite massimo di 500 metri quadrati e dalla sua postazione non aveva una visuale ottimale su entrambe. In casi come questo, nei quali il compito di sorveglianza diventa molto difficoltoso, può essere assolto dal reato.

Share

LEGGI ANCHE

Sito QRS - Qui Radio Salute

La prima web radio tv dedicata alla salute ha fatto il suo debutto il 4 febbraio scorso.

Chroma Yoga

Lo yoga, dopo aver recentemente sperimentato le alte e le basse temperature e visto nascere classi appositamente pensate per avvicinare il pubblico maschile, continua a evolversi: ora, per stimolare mente, corpo e sensi, punta sui colori.

Allenamento Victus Soul

L'effervescente mercato londinese dei piccoli studi specializzati, più noti come boutique, registra il debutto di un nuovo operatore: Victus Soul, che propone lezioni da 40 e 60 minuti, basate sui connubi HIIT e boxe e HI

pool running

La corsa scopre una nuova, inedita, versione acquatica: il pool running, particolarmente amato e diffuso nei paesi anglosassoni.

Convegno ANIF ForumClub 2018

In occasione del 20°  ForumClub, che si terrà nel Padiglione 19 della Fiera di Bologna e nell'attiguo Palazzo del Congressi, ANIF–Eurowel

Un recente studio ISTAT ha rivelato che 23 milioni e 85mila italiani non praticano sport e tantomeno attività fisica nel tempo libero. Nello specifico, è sedentario il 43,4% delle donne e il 34,8% degli uomini.