La responsabilità per gli infortuni in piscina è del gestore

La responsabilità per gli infortuni in piscina è del gestore big
Una recente sentenza del Tribunale di Bari stabilisce che se l’assistente bagnanti dimostra che il compito affidatogli era oltremodo difficile da svolgere, può evitare la responsabilità, che ricade sul gestore dell’impianto

Una recente sentenza del Tribunale di Bari, inerente gli infortuni in piscina, ha sancito che se un utente si fa male a risponderne sia civilmente, per il risarcimento del danno, sia penalmente è sempre il gestore dell’impianto, anche se a bordo vasca c’è il bagnino. Il gestore è infatti tenuto a garantire l’incolumità fisica degli utenti con un’idonea organizzazione, un’adeguata vigilanza e il rispetto delle norme sulla sicurezza, mentre la responsabilità dell’assistente bagnanti non è automatica, bensì subordinata al fatto che potesse materialmente intervenire.

Un po’ di tempo fa, la Cassazione aveva stabilito che l’assistente bagnante può rispondere di omicidio colposo nel coso in cui un utente accidentalmente anneghi in quanto è il primo a essere obbligato ad attivarsi per scongiurare disgrazie che possano verificarsi sotto i suoi occhi. Essendogli stata affidata la supervisione dell’impianto, ha una posizione di garanzia e non può sostenere, a sua discolpa, si non essere regolarmente assunto. Rilevante è infatti la sua presenza “di fatto” all’interno della struttura. Ma il recente verdetto del tribunale di Bari pone un’eccezione. «Il bagnino – si legge nella sentenza – non è responsabile se non è posto nelle condizioni ottimali per il servizio di salvamento». Nel caso di specie, infatti, l’assistente bagnante doveva sorvegliare ben due piscine su una superficie complessiva superiore al limite massimo di 500 metri quadrati e dalla sua postazione non aveva una visuale ottimale su entrambe. In casi come questo, nei quali il compito di sorveglianza diventa molto difficoltoso, può essere assolto dal reato.

Share

LEGGI ANCHE

Bibione Beach Fitness 2018

La 14^ edizione di Bibione Beach Fitness, la grande convention italiana dedicata al fitness en plein air, si terrà sulla spiaggia di Bibione, situata un centinaio di chilometri a nord di Venezia, nel lungo weekend del 20-22 settembre pro

Cannabidiolo per recuperare dopo un intenso allenamento in palestra.

Esercizio di Bowpring

Ideato negli Stati Uniti da John Friend e Desi Springer, il metodo il Bowspring si sta diffondendo anche in Italia.

Logo David Lloyd Clubs

Il colosso britannico David Lloyd Leisure – il maggiore operatore europeo per fatturato (545 milioni di euro) che conta 114 premium club in 8 paesi, 99 dei quali nel Regno Unito – ha recentemente reso noto che entro la fi

Foto di gruppo workshop “Train Clean, Feel Good!”

Train Clean, Feel Good!” è il claim scelto dalla nota catena di club McFIT per la seconda edizione del workshop organizzato per ribadire, ai propri club manager, l’impegno del brand per promuovere una pratica sp

Chiquita fitness challenge

Le banane sono un alimento adatto a chi pratica sport e fitness in quanto contengono sostanze sane e nutrienti preziosi.